--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Maxiprocesso Asl - Giuseppe Aloisio per tre ore in aula - L'ex direttore si difende dalle accuse

“Mai chiesto nulla, mai terrorizzato nessuno”

Condividi la notizia:

Giuseppe Aloisio

Giuseppe Aloisio

Il maxiprocesso Asl

Il maxiprocesso Asl

Viterbo – “Non ho mai chiesto nulla. Non ho mai terrorizzato nessuno”.

La verità di Giuseppe Aloisio. In aula l’ex direttore della Asl di Viterbo risponde per tre ore e un quarto alle domande di pm e avvocati.

Dal 2013, nel maxiprocesso Asl, lo accusano di turbativa d’asta, corruzione, concussione (nell’ipotesi più lieve d’induzione indebita a dare o promettere utilità), falso e abuso d’ufficio. Sull’ex numero uno dell’azienda sanitaria viterbese pendono quindici capi d’imputazione.

Lui, ieri, parlando per la prima volta in udienza pubblica, ha replicato spedito. “Non ho mai chiesto nulla né per me né per altri. Tantomeno a Tommaso Rossi (ex titolare dell’Italbyte, ndr). Non ho mai preteso che garantisse a mia moglie (Piera Coscarelli, ndr) i voti per le elezioni amministrative. Era già una consigliera comunale molto conosciuta e non c’era alcuna necessità di chiedere voti a qualcuno. Alla fine ne ha presi quattrocento. Se Rossi l’avesse aiutata ne avrebbe avuti 3mila”.

Aloisio, durante i quattro anni di dirigenza, dal 2005 al 2009, non avrebbe mai chiesto niente a nessuno. Anzi, sarebbero stati gli altri a fare avanti e indietro dal suo studio. “La porta era sempre aperta e tutti potevano vedere chi entrava. Venivano a centinaia per un posto di lavoro. Avevo un armadio pieno di curricula, ma non ho mai favorito nessuno. Forse sono stato uno dei pochi, perché alla Asl di Viterbo ci sono tantissimi ‘figli di…’. Figli, nipoti, mogli e cognati di dirigenti che sono andati in pensione ma il nome Aloisio non compare mai. Provai addirittura vergogna quando accettammo un progetto della moglie di Paoloni”.

Si tratta del laboratorio artistico per disabili Aureart dove aveva un incarico d’insegnante la moglie di Mauro Paoloni, braccio destro di Aloisio. E’ da lui e da Ferdinando Selvaggini (responsabile del Ced fino al 2009) che l’ex numero uno della Asl di Viterbo si faceva aiutare e consigliare. “Non avevo competenze gestionali e aziendali – racconta Aloisio -, così chiedevo pareri a Paoloni che è un professionista di valore. Anche Selvaggini è stata una persona a me molto vicina. Era efficiente e un gran lavoratore. Rimaneva in Asl dalla mattina alla sera. La conosceva come nessuno. Mi fidavo, anche perché si opponeva all’anarchia esistente”.

Aloisio racconta della drammatica situazione che regnava, quando mise piede in Asl: strutture ospedaliere obsolete, frammentazione di uffici e troppa mobilità passiva. “C’era anarchia totale e questa politica faceva comodo a molti. Appena ho cominciato a spazzarla via e a fare i primi lavori di riorganizzazione, hanno iniziato a chiamarmi il terrorizzatore”, rimarca Aloisio.

L’ex direttore si riferisce allo stuolo di dirigenti che hanno deposto contro di lui. In quell’occasione hanno parlato di “imposizioni”, “intimidazioni” e di “vita impossibile per chi gli si metteva contro”.

Ma Aloisio non ci sta e ribatte: “Avevo un rapporto di cordialità con tutti. Davo indicazioni ma non ho mai ordinato nulla a nessuno, perché non è nel mio carattere essere un generale”.


Condividi la notizia:
8 luglio, 2016

Inchiesta Asl - Aloisio & Co. ... Gli articoli

  1. Finisce nel nulla il maxiprocesso Asl
  2. Assoluzioni e prescrizioni per Aloisio e Leoncini
  3. Maxinchiesta Asl, è il giorno della sentenza
  4. "Non c'era un sistema Moscaroli, ma un sistema Selvaggini"
  5. "Il Gruppo RoRi va assolto, perché gli Angelucci sono innocenti"
  6. "Pacifica la gestione accentratrice e autoritaria di Aloisio"
  7. Tangenti in cambio di appalti, chiesta condanna a 60mila euro
  8. Maxiprocesso Asl, chiesti tre anni e mezzo per Aloisio
  9. Ferdinando Selvaggini fuori dal maxiprocesso Asl
  10. "Gianlorenzo favoriva o danneggiava 'su richiesta' il politico o il manager di turno..."
  11. "Se ti fai arrestare dalla polizia, non ti rivolgo più la parola..."
  12. Nel maxiprocesso Asl irrompono le carte della "macchina del fango"
  13. "Gianlorenzo mi chiamava spesso, gli posso aver detto bravo..."
  14. Maxiprocesso Asl, l'ex comandante dei carabinieri Dell'Agnello in aula
  15. Aloisio, tre assoluzioni e una pioggia di prescrizioni
  16. "Aloisio, non fu concussione"
  17. "Aloisio voleva salvare i posti di lavoro"
  18. Mauro Paoloni fuori dal maxiprocesso Asl
  19. "Una tangente per ogni lavoro affidato"
  20. Il maxiprocesso Asl perde pezzi
  21. Aloisio interrogato per tre ore
  22. "Trentamila euro in tre anni al partito"
  23. "Bisogna sostenere il partito"
  24. La morte lenta del processo Asl
  25. Maxiprocesso Asl, a giugno parla Aloisio
  26. "Paoloni? Non sapevamo che era un pezzo grosso..."
  27. "La tessera della Margherita? Non ce l'avevo nemmeno io..."
  28. Paoloni interrogato in aula per tre ore
  29. "Direttore amministrativo? Solo con la tessera della Margherita..."
  30. "Soldi per il Pd, me li chiese Selvaggini"
  31. "Tangenti, tutti sapevano che ero ricattato"
  32. Asl, i pm: "Falsa testimonianza"
  33. Pagavano tangenti in ritardo... cacciati
  34. "Casa di cura di Nepi, 27 milioni di euro in quattro anni"
  35. "Aloisio ordinava e Selvaggini dava di matto"
  36. "Tangenti a metà con Selvaggini"
  37. Quintarelli: "Fioroni mi volle alla segreteria di Aloisio"
  38. "Con la tessera della Margherita farai carriera..."
  39. Aloisio e Paoloni, la difesa: "Nessun fatto concreto"
  40. "Vita impossibile a chi ostacolava Aloisio e Paoloni"
  41. "Quattro ore chiuso nel portabagagli per arrestarli..."
  42. "Con Aloisio? Non ci potevamo vedere"
  43. Scuola Aureart, raccolta firme per non farla chiudere
  44. Abbott e Cittadella, prime accuse in prescrizione
  45. Quel parere "anomalo" sull'Aureart...
  46. Trecentomila euro dalla Asl all'Aureart
  47. Maxiprocesso Asl, fuori l'associazione Caponnetto
  48. La difesa di Aloisio: Daga chi?
  49. Asl, una notifica ingolfa il processo
  50. Maxi processo Asl, giudici incompatibili
  51. Maxi processo Asl già bloccato in partenza
  52. Maxi inchiesta Asl, tutti rinviati a giudizio
  53. "Aloisio non ha preso un euro"
  54. Maxi inchiesta Asl, parola ancora alle difese
  55. Inchiesta Asl, l'indagato Bianchini parla in aula
  56. Asl, le difese: Dov'è la corruzione?
  57. Ventinove richieste di rinvio a giudizio
  58. Inchiesta Asl, riuniti i due filoni
  59. Inchiesta Asl, l'udienza salta per una consulenza
  60. Inchiesta Asl, valanga di eccezioni
  61. Maxi inchiesta Asl, se ne parla tra un mese
  62. Maxi inchiesta Asl, rinvio annunciato
  63. Maxi inchiesta Asl, slitta l'udienza
  64. Maxi inchiesta Asl, al via l'udienza preliminare
  65. Maxi consulenze Asl, danno da 6,5 milioni
  66. Maxi inchiesta Asl, tutti davanti al gup
  67. Inchiesta Asl, 23 richieste di rinvio a giudizio
  68. Sì all'immobile al posto dei conti
  69. Richieste di arresto, nessun ricorso in Cassazione
  70. "Ora si riconosca l'infondatezza delle accuse"
  71. Respinte le richieste di arresto per Aloisio & Co.
  72. Il Gruppo Ro.Ri. pagherà i lavoratori
  73. Gruppo Ro.Ri., stato d'agitazione e due ore di sciopero
  74. Richieste di arresto per Aloisio & co, i giudici si riservano
  75. Inchiesta Asl, oggi l'udienza per le richieste d'arresto
  76. "Dissequestrate i conti degli Angelucci"
  77. Oltre quattro ore di interrogatorio
  78. Aloisio di nuovo dai pm
  79. Carcere per Aloisio & co., a giorni la decisione
  80. Paoloni interrogato per oltre quattro ore
  81. Aloisio interrogato dai pm per sei ore
  82. Richieste di arresto per Aloisio & Co., se ne parla a maggio
  83. Centro diabetologico, disposto il sequestro
  84. Centro diabetologico, i giudici ci pensano
  85. Selvaggini cambia avvocato
  86. Centro diabetologico, la decisione è vicina
  87. Inchiesta Asl, Ceccarelli dai pm
  88. Anche Aloisio vuole essere ascoltato dai pm
  89. Paoloni chiede di essere interrogato
  90. Un immobile al posto dei conti
  91. "Ci sono stati contributi della Isa al Pd"
  92. "I bilanci del Pd controllati dai pm e regolari"
  93. Un'inchiesta pesante e complessa
  94. Inchiesta Asl, spuntano richieste di finanziamenti per Margherita/Pd
  95. Asl, chiuso il secondo filone d'indagine
  96. Gli Angelucci chiedono di pagare i fornitori
  97. Una truffa da oltre 20 milioni di euro
  98. "Il centro diabetologico garantisce il servizio"
  99. Chiesto il sequestro del centro diabetologico
  100. Appalti in cambio di consenso politico
  101. "Chiederemo di essere interrogati"
  102. Asl, 19 gli indagati
  103. Chiusa l'inchiesta Asl
    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR