Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Prima commissione - Su Tusciaexpo l'opposizione chiede il parere di un tecnico dell'ente non di un esterno

“Sull’azione di responsabilità si esprima il comune”

Condividi la notizia:

Viterbo - Comune

Viterbo – Comune

Viterbo – (p.p.) – “Sull’azione di responsabilità deve esprimersi il Comune”.

Su Tusciaexpo, l’opposizione di Palazzo dei priori non vuole il parere di un tecnico esterno ma quello di uno interno all’ente.

La discussione ha animato ieri la prima commissione durante la quale, proprio sull’azione di responsabilità, era prevista l’audizione del consulente alla legalità Alessandro Pascolini, dopo il suo parere negativo. Non se ne è fatto nulla, perché il giudice non c’era.

Tramite il sindaco, aveva fatto sapere di non poter essere presente ma che avrebbe comunque risposto per iscritto alle questioni sollevate dai consiglieri.

L’opposizione con Ubertini (FI), Buzzi (FdI) e Santucci (FondAzione) ha sollevato delle eccezioni. “Se non è disponibile per questa seduta, per noi, non è un problema, perché possiamo rimandare l’audizione a un’altra data. Anche perché il parere che ha dato, fermo restando la professionalità del giudice che, comunque, non è un tecnico interno, non è suffragato da norme”.

Claudio Ubertini (FI) ha posto delle questioni. “Se il consulente della legalità non vuole fare l’audizione – ha detto il capogruppo forzista -, chiediamo quella del sindaco, perché, oltre agli aspetti tecnici, ci sono quelli politici su cui pretendiamo delle spiegazioni. Ci hanno detto che adesso che Tusciaexpo è in fallimento, non si può fare più l’azione di responsabilità.

Allora perché non l’hanno fatta quando era in liquidazione?

E’ normale poi che ci sia in giunta un assessore che prima era amministratore della società partecipata che ora è in liquidazione? Comporta qualcosa? Sono aspetti a cui dovrà rispondere il sindaco e non il consulente”.

Facendo un passo indietro: “Nella precedente amministrazione, l’azione di responsabilità era stata chiesta dal Pd compatto proprio per Tusciaexpo. Un particolare da non sottovalutare. Noi stiamo andando avanti sulla richiesta che fecero loro”.

Tutto è rimandato a dopo le ferie. “Sulla procedura, chiederemo lumi anche al segretario generale. Il parere deve darlo proprio lui, responsabile dell’anticorruzione, e non un tecnico che non è titolato a farlo. Su certi atti – ribadisce Ubertini – deve esprimersi l’ente e non un consulente esterno”.


Condividi la notizia:
5 agosto, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR