--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cultura - Da sabato 11 a domenica 19 giugno il borgo medioevale sarà il teatro di un nuovo progetto espositivo

Associazione Ipazia in mostra a Calcata

Condividi la notizia:

Il borgo di Calcata nel parco del Treja

Il borgo di Calcata nel parco del Treja

Calcata – Da sabato 11 a domenica 19 giugno il borgo medioevale di Calcata sarà il teatro del nuovo progetto espositivo dell’associazione artistica Ipazia Immaginepensiero Onlus, che porterà in tre diverse location dell’incantevole paesino, sospeso su una rupe di pietra vulcanica e affacciato sulla Valle del fiume Treja, opere di pittori e scultori accomunati dalla stessa attenzione per le forme e il loro rapporto con il pensiero e la realtà.

Nelle sale del Palazzo Baronale gli intensi colori dei paesaggi di Gabriella Amato si confronteranno con le vibrazioni delle forme sonore dello scultore Roberto Marino.

Il centro culturale Granarone ospiterà la ricerca svolta da Armando Pelliccioni dal 2006 al 2016 sulle relazioni tra geometrie euclidee, caos ed esplosioni, tesa a dare, in un serrato confronto tra arte e scienza, forma all’universale dell’uomo.

Infine la “Grottaferrata” di Paolo Camiz offrirà spazio agli acquerelli con cui Orazio Cordischi trasforma in materia e colore l’invisibile dell’essere umano e alle sculture in ferro dello stesso Camiz, tra cui le recenti la Grande vela e la Selva dei totem.

Sabato 11 giugno l’esposizione sarà inaugurata alle 17.30 al Palazzo Baronale, nel centro storico di Calcata.

Successivamente sono previsti due incontri: alle 18:30 al Granarone (in via di Porta Segreta 8) e a seguire nella “Grottaferrata” di Paolo Camiz (in via Marconi 10).

Sabato 18 giugno, alle 18:00, nel Palazzo Baronale si svolgerà un evento musicale che vedrà il polistrumentista Oscar Bonelli suonare strumenti etnici e far vibrare “le forme sonore” di Roberto Marino.


Condividi la notizia:
16 giugno, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR