--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Omicidio del Riello - La sentenza slitta a luglio

Chiesti 12 anni per Battaglia

Condividi la notizia:

Sabato Louis Francesco Battaglia

Sabato Louis Francesco Battaglia

Federico Venzi

Federico Venzi

Viterbo – Dodici anni di reclusione. E’ la richiesta della procura per Sabato Battaglia, 23enne viterbese, accusato dell’omicidio del Riello: all’alba del 27 settembre uccise a pugni Federico Venzi, 43 anni, romano residente a Caprarola.

Oggi pomeriggio, processo con rito abbreviato davanti al gup di Viterbo Savina Poli. Nessuna sentenza. Non oggi: dopo la requisitoria del pm Massimiliano Siddi e le arringhe degli avvocati di parte civile e difesa, il giudice ha rinviato l’udienza a luglio per le repliche e la decisione.

Per la difesa, rappresentata dall’avvocato Antonella Durano, Battaglia va assolto perché il fatto non costituisce reato. Ossia: non c’è stato nessun omicidio volontario, semmai preterintenzionale. La differenza è nella volontarietà dell’azione e nella prevedibilità delle conseguenze: Battaglia non voleva uccidere. Secondo il legale, avrebbe agito per proteggere se stesso e la fidanzata da un potenziale pericolo, l’incontro con due sconosciuti in piena notte, più robusti di lui e col doppio dei suoi anni. Ma c’è di più: secondo il consulente medico legale della difesa Giorgio Bolino, Venzi non sarebbe mai morto per i soli pugni sferrati da Battaglia. Soffocamento la causa della morte, perché Venzi, per la difesa, avrebbe ingerito pezzi della sua stessa protesi dentaria. Una morte imprevista e imprevedibile che per l’avvocato Durano è una tragica fatalità.

La procura non arretra: per il pm l’accusa resta omicidio volontario. Il magistrato ha riconosciuto a Battaglia nel calcolo della pena le attenuanti generiche e lo sconto di pena per il rito abbreviato.

La parte civile – avvocati Samuele De Santis e Luca Tedeschi – ha chiesto 500mila euro di risarcimento per la madre e i fratelli di Venzi.

Battaglia è figlio di un pentito di camorra, morto suicida. Da quel 27 settembre non è mai uscito dal carcere. Quando incontra la vittima alla rotatoria del Riello, il ragazzo è con la fidanzata, studentessa universitaria di Vetralla. Venzi viene da un locale dove ha passato la serata con un conoscente di nazionalità marocchina: ubriachi, si stanno incamminando a piedi alla rotatoria.

All’uscita di via della Palazzina, lato Ipercoop, incrociano Battaglia e la fidanzata che parlano. Venzi vede la ragazza semi sdraiata a terra. Pensa a un’aggressione e offre il suo aiuto, chiede se c’è bisogno di chiamare i carabinieri. Da Battaglia ottiene una risposta tipo: “Se non te ne vai li chiamo io”.

Sembra finire lì, con i due ragazzi che si allontanano a piedi. Ma Venzi e l’amico li seguono e Battaglia non gradisce. Cinquanta metri al massimo, tempo di raggiungere a piedi l’uscita vicina della rotatoria che imbocca su via Aldo Moro: qui, i pugni che atterrano Venzi e i fidanzati che scappano via. Il 43enne muore dopo tre ore all’ospedale Belcolle.

L’amico marocchino non sarà in grado neppure di chiamare il 118: sono dei passanti a soccorrere Venzi, in una notte maledetta. L’allarme ai soccorsi viene dato dai parenti delle vittime dell’incidente di poche ore prima sulla Tuscanese: tre morti nello schianto tra un’auto e una moto. E poi Venzi che arriva più morto che vivo in ospedale.

Interrogato dal pm, Battaglia dirà di essersi sentito vittima di un’aggressione. Ma a sconfessarlo è la fidanzata che, ascoltata più volte, non conferma che Venzi avesse intenzioni minacciose. Il pm la iscrive comunque nel registro degli indagati per favoreggiamento insieme a due amici di Battaglia. Posizioni ancora al vaglio della procura, che dovrà decidere se portarle avanti o meno.

La sentenza a luglio.


Condividi la notizia:
24 giugno, 2016

Omicidio del Riello ... Gli articoli

  1. Battaglia di nuovo in carcere, il difensore: "Ce lo aspettavamo"
  2. Omicidio del Riello, Battaglia torna in carcere
  3. "Non auguro a nessuno di incontrare per strada l'omicida del figlio"
  4. Omicidio del Riello, Battaglia chiede i domiciliari a casa della madre
  5. "Sarebbe un'attenuante risarcire la mamma e i fratelli di Federico"
  6. Pena troppo alta, Battaglia chiede l'annullamento
  7. "Perché si vuole riabilitare un ragazzo violento?"
  8. Omicidio del Riello, Battaglia fuori dal carcere
  9. "Sarebbero poco rassicuranti per tutti i domiciliari a Battaglia"
  10. "E ora Battaglia fuori dal carcere..."
  11. Omicidio del Riello, 9 anni e 10 mesi a Battaglia
  12. Omicidio del Riello, si torna in aula
  13. Sabato Battaglia non è un mostro
  14. "Per la morte di Venzi chiederemo i soldi allo stato"
  15. "Un totale disprezzo della vita"
  16. Sabato Battaglia condannato a 12 anni
  17. Omicidio del Riello, conto alla rovescia per la sentenza
  18. "Una tragedia che ha distrutto due famiglie"
  19. Omicidio del Riello, oggi la sentenza
  20. Omicidio del Riello, udienza lampo
  21. Omicidio del Riello, processo a Battaglia
  22. Omicidio del Riello, a giugno il processo
  23. Omicidio del Riello, Battaglia chiede l'abbreviato
  24. Omicidio del Riello, la procura vuole il processo subito
  25. La difesa in Cassazione: "Battaglia non voleva uccidere"
  26. Venzi soffocato dal suo stesso sangue
  27. Omicidio del Riello, chiesto un mese per l'autopsia
  28. Omicidio del Riello, si allungano i tempi per l'autopsia
  29. Omicidio del Riello, Battaglia ricorre in Cassazione
  30. Sabato Battaglia resta in carcere
  31. Il Riesame prende tempo su Sabato Battaglia
  32. Oggi il Riesame per Sabato Battaglia
  33. Omicidio del Riello, ascoltata la fidanzata di Battaglia
  34. Sabato Battaglia via da Mammagialla
  35. Omicidio del Riello, slitta l'udienza per Sabato Battaglia
  36. Omicidio del Riello, Battaglia davanti al Riesame lunedì
  37. Omicidio del Riello, Battaglia davanti al Riesame
  38. Venzi voleva chiamare i carabinieri
  39. Raccolta fondi per l'omicida
  40. Venzi voleva difendere la ragazza
  41. Omicidio del Riello, denunciati due amici di Battaglia
  42. Omicidio del Riello, Battaglia resta in carcere
  43. Omicidio del Riello, chiesti i domiciliari per Battaglia
  44. "Battaglia si sente vittima di un'aggressione"
  45. Omicidio del Riello, Battaglia figlio di un pentito di camorra
  46. Pugni letali al viso e alla trachea
  47. L'omicida del Riello è un ventiduenne
  48. Pestato a morte, un fermo per omicidio
  49. Pestato e ucciso al Riello
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR