Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ansbach (Germania) -  Il responsabile sarebbe morto piazzando l'ordigno

Bomba davanti a un locale, 12 feriti

Condividi la notizia:

La polizia tedesca

La polizia tedesca

Ansbach (Germania) – Mohammed Delel, un rifugiato siriano di 21 anni si fa esplodere davanti a un ristorante a Ansbach. Dodici feriti nessuno dei quali in pericolo di vita.

La bomba sarebbe esplosa nelle vicinanze di un festival musicale dove 2500 persone stavano assistendo ad un concerto. Il luogo è stato subito evacuato.

L’esplosione avrebbe ucciso l’attentatore e ferito 12 persone. Il ministro dell’Interno bavarese fa sapere che l’uomo avrebbe provato a entrare al concerto, ma sarebbe stato bloccato perché senza biglietto.

L’attentatore, la cui domanda d’asilo era stata rifiutata, era in Germania con un permesso di soggiorno provvisorio. L’uomo aveva già tentato il suicidio più volte ed era stato ricoverato per problemi psichiatrici.

Nel telefonino dell’attentatore gli inquirenti hanno trovato prove della sua adesione all’Is. In particolare un video in cui Delel minaccerebbe in arabo un nuovo attentato in Germania.  A quanto riportato dal ministro degli interni bavarese lo zaino dell’uomo conteneva materiale per uccidere molte più persone di quelle coinvolte nell’esplosione. 

La bomba usata nell’attentato era di fabbricazione artigianale. Inoltre nell’appartamento di Delel sono stati trovati altri materiali per la fabbricazione di bombe. Gli inquirenti stanno ora passando al vaglio gli account Facebook e Whatsapp dell’attentatore.


Condividi la notizia:
25 luglio, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR