--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Processo Asl - Moscaroli racconta - L'imprenditore ascoltato per due ore in tribunale

“Trentamila euro in tre anni al partito”

di Stefania Moretti
Condividi la notizia:

Alfredo Moscaroli

Alfredo Moscaroli

Viterbo – 30mila euro di finanziamenti al partito. 10mila all’anno.

Alfredo Moscaroli, ex patron dell’azienda informatica Isa, racconta al processo asl di averli versati tra 2006, 2007 e 2009, con la sola esclusione del 2008, tramite un bonifico al cassiere Ciorba.

Il partito. Ma quale partito? Moscaroli non ricorda. “La Margherita o il Pd”, spiega davanti ai giudici, imputato per corruzione e turbativa d’asta a sette anni dal suo arresto. “A propormelo fu Mauro Paoloni – dice Moscaroli -. Era il 2006: il direttore generale della asl Giuseppe Aloisio si era insediato da un anno. L’aria era pesante. Di terrore quasi: più di un dirigente fu sostituito dall’oggi al domani. Paoloni era il suo braccio destro, una specie di vicedirettore. Andai a parlare con lui per questioni tecniche. Poi, dal nulla, mi disse che ‘il partito avrebbe gradito un riconoscimento’. E io ho dato 10mila euro. Per tre volte”. Sono gli “appoggi e finanziamenti al partito di riferimento di Aloisio” di cui i pm Stefano D’Arma e Fabrizio Tucci scrivono nell’avviso di fine inchiesta, relativamente ai presunti appalti truccati alla Isa.

Prima di Moscaroli, pochi minuti dedicati a Luciano Facchini, imputato per un altro appalto e per l’incarico a Paoloni nel cda dell’azienda che lo vinse. “Ci serviva un consigliere e Paoloni aveva tutti i requisiti”. Nessun problema né di ‘conflitti di interessi’ né di ‘questioni di opportunità’, per Facchini. Ma chi parla più a lungo è Moscaroli.

L’imprenditore era già stato ascoltato per tre udienze di fila al processo parallelo per le tangenti a ex dirigenti delle asl di Rieti e Roma H. Moscaroli riavvolge il nastro fino agli anni Novanta, agli albori della sua collaborazione con la asl, che all’epoca si chiamava ancora usl. Per l’azienda era come spiccare il volo. Un salto di qualità dai privati alla pubblica amministrazione, ma non andò come Moscaroli sperava. In aula fa i nomi degli ex dg che gli chiesero soldi. Milioni. Dalla seconda metà degli anni Novanta, le richieste in quello che Moscaroli definisce “sistema” vengono da Ferdinando Selvaggini, ex responsabile del centro elaborazione dati della Asl. “Mi disse che era stanco di far prendere i soldi agli altri e che la musica sarebbe cambiata: da quel momento in poi chi voleva lavorare doveva passare per lui o sul suo cadavere”. E così, 2mila euro al mese a Selvaggini con una riserva di fondi neri. Ma con i soli fondi neri, Moscaroli non ce la fa. La soluzione è trasformare la Isa in un ufficio di collocamento. Suo malgrado: “Assunsi la moglie di Selvaggini per lavori di grafica. Da imprenditore, l’unica possibilità che avevo era trasformare quella situazione in una qualche forma di investimento per l’azienda”.

Anni dopo, la Isa assume anche la moglie di Massimo Ceccarelli, accusato di aver spartito tangenti con Selvaggini, e il nipote di Luciano Mingiacchi, ex numero uno della asl di Roma H. Ceccarelli ha patteggiato due anni, arrestato due volte con mazzette in mano. Mingiacchi ha una condanna in primo grado a quattro anni per corruzione: altre tangenti, nel filone romano-reatino della maxinchiesta asl (le convenzioni con le aziende sanitarie di Rieti e Roma H).

Moscaroli paga tutti e di tutti ricorda il prezzo. Selvaggini e signora (“sui 4mila euro al mese complessivi”). Ceccarelli e signora (“60mila euro in un anno fatturati, per i 30mila euro chiesti da Ceccarelli e Selvaggini”). Mingiacchi e nipote (“5mila euro ciascuno al mese”). “In molti casi ci rimettevo, ma non avevo scelta: pagavo per avere la garanzia che non mi sarebbero stati messi i bastoni tra le ruote. Il vero guadagno della Isa non veniva dalla asl, ma dai rapporti con Regione, privati e enti pubblici ‘sani’, che non chiedevano tangenti”. 

Sullo sfondo c’è sempre la politica. Vale per Mingiacchi (“non era uno sconosciuto, era molto legato alla politica, faceva spesso cene elettorali…”), come per Selvaggini. “Non un funzionario qualunque – secondo Moscaroli -, ma uno che per la politica contava. Era l’unico che maneggiava informazioni utili: disponeva di centinaia di indirizzi che potevano servire per mandare i ‘santini’ elettorali, come delle password di tutti gli applicativi. In pratica aveva le chiavi del sistema”.

Stefania Moretti


Condividi la notizia:
25 giugno, 2016

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. "Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno"
  22. Aloisio interrogato per tre ore
  23. "Bisogna sostenere il partito"
  24. La morte lenta del processo Asl
  25. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  26. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  27. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR