--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Ne dà l'annuncio il vescovo di Civitavecchia-Tarquinia, Luigi Marrucci - Tenne tra le sue mani la madonnina che piangeva sangue

E’ morto il vescovo emerito Girolamo Grillo

Condividi la notizia:

Girolamo Grillo

Girolamo Grillo

Civitavecchia – “Il vescovo di Civitavecchia-Tarquinia, Luigi Marrucci, unito al suo presbiterio e alle comunità dei religiosi e delle religiose presenti in diocesi, annuncia il ritorno alla casa del Padre del vescovo emerito Girolamo Grillo, deceduto il Romania a Oderheiul Secuiesc (Harghita) oggi 22 agosto 2016 verso le ore 8.30 presso la casa S. Giuseppe, tenuta dalle suore della congregazione del Cuore immacolato di Maria e che ospita e assiste bambini in difficoltà. Appena possibile si darà comunicazione della data e del luogo del funerale, mentre a tutti si chiede la preghiera di suffragio”.

Lo comunica la Curia Vescovile della Diocesi di Civitavecchia-Tarquinia.

Il vescovo emerito Grillo era nato a Parghelia (VV), Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea il 18 agosto 1930. Ordinato presbitero il 25 aprile 1953, dopo aver prestato servizio presso la segreteria di Stato, era stato eletto vescovo di Cassano Ionio il 7 aprile 1979 e consacrato Vescovo il 27 maggio 1979. Trasferito alla sede di Civitavecchia-Tarquinia il 20 dicembre 1983 aveva retto la Diocesi fino al 24 novembre 2006, divenendone Vescovo emerito per raggiunti limiti di età e ricevendo la nomina a canonico di S. Maria Maggiore.

È qui, nel 1995, che la sua vita viene sconvolta dall’evento della Madonna piangente, la statua di gesso che nel giardino della famiglia Gregori versa lacrime di sangue. Il vescovo Girolamo è inizialmente scettico ma  è costretto a cedere all’evidenza, quando la statua lacrima sangue mentre è nelle sue mani, in presenza di alcuni testimoni; si trasforma, quindi, in un sostenitore della soprannaturalità della lacrimazione, avendo un alleato in Vaticano: Giovanni Paolo II.

Il pontefice, proclamato santo da papa Francesco , appone la sua firma su di  un documento nel quale si attesta che lui stesso ha venerato la statua nel suo appartamento.

Grillo  continuerà a raccogliere testimonianze e a promuovere il culto della Vergine.


Condividi la notizia:
22 agosto, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR