Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Bloccato mentre cercava di raggiungere il ripostiglio dove teneva proiettili e polvere da sparo

Minaccia di sparare a moglie e figli, condannato

Condividi la notizia:

Il tribunale di Viterbo

Il tribunale di Viterbo

Viterbo – Minacciò di far fuori moglie e figli. Lo bloccarono mentre cercava di raggiungere il ripostiglio dove teneva proiettili e polvere da sparo.

E’ stato condannato a quattro mesi il 49enne viterbese accusato di aver dato in escandescenze, spaventando la moglie e l’unica dei suoi figli che, in quel momento, era in casa. L’uomo rispondeva di resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale e alla moglie, minacce, ingiurie e detenzione abusiva di arma.

La moglie prendeva il caffè in casa con una conoscente quando lui, improvvisamente, avrebbe iniziato a urlare e lanciare minacce.

“Ho settanta colpi, ammazzo te e i figli”, avrebbe detto alla moglie, per poi scagliarsi contro i poliziotti al loro arrivo, tirando calci, pugni e minacciando anche loro di uccidergli i familiari.

La moglie e gli agenti finirono al pronto soccorso, rispettivamente con dieci e cinque giorni di prognosi. Nei confronti del marito, invalido al cento per cento e gravemente malato, secondo la documentazione clinica prodotta al processo dal suo avvocato Giuseppe Picchiarelli, la donna avrebbe ritirato la denuncia.


Condividi la notizia:
10 giugno, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR