Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Terremoto nel centro Italia - Le vite spezzate degli abitanti di Amatrice

Macerie, polvere e disperazione

di Francesco Corsi
Condividi la notizia:

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice – Un’unità cinofila

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice

Terremoto - Retrosi

Terremoto – Retrosi

Terremoto - Amatrice - I vigili del fuoco

Terremoto – Amatrice – I vigili del fuoco

Terremoto - Amatrice - I manifesti che annunciano la festa

Terremoto – Amatrice – I manifesti che annunciano la festa

Terremoto - Amatrice - La scuola distrutta dal sisma

Terremoto – Amatrice – La scuola distrutta dal sisma

Terremoto - Amatrice - Un cartello di divieto di sosta in vista della festa

Terremoto – Amatrice – Un cartello di divieto di sosta in vista della festa

Abbiamo chiesto al giornalista Francesco Corsi, che in questi giorni si è recato nei luoghi del terremoto, una cronaca di quanto ha potuto vedere.
Amatrice – I turisti prendono trote nel laghetto di pesca sportiva sulla Salaria: l’hanno costruito tra Rieti e Amatrice, vicino Antrodoco, ed è perfino giusto che la vita continui il suo ritmo banale a nemmeno 40 km dall’inferno.

Fotocronaca:  Amatrice e frazioni – slide

Riprenderà anche sotto ai monti della Laga, lo dicono i preti nelle omelie, lo dice il senso comune. “Si, ma quando e come?” sembra dire Cesare al giornalista di Abc news che lo intervista a Retrosi, lui che ha 80 anni passati.

“Che risposte voi sapè fijo? D’inverno qui ci vivono tre o quattro famiglie, noi come tanti veniamo l’estate”. Più in là, a una manciata di metri, quella che era la sua casa.

Da Retrosi passa la maggior parte dei mezzi di soccorso. Passa chi va a dare una mano, passa chi ha i parenti, passano i giornalisti che, in questa che è una delle innumerevoli e microscopiche frazioni in cui si divide Amatrice, prendono il primo contatto con la devastazione. Macchine sepolte sotto cumuli di macerie, travi sulla strada, calcinacci ovunque. “Mentre camminate non guardate per terra, guardate in alto, qualcosa potrebbe ancora cadere”,viene spiegato.

Lasciata Retrosi alle spalle dopo 2 km si arriva a quel che resta di Amatrice.

Sui cartelli per le affissioni rimasti in piedi ci sono gli annunci per la festa – oltre 50 sagre proclama il manifesto rosso – che sarebbe culminata nel week end con la 50esima sagra degli spaghetti all’amatriciana, recita il manifesto viola. Il paese, lo abbiamo sentito da più parti, era pieno come non mai durante l’anno, c’è la festa e tutti tornano, vengono le famiglie che hanno lasciato per qualche settimana i figli dai nonni, ci sono i turisti.

“Io sono di Amatrice – dice una donna – e ho dormito nel palazzetto: pochi quelli che conoscevo, tutti di fuori”. Al corso principale non si arriva, lì il paese davvero non c’è più, come ha gridato nella notte il sindaco Sergio Pirozzi: zona rossa, vanno solo i soccorritori.

Ci si accalca nei dintorni di piazza Augusto Sagnotti (c’è morto un poliziotto di Aprilia lì in vacanza: deceduti anche due figli) e si sentono discorsi tra i sopravissuti, tra loro e i soccorritori e con i giornalisti. C’è rassegnazione, “la jella, la jella, la jella…”. Frammenti di dialoghi. “La madre? E’ morta”. “Mio fratello ha salvato la vicina, non ce l’ha fatta però con la moglie e il figlio di 27 anni, mio nipote”. “Dante, casa tua come sta?”. “Like Dante’s inferno”, come l’inferno di Dante dice il reporter di Abc news quando sente il nome del poeta indosso a un povero Cristo che anche lui avrà perso tutto.

No, non ci si abitua alle case distrutte, alle porte che immettono su giardini dove ormai si vedono solo tegole, a lampioni in terra, a foto e documenti che un uomo cerca di recuperare, non ci si abitua alla morte e alla sofferenza dei tanti Giobbe perseguitati dal mostro. Padre nostro sia fatta la tua volontà continuano i preti nell’omelia, come in Cielo ma non per favore come in terra che seguita a tremare, tutta pensano i fedeli.

I cani hanno fiutato, sentono vita. E intanto non si hanno notizie di Gianni il fornaio, di Luca il barista e di suo figlio, della macellaia. “Ho 22 anni e questo è il mio terzo terremoto, è un mio dovere – dice il giovane volontario marchigiano che presta servizio con l’Anpas – ma non è facile buttarsi nell’orrore, siamo uomini e proviamo emozioni”.

Il terremoto è polvere, le macerie saranno poi polvere, il terremoto lascia sangue. Come un rosario sgranato, a piazza Sagnotti fanno l’elenco dei morti: Ilaria, la cugina, Andrea, Stefania, dacci oggi il nostro pane quotidiano ma il mostro no, per favore no. L’uomo delle foto e dei documenti trova un pupazzo tra i calcinacci. Lo stringe a sé e piange.

Ad Amatrice ci sono (c’erano) circa 2500 residenti, è un comune sparso, le frazioni sono decine, qualcuna d’inverno è pressoché disabitata. Il sisma quindi ha colpito non un centro, ma più agglomerati.

La sera del terremoto a Saletta ci dormivano in 44, 22 sono morti. C’era un piazzetta, ci si arrivava attraverso una stradina ora sepolta sotto metri di rovine: si giunge in cima e oltre una stele che ricorda chissà chi si vede quello che rimane.

Nulla, non rimane nulla della piazzetta. Più in là i cani bevono dal fontanile prima di tornare al lavoro: possono andare avanti fino a 20 ore di fila, dopo si devono riposare, non è escluso che anche loro provino pietà per i morti e per i vivi.

D’improvviso il mostro torna: scossa 4.3, non delle più forti, dura pochi secondi, come un fulmine ti passa sotto alle gambe e ti lascia impietrito. Sopra Saletta c’è Casale: ci dormivano in 16, 13 morti. Poi c’è Cossito, poi Sommati, poi poi poi… poi morti e macerie ovunque. Qui il rischio c’è, inutile negarlo: Amatrice verrà ricostruita, sicuro, ma tutte questa frazioni di case sparse? Torneranno?

“E ora?” è la domanda ricorrente. Ora ci si stringe tutti insieme e ci si fa forza, si inizia la conta dei vivi per ricominciare e proprio come invocò Giobbe – lo ha ricordato monsignor Giovanni D’Ercole – “anche in mezzo al lutto io so che il mio Redentore è vivo”.

Pure chi non crede e col Redentore se la vorrebbe prendere (lo fa anche chi crede) sa che lo stare insieme e la comunità sono forse l’unico modo di sopravvivere a se stessi. Magari qualcuno tra qualche tempo andrà a pescare trote sulla Salaria per sopportare meglio il dolore.

Francesco Corsi


Condividi la notizia:
28 agosto, 2016

Terremoto nel centro Italia ... Gli articoli

  1. "Asili, spero di riaprirli venerdì"
  2. Terremoto, Palamides al consiglio generale di Unindustria
  3. "Giornata stupenda, ma non ci fermiamo qui"
  4. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  5. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  6. Amatriciana in piazza, raccolti più di 5mila euro
  7. "Mentre i riflettori si spengono, i volontari continuano ad aiutare"
  8. Coldiretti, consegnato il primo modulo abitativo a Roccapassa
  9. "I cani hanno scavato fianco a fianco con gli uomini..."
  10. Gli artisti di Oriolo Romano uniti per Accumoli
  11. Cane trovato tra le macerie adottato dai pompieri
  12. "Ti senti padre di quei figli..."
  13. “Un lavoro impagabile che rende onore all'Italia intera"
  14. Iacomini chiama Buffon: “Scambio di bonifici per Amatrice”
  15. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  16. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  17. "Per ragazzi Cfp Amatrice lezioni regolari dal 16 settembre"
  18. “Grazie a tutti i viterbesi, il vostro impegno è prezioso”
  19. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  20. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  21. Sicurezza sismica, interventi su monumenti ed edifici pubblici
  22. "Non uccide il sisma ma l'opera dell'uomo"
  23. Interventi straordinari nelle zone colpite dal sisma
  24. "Grotte di Castro ha il Piano di emergenza comunale"
  25. Raccolti cibo e materiali per l'igiene
  26. Dalla Coldiretti olio, riso e pasta
  27. Rilancio agricoltura, Haussmann incontra assessori Umbria, Abruzzo, Marche
  28. Confartigianato consegna i primi beni raccolti
  29. 1.080 euro per i cittadini di Accumoli
  30. "Tante persone da assistere, situazione difficile"
  31. Duecentomila euro di stipendi 5 stelle ad Amatrice e Accumoli
  32. Terremoto, morto ex segretario generale della provincia
  33. Vigili del fuoco, cambio di squadra ad Amatrice
  34. Domani i funerali di Luca e Anna Maria
  35. Finite le ricerche si lavora all'accoglienza
  36. "Terremoti, in Italia non esistono aree a rischio zero"
  37. Terremoto, chiusa la caserma dei carabinieri
  38. “Grazie a tutta la cittadinanza”
  39. "Distrutte mille aziende Coldiretti"
  40. “Una grande dimostrazione di umanità”
  41. Salvadanai per raccogliere fondi per i terremotati
  42. "Gridate sofferenza ma non perdete il coraggio"
  43. Coppia di Orvieto morta sotto le macerie
  44. "Ho visto la morte in faccia..."
  45. "Mattomei" dal sorriso smagliante tra le vittime del terremoto
  46. Fondazione Vulci in aiuto alla popolazione colpita dal sisma
  47. Montalto si mobilita per le popolazioni colpite dal sisma
  48. Altri due campi d'accoglienza a Scai e Sommati
  49. Cavalieri del Soccorso di Viterbo ad Amatrice
  50. "Raccolta fondi priorità per la ricostruzione"
  51. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  52. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  53. Festa di Sant'Ermete, gli utili ai terremotati
  54. Stop viveri, servono prodotti per l'igiene personale
  55. Amatriciana in piazza, il ricavato ai terremotati
  56. "Protezione civile comunale pronta ad aiutare"
  57. Domenica i funerali di Manuel
  58. Terremoto, domani lutto nazionale
  59. Podistica di Porsenna, il ricavato ai terremotati
  60. "Nelle zone del sisma servono soldi"
  61. "Quei bambini morti e chiusi nei sacchi..."
  62. "Il dolore è tanto, il cuore non regge"
  63. "Un ragazzo buono e altruista"
  64. Recuperati altri cinque corpi
  65. Recuperati altri cinque corpi
  66. Assistite 435 persone di giorno e 270 di notte
  67. "Centri di raccolta saturi, mandate solo ciò che è necessario"
  68. Raccolte duemila sacche di sangue
  69. "Lo Stato non fa prevenzione"
  70. Terremoto, raccolti 10mila euro di beni
  71. Serve cibo senza glutine
  72. Latte, biscotti, caffè, pannolini
  73. La chiesa evangelica raccoglie fondi
  74. Servono mezzi, materiale idraulico e operatori
  75. Castello di Santa Severa, gli incassi ai terremotati
  76. "Spazi a misura di bambino" strappati alle macerie
  77. Conto corrente della Banca di Viterbo per i terremotati
  78. Unitus per i terremotati
  79. Bimba morta tra le braccia dei sanitari viterbesi
  80. Raccolta fondi con sms al 45500 Poste Italiane
  81. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  82. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  83. Quintali di cibo ai terremotati da Coldiretti
  84. Cessata l'emergenza sangue
  85. “Stanno bene, vederli è una grande gioia”
  86. Ancora chiusa la strada per Arquata del Tronto
  87. Lutto cittadino a Carbognano
  88. "Abbiamo scavato senza sosta"
  89. Tutti in fila a donare il sangue
  90. Dispersa coppia di Orvieto
  91. Terremoto, 25enne tra le vittime
  92. "Una tragedia, c'è ancora molto da scavare"
  93. Terremoto, diecimila galline morte soffocate
  94. "Cadaveri per strada e paesi rasi al suolo"
  95. Coppia viterbese intrappolata dalle macerie, salvata da un armadio
  96. Terremoto, venti ingegneri viterbesi sul posto
  97. "Ho visto bimbi e genitori piangere"
  98. Terremoto, muoiono madre e figlio
  99. "Doniamo per aiutare chi ha bisogno"
  100. "Il sindaco e tutti noi a disposizione per aiutare"
  101. Raccolta di alimenti anche a Tarquinia
  102. Colletta alimentare a San Martino al Cimino
  103. 36 mezzi operativi, 2 cucine da campo, 11 unità cinofile
  104. Raccolta di generi alimentari alla sede Pd di Orte
  105. Raccolta di beni di prima necessità a Vetralla
  106. Allestite aree accoglienza per 1430 posti
  107. Raccolta fondi e beni di prima necessità
  108. “Dobbiamo farci forza e correre in aiuto”
  109. Consulta volontariato: "Emergenza sangue, donazioni a Belcolle"
  110. Soccorso alpino, oltre 100 tecnici al lavoro
  111. Coldiretti porta polli, hamburger, pane e frutta
  112. Ospedale Rieti: trattati 120 casi, tra cui 20 bambini
  113. Ancora nessun ferito portato a Belcolle
  114. "Nessuno sia lasciato solo"
  115. Vestiti, omogeneizzati, torce, pile
  116. "Cordoglio e vicinanza"
  117. "Attiviamoci tutti per portare soccorso"
  118. La Cri raccoglie cibo e prodotti per l'igiene personale
  119. Raccolta fondi per i terremotati, aperto un conto corrente
  120. Terremoto, centro trasfusionale di Belcolle aperto h24
  121. La terra continua a tremare
  122. Raccolta materiali anche dal Pd
  123. Raccolta materiali anche dal Pd
  124. "Non lasceremo nessuno da solo"
  125. Da Viterbo aiuti ad Amatrice
  126. Terremoto, frana sulla Picente
  127. Cibo, coperte e medicine nelle zone terremotate
  128. "Terremoto, rischio intorbidimento dell'acqua"
  129. "Protezione civile pronta a partire per le zone terremotate"
  130. "Attiva la navetta da e per Amatrice"
  131. Raccolta cibo per le zone terremotate alle cene dei facchini
  132. Terremoto, apertura straordinaria dei centri trasfusionali
  133. Terremoto, controlli agli edifici
  134. Allestiti punti medici avanzati
  135. Trema il centro Italia, morti e distruzione
  136. Forte scossa di terremoto avvertita in tutta la Tuscia

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR