Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Riproduzione dei 53 bozzetti delle Macchine dal 1690 al 1904, a cura di Maurizio Pinna

Mostra “Le Macchine di Santa Rosa che non hai mai visto”

Condividi la notizia:

Macchina di santa Rosa - Il debutto di Gloria

Viterbo – La Macchina di Santa Rosa

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Cia diffusione abbigliamento, con sede a Viterbo in via dell’Industria, nell’intento di far conoscere il museo civico di Viterbo e per diffondere la cultura viterbese, ha organizzato la mostra “Le Macchine di Santa Rosa che non hai mai visto”.

Si tratta della riproduzione, a cura di Maurizio Pinna, dei 53 bozzetti delle Macchine di santa Rosa, dal 1690 al 1904, conservati ed esposti nelle teche del Museo Civico di Viterbo, il quale può vantare la proprietà di pregevoli opere pittoriche come i quadri di Sebastiano del Piombo, oggetti etruschi della collezione Luigi Rossi Danielli, a cui è dedicato il museo, sarcofagi e tanto altro da scoprire nelle sale del museo stesso.

I bozzetti illustrano le Macchine di santa Rosa che hanno sfilato lungo le vie di Viterbo.

Sono i progetti vincitori, scelti dal comune di Viterbo tra i partecipanti all’evento più bello e unico al mondo: il trasporto della Macchina di santa Rosa, che avviene dalle 21 del 3 settembre di ogni anno, con avvio al grido del capofacchino: “Siamo tutti d’un sentimento”.

I bozzetti hanno la didascalia, con note curiose e poco conosciute, che illustra la Macchina di Santa Rosa a cui si riferiscono, redatti da Mauro Galeotti, il quale li ha pubblicati nel 2009 sul volume a colori di 800 pagine, “Rosa, piccola…già Santa”.

L’esposizione avrà luogo dal 27 agosto al 30 settembre, con ingresso libero, nei locali della Cia diffusione abbigliamento.

“E’ un’occasione che la nostra ditta vuole offrire a tutti i viterbesi e a chi vorrà conoscere la storia della Macchina di santa Rosa – afferma Carlo Papalini, manager della Cia diffusione abbigliamento – il trasporto della Macchina è una manifestazione dichiarata dall’Unesco, patrimonio immateriale dell’umanità, ciò rende orgogliosi tutti i viterbesi e dà lustro mondiale a quello che è definito il campanile che cammina”.

Cia diffusione abbigliamento


Condividi la notizia:
26 agosto, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR