Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Terremoto nel centro Italia - Viterbo - Enzo Desideri, scampato con la moglie Lina all'inferno di Amatrice, racconta i terribili momenti vissuti sotto le macerie e il dramma che ha sconvolto un intero paese

“Quei bambini morti e chiusi nei sacchi…”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Don Emanuele con Enzo e Lina Meucci

Don Emanuele con Enzo e Lina Meucci

Lina Meucci ed Enzo Desideri

Lina Meucci ed Enzo Desideri

Enzo Desideri nei panni di Caifa durante la rappresentazione del Venerdì santo

Enzo Desideri nei panni di Caifa durante la rappresentazione del Venerdì santo

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice

Terremoto - Amatrice

Terremoto – Amatrice

Viterbo – “Siamo vivi per miracolo”. Scampati al devastante terremoto di Amatrice, Enzo Desideri e la moglie Lina sono rimasti sotto le macerie per ore. Ma ce l’hanno fatta e oggi sono a Viterbo. Li ha chiamati per salutarli anche il vescovo Fumagalli. La paura, ma anche la gratitudine per chi li ha soccorsi, nelle parole di Enzo. Che non riesce a trattenere le lacrime ricordando i bambini morti, chiusi nei sacchi. E i suoi amici che non ci sono più.

“Siamo vivi per miracolo, per chi crede e ha fede. Sono miracoli – dice Enzo Desideri -. Qualcuno può chiamarlo destino. È stato allucinante anche se è un’esperienza, grazie a Dio, durata solo una giornata. Che non finirà mai”.

Cosa ricorda della prima scossa di terremoto?
“Noi dormivamo tranquilli in casa. Io sono nato ad Amatrice. Ho una casa. Mia madre la sistemò e ora non c’è più niente, tutto crollato. Un ammasso di macerie e nient’altro”.

Completamente distrutta?
“Tutta. Tutta distrutta. Non si recupera più niente. Perché le scosse sono state tremende. Lunghe. Non finivano mai. Poi quel rumore. Terribile. Io e mia moglie siamo ancora scossi”.

Cos’è successo dopo?
“Avevamo questa grossa bombola d’ossigeno. Sono un po’ dipendente dall’ossigeno. Il terremoto è stato prima sussultorio e poi ondulatorio. La bombola si è incastrata fra il letto e un grosso armadio, pesantissimo, che ci stava crollando addosso. Lo ha trattenuto, facendolo restare leggermente inclinato. In questo modo ha retto una piccola sezione del tetto, evitando che crollasse. Sotto questa piccola sezione c’eravamo io e mia moglie. Vedevamo grossi travi, tipici delle case di una volta. Avevamo mattoni a 40 centimetri dalla testa. E questo sciame lungo che continuava”.

Cos’ha pensato in quei momenti?
“Io ero convinto che non sarei riuscito a venirne fuori, che non sarei più tornato a casa. Mi dispiaceva. Non avrei più visto i miei figli, i miei nipoti, la mia casa. Io non ce la facevo più, svenivo. Senza ossigeno era una cosa impossibile, con tutta la polvere che ti arriva in bocca, quest’odore strano. Di gas. E un rumore che arrivava dal profondo, la terra che ogni volta tremava, facendo scivolare il tetto e detriti. Poi pezzi di mattoni che cadevano. Il nostro pavimento si è abbassato di cinquanta centimetri. Una paura durata tre ore”.

Chi vi ha salvato?
“Sono riusciti a tirarci fuori dopo le 6,30. Più di tre ore lì sotto. Siamo stati soccorsi da volontari. Padre e figlio che abitano di fronte a noi. Sono riusciti a entrare, si sono arrampicati su montagne di detriti. Ci hanno sentito”.

Avete potuto chiedere aiuto?
“Il mio telefono era rimasto in cucina, mia moglie aveva portato il suo in camera e ha potuto chiamare mia figlia che era già pronta per partire, avendo sentito anche a Viterbo il terremoto. Poi ha avvertito i soccorsi. Sono riusciti a entrare. C’erano un poliziotto della stradale, un uomo dalla forza eccezionale, e una donna favolosa, in gamba, energica. Siamo venuti fuori così com’eravamo. Io in pigiama, mia moglie in camicia da notte. Lei aveva trovato due pantofole sinistre. Una di un colore e una di un altro. Io sono uscito scalzo. Mi sono ferito scavalcando le pietre”.

Uscire non è stato semplice.
“Mi hanno messo sull’anta di un’armadio. Una barella improvvisata. Siamo passati da una specie di garage e dal soffitto crollato di un’altra abitazione. Attraverso una finestra ci siamo ritrovati al corso. Davanti avevamo un lampione. Ce lo siamo trovati davanti. Quanti metri è alto un lampione? Eravamo lì sopra. A quell’altezza. Davanti alla chiesa di sant’Agostino arrivavano le ambulanze e da lì ci hanno portati alla postazione di soccorso al palazzetto dello sport di Amatrice”.

Lì vi hanno assistito.
“Sì. Con dottori bravi, gente impagabile. Tanti giovani volontari. Una cosa splendida”.

Di quella ore che cosa ricorda? Del dopo terremoto cosa le è rimasto impresso?
“Fa star male vedere tutti quei bambini morti dentro i sacchi. Non ha idea di cosa significhi. Io non ho più amici. Sono tutti morti. Questo vigliacco terremoto ti prende di notte, quando non lo sai, non te lo aspetti. Sei inerme. Senza difese. Fa schifo. Non si saprà mai quanti sono morti. Anche perché, domenica avrebbe dovuto esserci la sagra degli spaghetti all’amatriciana e il giorno prima c’era una festa dei migliori borghi d’Italia, di cui Amatrice fa parte. In ogni piazza presentavano prodotti diversi da tutta Italia. Era pieno zeppo di gente. Non c’era un posto libero in alberghi, bed and breakfast e nelle case private che affittavano”.

Come state oggi, lei e sua moglie?
“Mia moglie mi aveva già comprato il regalo di compleanno, è rimasto sotto le macerie. Con tutto il resto. Pazienza. L’importante è aver salvato la vita. Lei ancora regge, ma sta esaurendo la sua adrenalina. È una donna molto forte, eccezionale, senza di lei io sarei morto. Io sono scosso. Tutti e due appena sentiamo un rumore, una porta che sbatte, un rumore fuori della norma, ci spaventiamo. Ma piano piano supereremo anche questo trauma. Ci vorrà tempo, abbiamo superato tante di quelle prove e tante difficoltà nella vita. Supereremo insieme anche questa, dopo 47 anni di matrimonio”.

Giuseppe Ferlicca


Condividi la notizia:
26 agosto, 2016

Terremoto nel centro Italia ... Gli articoli

  1. "Asili, spero di riaprirli venerdì"
  2. Terremoto, Palamides al consiglio generale di Unindustria
  3. "Giornata stupenda, ma non ci fermiamo qui"
  4. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  5. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  6. Amatriciana in piazza, raccolti più di 5mila euro
  7. "Mentre i riflettori si spengono, i volontari continuano ad aiutare"
  8. Coldiretti, consegnato il primo modulo abitativo a Roccapassa
  9. "I cani hanno scavato fianco a fianco con gli uomini..."
  10. Gli artisti di Oriolo Romano uniti per Accumoli
  11. Cane trovato tra le macerie adottato dai pompieri
  12. "Ti senti padre di quei figli..."
  13. “Un lavoro impagabile che rende onore all'Italia intera"
  14. Iacomini chiama Buffon: “Scambio di bonifici per Amatrice”
  15. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  16. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  17. "Per ragazzi Cfp Amatrice lezioni regolari dal 16 settembre"
  18. “Grazie a tutti i viterbesi, il vostro impegno è prezioso”
  19. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  20. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  21. Sicurezza sismica, interventi su monumenti ed edifici pubblici
  22. "Non uccide il sisma ma l'opera dell'uomo"
  23. Interventi straordinari nelle zone colpite dal sisma
  24. "Grotte di Castro ha il Piano di emergenza comunale"
  25. Raccolti cibo e materiali per l'igiene
  26. Dalla Coldiretti olio, riso e pasta
  27. Rilancio agricoltura, Haussmann incontra assessori Umbria, Abruzzo, Marche
  28. Confartigianato consegna i primi beni raccolti
  29. 1.080 euro per i cittadini di Accumoli
  30. "Tante persone da assistere, situazione difficile"
  31. Duecentomila euro di stipendi 5 stelle ad Amatrice e Accumoli
  32. Terremoto, morto ex segretario generale della provincia
  33. Vigili del fuoco, cambio di squadra ad Amatrice
  34. Domani i funerali di Luca e Anna Maria
  35. Finite le ricerche si lavora all'accoglienza
  36. Macerie, polvere e disperazione
  37. "Terremoti, in Italia non esistono aree a rischio zero"
  38. Terremoto, chiusa la caserma dei carabinieri
  39. “Grazie a tutta la cittadinanza”
  40. "Distrutte mille aziende Coldiretti"
  41. “Una grande dimostrazione di umanità”
  42. Salvadanai per raccogliere fondi per i terremotati
  43. "Gridate sofferenza ma non perdete il coraggio"
  44. Coppia di Orvieto morta sotto le macerie
  45. "Ho visto la morte in faccia..."
  46. "Mattomei" dal sorriso smagliante tra le vittime del terremoto
  47. Fondazione Vulci in aiuto alla popolazione colpita dal sisma
  48. Montalto si mobilita per le popolazioni colpite dal sisma
  49. Altri due campi d'accoglienza a Scai e Sommati
  50. Cavalieri del Soccorso di Viterbo ad Amatrice
  51. "Raccolta fondi priorità per la ricostruzione"
  52. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  53. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  54. Festa di Sant'Ermete, gli utili ai terremotati
  55. Stop viveri, servono prodotti per l'igiene personale
  56. Amatriciana in piazza, il ricavato ai terremotati
  57. "Protezione civile comunale pronta ad aiutare"
  58. Domenica i funerali di Manuel
  59. Terremoto, domani lutto nazionale
  60. Podistica di Porsenna, il ricavato ai terremotati
  61. "Nelle zone del sisma servono soldi"
  62. "Il dolore è tanto, il cuore non regge"
  63. "Un ragazzo buono e altruista"
  64. Recuperati altri cinque corpi
  65. Recuperati altri cinque corpi
  66. Assistite 435 persone di giorno e 270 di notte
  67. "Centri di raccolta saturi, mandate solo ciò che è necessario"
  68. Raccolte duemila sacche di sangue
  69. "Lo Stato non fa prevenzione"
  70. Terremoto, raccolti 10mila euro di beni
  71. Serve cibo senza glutine
  72. Latte, biscotti, caffè, pannolini
  73. La chiesa evangelica raccoglie fondi
  74. Servono mezzi, materiale idraulico e operatori
  75. Castello di Santa Severa, gli incassi ai terremotati
  76. "Spazi a misura di bambino" strappati alle macerie
  77. Conto corrente della Banca di Viterbo per i terremotati
  78. Unitus per i terremotati
  79. Bimba morta tra le braccia dei sanitari viterbesi
  80. Raccolta fondi con sms al 45500 Poste Italiane
  81. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  82. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  83. Quintali di cibo ai terremotati da Coldiretti
  84. Cessata l'emergenza sangue
  85. “Stanno bene, vederli è una grande gioia”
  86. Ancora chiusa la strada per Arquata del Tronto
  87. Lutto cittadino a Carbognano
  88. "Abbiamo scavato senza sosta"
  89. Tutti in fila a donare il sangue
  90. Dispersa coppia di Orvieto
  91. Terremoto, 25enne tra le vittime
  92. "Una tragedia, c'è ancora molto da scavare"
  93. Terremoto, diecimila galline morte soffocate
  94. "Cadaveri per strada e paesi rasi al suolo"
  95. Coppia viterbese intrappolata dalle macerie, salvata da un armadio
  96. Terremoto, venti ingegneri viterbesi sul posto
  97. "Ho visto bimbi e genitori piangere"
  98. Terremoto, muoiono madre e figlio
  99. "Doniamo per aiutare chi ha bisogno"
  100. "Il sindaco e tutti noi a disposizione per aiutare"
  101. Raccolta di alimenti anche a Tarquinia
  102. Colletta alimentare a San Martino al Cimino
  103. 36 mezzi operativi, 2 cucine da campo, 11 unità cinofile
  104. Raccolta di generi alimentari alla sede Pd di Orte
  105. Raccolta di beni di prima necessità a Vetralla
  106. Allestite aree accoglienza per 1430 posti
  107. Raccolta fondi e beni di prima necessità
  108. “Dobbiamo farci forza e correre in aiuto”
  109. Consulta volontariato: "Emergenza sangue, donazioni a Belcolle"
  110. Soccorso alpino, oltre 100 tecnici al lavoro
  111. Coldiretti porta polli, hamburger, pane e frutta
  112. Ospedale Rieti: trattati 120 casi, tra cui 20 bambini
  113. Ancora nessun ferito portato a Belcolle
  114. "Nessuno sia lasciato solo"
  115. Vestiti, omogeneizzati, torce, pile
  116. "Cordoglio e vicinanza"
  117. "Attiviamoci tutti per portare soccorso"
  118. La Cri raccoglie cibo e prodotti per l'igiene personale
  119. Raccolta fondi per i terremotati, aperto un conto corrente
  120. Terremoto, centro trasfusionale di Belcolle aperto h24
  121. La terra continua a tremare
  122. Raccolta materiali anche dal Pd
  123. Raccolta materiali anche dal Pd
  124. "Non lasceremo nessuno da solo"
  125. Da Viterbo aiuti ad Amatrice
  126. Terremoto, frana sulla Picente
  127. Cibo, coperte e medicine nelle zone terremotate
  128. "Terremoto, rischio intorbidimento dell'acqua"
  129. "Protezione civile pronta a partire per le zone terremotate"
  130. "Attiva la navetta da e per Amatrice"
  131. Raccolta cibo per le zone terremotate alle cene dei facchini
  132. Terremoto, apertura straordinaria dei centri trasfusionali
  133. Terremoto, controlli agli edifici
  134. Allestiti punti medici avanzati
  135. Trema il centro Italia, morti e distruzione
  136. Forte scossa di terremoto avvertita in tutta la Tuscia

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR