Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'assessora Troncarelli replica al segretario Fp–Cgil Antonella Ambrosini

“I genitori hanno scelto in quale asilo iscrivere i figli”

Condividi la notizia:

Alessandra Troncarelli

Alessandra Troncarelli

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Mi vedo costretta a replicare alle parole del segretario Fp – Cgil Antonella Ambrosini, in merito alla situazione degli asili nido convenzionati.

Voglio ricordare che più volte e in varie sedi ho chiarito che il Comune non ha fatto alcuna “ripartizione” degli iscritti in favore di alcune strutture accreditate e né tantomeno a danno di altre.

Ai genitori non è stato riferito alcun dato circa la disponibilità di posti presso le varie strutture, è stato chiarito esclusivamente il numero di iscritti di cui il Comune, nei limiti imposti dal bilancio, avrebbe potuto farsi carico.

La scelta dell’asilo presso il quale iscrivere i propri figli è stata esclusiva facoltà dei genitori, i quali hanno operato in piena libertà anche a seguito dell’open-day che ha consentito loro di visitare le strutture accreditate e di valutare il più corrispondente alle proprie esigenze.

Quanto appena detto vale anche per i lattanti, i cui genitori, avendo scelto per primi i posti disponibili tra tutte le strutture, non sono stati “smistati”, ma saranno tutti accolti dalle strutture scelte dagli stessi.

Appare opportuno ribadire che quest’anno i posti per i nuovi iscritti sono inferiori rispetto a quelli messi a disposizione lo scorso anno. Pur nei limiti imposti dal bilancio, sono comunque 120 gli iscritti nei vari asili nido accreditati presenti in città.

Quest’amministrazione, e in particolare l’assessorato alle politiche sociali, non può essere accusato di aver portato la gestione delle iscrizioni nel “caos più totale”, a meno che non si voglia stravolgere il significato etimologico del termine e con “caos” intendere trasparenza e attiva partecipazione dei genitori.

Alessandra Troncarelli
Assessore alle Politiche Sociali


Condividi la notizia:
31 agosto, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR