Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cronaca - Il geologo di fama internazionale Carlo Doglioni, presidente dell'Ingv, fa una analisi del sisma che ha distrutto Amatrice

“Terremoti, in Italia non esistono aree a rischio zero”

di Raffaele Strocchia
Condividi la notizia:

Il geologo Carlo Doglioni, presidente dell'Istituto nazionale di geologia e vulcanologia

Il geologo Carlo Doglioni, presidente dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia

Amatrice - Terremoto

Amatrice – Terremoto

Amatrice - Terremoto

Amatrice – Terremoto

Amatrice - Terremoto

Amatrice – Terremoto

Viterbo – “Terremoti, in Italia non esistono aree a rischio zero”. Da quattro mesi presidente dell’Ingv, Carlo Doglioni, 59 anni, ricopre l’incarico più prestigioso che un geologo possa raggiungere. Docente di geodinamica all’università La Sapienza di Roma e membro dell’Accademia nazionale dei Lincei, analizza il terremoto che ha devastato il centro Italia. “E’ stato un evento che non ha dato precursori rilevabili dalle attuali tecniche di monitoraggio”, afferma.

Cos’è successo, sotto terra, alle 3,36 del 24 agosto?
“Una parte della crosta appenninica, lunga quasi trenta chilometri e con un volume di circa mille chilometri cubi, è sprofondata di mezzo metro. In alcuni punti quasi di un metro. Immaginiamo di far cadere un armadio di cento chili e sentire le vibrazioni del pavimento. Sostituiamo l’armadio con il volume di crosta terrestre, del peso di circa 2mila cinquecento miliardi di tonnellate, che collassa improvvisamente e proviamo a immaginare l’oscillazione elastica del pavimento. L’energia gravitazionale della caduta si trasforma in terrificanti onde che si propagano in tutte le direzioni. Questo è un terremoto di tipo estensionale. Diverso da quello degli ambienti dove la crosta si contrae, come il terremoto dell’Emilia. In quel caso l’energia accumulata nel corso dei secoli è stata di tipo elastico e non gravitazionale”.

Un terremoto di magnitudo 6,0.
“E’ una magnitudo molto alta per il patrimonio edilizio italiano. I danni iniziano a esserci a una magnitudo di 5, 5.5 e un grado di differenza vuol dire aumentare l’energia di trentadue volte”.

L’Italia è un paese sismico?
“Decisamente sì. Siamo il paese con la maggior pericolosità sismica in Europa. Dopo di noi Grecia e parte della Spagna. Con pericolosità sismica si intende l’effetto naturale dei terremoti. Per rischio invece la pericolosità naturale, sommata all’esposizione e vulnerabilità degli edifici. Quindi la possibilità di crolli, che sono la causa degli sciagurati decessi”.

Marche, Umbria e Abruzzo sono in area rossa? E la Tuscia?
“La zona di quest’ultimo terremoto è classificata come massima pericolosità: 1. La Tuscia è in zona 2 o 3, a seconda delle aree. E’ però una classificazione di tipo probabilistico che si basa su un catalogo storico dei terremoti, inevitabilmente incompleto perché i tempi geologici non sono quelli dell’uomo. In Italia aree a rischio zero non esistono. Si pensi al terremoto di Tuscania del 1971. Ha avuto una magnitudo relativamente bassa ma edifici con coefficienti di sicurezza bassi sono crollati, nonostante l’evento di magnitudo inferiore a 5”.

Il problema è la mancanza di abitazioni antisismiche?
“Esistono tecniche per salvare la vita delle persone e non far crollare edifici. Ma in Italia non c’è la sufficiente memoria storica per ricostruire con tecnologie antisismiche. Ovviamente si tratta di tecnologie che richiedono investimenti. Ma è anche una questione culturale: dobbiamo investire in conoscenza, che poi si traduce in prevenzione”.

A proposito d’investimenti. L’Italia, primo paese sismico d’Europa, ha mai investito nella preparazione dei geologi?
“Poco. Ma il problema principale è che gli italiani non sanno di vivere in un territorio a elevato rischio sismico. Solo il sei per cento della popolazione ne è consapevole. E’ necessario creare un nuovo rapporto tra natura e uomo. La Terra fa il suo lavoro e noi dobbiamo imparare a conoscerla, a convivere con le sue dinamiche e con il suo respiro. Serve una nuova coscienza naturale collettiva. Si pensi che per metà del suo territorio l’Italia non ha una carta geologica aggiornata”.

Perché è impossibile prevedere i terremoti?
“Per previsione si intende essere in grado di dire dove, quando e quanto grande sarà un terremoto. Attualmente sappiamo con abbastanza precisione dove e quanto grande sarà un evento sismico. Ma non siamo ancora in grado di prevedere quando avverrà. Dobbiamo imparare a leggere i precursori, che non sappiamo ancora decifrare. Dobbiamo saper ascoltare la Terra. Ma sono fiducioso che prima o poi ci riusciremo”.

E’ vero che i terremoti vanno a coppia? Se sì, ad Accumoli e Amatrice e ad Arquata del Tronto dobbiamo aspettarci la seconda scossa?
“I terremoti non vanno sempre a coppia. Può accadere che una scossa ne inneschi un’altra nelle vicinanze, ma non è detto. E’ come dare uno scossone a un tavolo sul quale c’è un bicchiere in bilico. Presumibilmente il bicchiere cade, ma dipende se si trova sull’orlo del tavolo o meno e dalle condizioni statiche dell’insieme”.

Nei paesi devastati dal terremoto ora è necessaria la ricostruzione.
“Il percorso economico dell’edilizia passa per le tasche degli italiani: lo stato siamo noi. E’ opportuno iniziare a investire seriamente in prevenzione. Un percorso che durerà parecchi decenni, per poter adeguare l’enorme patrimonio edilizio nazionale. L’aspetto educativo è prioritario, perché la disinformazione è ancora troppo alta. E’ necessario imparare a conoscere il funzionamento di terra e atmosfera. Iniziamo ad avere un rapporto più sano con la natura. Cominciamo dalle scuole, a trasmettere maggiormente le conoscenze scientifiche. Ciò garantirebbe a tutti una vita migliore”.

Raffaele Strocchia


Condividi la notizia:
28 agosto, 2016

Terremoto nel centro Italia ... Gli articoli

  1. "Asili, spero di riaprirli venerdì"
  2. Terremoto, Palamides al consiglio generale di Unindustria
  3. "Giornata stupenda, ma non ci fermiamo qui"
  4. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  5. Polizia stradale di Viterbo ad Amatrice
  6. Amatriciana in piazza, raccolti più di 5mila euro
  7. "Mentre i riflettori si spengono, i volontari continuano ad aiutare"
  8. Coldiretti, consegnato il primo modulo abitativo a Roccapassa
  9. "I cani hanno scavato fianco a fianco con gli uomini..."
  10. Gli artisti di Oriolo Romano uniti per Accumoli
  11. Cane trovato tra le macerie adottato dai pompieri
  12. "Ti senti padre di quei figli..."
  13. “Un lavoro impagabile che rende onore all'Italia intera"
  14. Iacomini chiama Buffon: “Scambio di bonifici per Amatrice”
  15. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  16. "Perché non esiste il reato di cattiva politica?"
  17. "Per ragazzi Cfp Amatrice lezioni regolari dal 16 settembre"
  18. “Grazie a tutti i viterbesi, il vostro impegno è prezioso”
  19. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  20. Terremoto, raccolti oltre 7mila euro a Montalto
  21. Sicurezza sismica, interventi su monumenti ed edifici pubblici
  22. "Non uccide il sisma ma l'opera dell'uomo"
  23. Interventi straordinari nelle zone colpite dal sisma
  24. "Grotte di Castro ha il Piano di emergenza comunale"
  25. Raccolti cibo e materiali per l'igiene
  26. Dalla Coldiretti olio, riso e pasta
  27. Rilancio agricoltura, Haussmann incontra assessori Umbria, Abruzzo, Marche
  28. Confartigianato consegna i primi beni raccolti
  29. 1.080 euro per i cittadini di Accumoli
  30. "Tante persone da assistere, situazione difficile"
  31. Duecentomila euro di stipendi 5 stelle ad Amatrice e Accumoli
  32. Terremoto, morto ex segretario generale della provincia
  33. Vigili del fuoco, cambio di squadra ad Amatrice
  34. Domani i funerali di Luca e Anna Maria
  35. Finite le ricerche si lavora all'accoglienza
  36. Macerie, polvere e disperazione
  37. Terremoto, chiusa la caserma dei carabinieri
  38. “Grazie a tutta la cittadinanza”
  39. "Distrutte mille aziende Coldiretti"
  40. “Una grande dimostrazione di umanità”
  41. Salvadanai per raccogliere fondi per i terremotati
  42. "Gridate sofferenza ma non perdete il coraggio"
  43. Coppia di Orvieto morta sotto le macerie
  44. "Ho visto la morte in faccia..."
  45. "Mattomei" dal sorriso smagliante tra le vittime del terremoto
  46. Fondazione Vulci in aiuto alla popolazione colpita dal sisma
  47. Montalto si mobilita per le popolazioni colpite dal sisma
  48. Altri due campi d'accoglienza a Scai e Sommati
  49. Cavalieri del Soccorso di Viterbo ad Amatrice
  50. "Raccolta fondi priorità per la ricostruzione"
  51. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  52. M5s, raccolta beni anche per i prossimi mesi
  53. Festa di Sant'Ermete, gli utili ai terremotati
  54. Stop viveri, servono prodotti per l'igiene personale
  55. Amatriciana in piazza, il ricavato ai terremotati
  56. "Protezione civile comunale pronta ad aiutare"
  57. Domenica i funerali di Manuel
  58. Terremoto, domani lutto nazionale
  59. Podistica di Porsenna, il ricavato ai terremotati
  60. "Nelle zone del sisma servono soldi"
  61. "Quei bambini morti e chiusi nei sacchi..."
  62. "Il dolore è tanto, il cuore non regge"
  63. "Un ragazzo buono e altruista"
  64. Recuperati altri cinque corpi
  65. Recuperati altri cinque corpi
  66. Assistite 435 persone di giorno e 270 di notte
  67. "Centri di raccolta saturi, mandate solo ciò che è necessario"
  68. Raccolte duemila sacche di sangue
  69. "Lo Stato non fa prevenzione"
  70. Terremoto, raccolti 10mila euro di beni
  71. Serve cibo senza glutine
  72. Latte, biscotti, caffè, pannolini
  73. La chiesa evangelica raccoglie fondi
  74. Servono mezzi, materiale idraulico e operatori
  75. Castello di Santa Severa, gli incassi ai terremotati
  76. "Spazi a misura di bambino" strappati alle macerie
  77. Conto corrente della Banca di Viterbo per i terremotati
  78. Unitus per i terremotati
  79. Bimba morta tra le braccia dei sanitari viterbesi
  80. Raccolta fondi con sms al 45500 Poste Italiane
  81. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  82. Donazioni, la Regione attiva il conto corrente
  83. Quintali di cibo ai terremotati da Coldiretti
  84. Cessata l'emergenza sangue
  85. “Stanno bene, vederli è una grande gioia”
  86. Ancora chiusa la strada per Arquata del Tronto
  87. Lutto cittadino a Carbognano
  88. "Abbiamo scavato senza sosta"
  89. Tutti in fila a donare il sangue
  90. Dispersa coppia di Orvieto
  91. Terremoto, 25enne tra le vittime
  92. "Una tragedia, c'è ancora molto da scavare"
  93. Terremoto, diecimila galline morte soffocate
  94. "Cadaveri per strada e paesi rasi al suolo"
  95. Coppia viterbese intrappolata dalle macerie, salvata da un armadio
  96. Terremoto, venti ingegneri viterbesi sul posto
  97. "Ho visto bimbi e genitori piangere"
  98. Terremoto, muoiono madre e figlio
  99. "Doniamo per aiutare chi ha bisogno"
  100. "Il sindaco e tutti noi a disposizione per aiutare"
  101. Raccolta di alimenti anche a Tarquinia
  102. Colletta alimentare a San Martino al Cimino
  103. 36 mezzi operativi, 2 cucine da campo, 11 unità cinofile
  104. Raccolta di generi alimentari alla sede Pd di Orte
  105. Raccolta di beni di prima necessità a Vetralla
  106. Allestite aree accoglienza per 1430 posti
  107. Raccolta fondi e beni di prima necessità
  108. “Dobbiamo farci forza e correre in aiuto”
  109. Consulta volontariato: "Emergenza sangue, donazioni a Belcolle"
  110. Soccorso alpino, oltre 100 tecnici al lavoro
  111. Coldiretti porta polli, hamburger, pane e frutta
  112. Ospedale Rieti: trattati 120 casi, tra cui 20 bambini
  113. Ancora nessun ferito portato a Belcolle
  114. "Nessuno sia lasciato solo"
  115. Vestiti, omogeneizzati, torce, pile
  116. "Cordoglio e vicinanza"
  117. "Attiviamoci tutti per portare soccorso"
  118. La Cri raccoglie cibo e prodotti per l'igiene personale
  119. Raccolta fondi per i terremotati, aperto un conto corrente
  120. Terremoto, centro trasfusionale di Belcolle aperto h24
  121. La terra continua a tremare
  122. Raccolta materiali anche dal Pd
  123. Raccolta materiali anche dal Pd
  124. "Non lasceremo nessuno da solo"
  125. Da Viterbo aiuti ad Amatrice
  126. Terremoto, frana sulla Picente
  127. Cibo, coperte e medicine nelle zone terremotate
  128. "Terremoto, rischio intorbidimento dell'acqua"
  129. "Protezione civile pronta a partire per le zone terremotate"
  130. "Attiva la navetta da e per Amatrice"
  131. Raccolta cibo per le zone terremotate alle cene dei facchini
  132. Terremoto, apertura straordinaria dei centri trasfusionali
  133. Terremoto, controlli agli edifici
  134. Allestiti punti medici avanzati
  135. Trema il centro Italia, morti e distruzione
  136. Forte scossa di terremoto avvertita in tutta la Tuscia

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR