Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Acquapendente - Inchiesta Vox populi - Contestate anche la turbativa d'asta e la rivelazione di segreti di ufficio

Corruzione, indagato l’ex sindaco Bambini

Condividi la notizia:

L'ex sindaco di Acquapendente Alberto Bambini

L’ex sindaco di Acquapendente Alberto Bambini

Operazione Vox Populi - La forestale al comune di Acquapendente

Operazione Vox Populi – La forestale al comune di Acquapendente

Operazione Vox Populi – La forestale al comune di Acquapendente

Operazione Vox Populi – La forestale al comune di Acquapendente

Acquapendente – 10mila euro per potersi aggiudicare due appalti.

10mila euro costava la lista, già concordata, dei partecipanti alla gara di appalto per due imprenditori per aggiudicarsi i lavori di ripristino delle strade, dopo il nubifragio del novembre 2012. Due i bandi di asfaltatura: uno per le frazioni e un altro per il comune di Acquapendente.

I 10mila euro (5mila a imprenditore) sarebbero stati chiesti a Fabrizio Galli dall’ex sindaco Alberto Bambini. L’imprenditore, finito ai domiciliari il 17 ottobre scorso, avrebbe detto all’allora primo cittadino di non preoccuparsi: i soldi per l’ospedale li avrebbe avuti. Secondo l’accusa quei 10mila euro servivano a Bambini per acquistare un macchinario per l’ospedale di Acquapendente, con una ricaduta sul piano del consenso politico.

Lo ricostruisce il gip Stefano Pepe, nelle 103 pagine di ordinanza di custodia cautelare che hanno portato all’arresto di cinque persone: l’imprenditore Galli, il collega Marco Bonamici e i dipendenti pubblici Ferrero Friggi, Giorgio Maggi e Vincenzo Palumbo. Sono indagati per corruzione, turbativa d’asta e rivelazione di segreti di ufficio. Reati contestati a vario titolo, a seguito dell’operazione Vox populi del Nipaf della forestale.

Nell’inchiesta, condotta dalla procura di Viterbo, è indagato anche l’ex sindaco di Acquapendente Bambini. Anche per lui le accuse sono di corruzione, turbativa d’asta e rivelazione di segreti di ufficio. Per il gip, non solo Bambini avrebbe assicurato a Galli almeno uno dei due appalti ma avrebbe fornito all’imprenditore edile, “con il concorso di Palumbo”, l’elenco, per altro concordato, delle cinque ditte da invitate alla gara d’appalto. In questo modo Galli avrebbe potuto programmare, “in dispregio dei più elementari principi di imparzialità”, con le altre imprese la percentuale del ribasso da indicare nelle diverse offerte. Per poi accaparrarsi l’appalto al minimo ribasso.

Il tutto in cambio di 10mila euro da dare per l’ospedale. Secondo il gip, è un’evidente “sponsorizzazione politica”: quei soldi avrebbero avuto un’evidente ricaduta politica per l’ex sindaco Bambini.


Condividi la notizia:
26 ottobre, 2016

Appalti truccati ad Acquapendente ... Gli articoli

  1. Appalti truccati, in sospeso le intercettazioni a carico degli imputati
  2. Vox populi, no alla lista testi dell'imprenditore Mauro Gioacchini
  3. Stop all'udienza preliminare per l'ex sindaco di Acquapendente
  4. Vox populi va avanti - Appaltopoli bis prescrizione rinviata per i 31 imputati
  5. "Violato il diritto di difesa, illegittimo l'immediato"
  6. Appalti truccati, l'ex sindaco di Acquapendente rischia il processo
  7. Appalti truccati, imprenditori e tecnici non dovevano essere arrestati
  8. Appalti truccati, Riesame bis contro gli arresti domiciliari
  9. "Spero in un futuro dove merito e legalità prevalgano su arroganza e vessazione"
  10. Annullati i domiciliari a Friggi
  11. Appaltopoli, libero anche il funzionario regionale
  12. Appalti truccati, arresti bocciati dalla Cassazione
  13. L'ex sindaco e quella tangente "a fine di bene"...
  14. Appalti truccati, avviso di fine indagine per l’ex sindaco Bambini
  15. "Gioacchini solo come persona fisica non è parte civile"
  16. Revocati i domiciliari a imprenditori e funzionari
  17. Appalti truccati, comune e due aziende parti civili
  18. Appalti truccati, "Vox Populi" in tribunale
  19. "Compresso il diritto di difesa, questo è un accanimento assurdo"
  20. Il Riesame: "Friggi, ok all'accusa di corruzione"
  21. "Nessun rito alternativo, tutti a processo"
  22. "Appalti truccati, Palumbo provato ma sereno"
  23. Appalti truccati, si attende la decisione del Riesame
  24. "Giudizio immediato? Nemmeno fosse un omicidio"
  25. Appalti truccati, sarà giudizio immediato
  26. "Quei domiciliari sono solo punitivi"
  27. Appalti truccati, anche Maggi resta ai domiciliari
  28. I pm: Mettete Galli in carcere
  29. Appalti truccati, i pm chiedono il carcere
  30. Appalti truccati, il bis di Galli al Riesame
  31. "L'ordinanza d'arresto per Maggi? Un copia e incolla"
  32. "Un accanimento incomprensibile"
  33. Appalti truccati, il Riesame conferma i domiciliari
  34. "C'è un feeling tra Galli e il comune..."
  35. Il funzionario regionale Maggi davanti al Riesame
  36. Appalti truccati, il Riesame prende tempo
  37. Appalti truccati, è il giorno del Riesame
  38. "Quel maiale m'ha fatto uno sgarbo..."
  39. Appalti truccati, giovedì l'udienza al Riesame
  40. "Andremo a fondo sulle intercettazioni sessuali..."
  41. "Se quello te dà il lavoro daje l'8%"
  42. Galli: Troppi appalti per me...
  43. "Lavori di somma urgenza a iosa"
  44. "Spero che ti vada tutto per le medicine..."
  45. "L'ex sindaco Bambini complice..."
  46. Un collaudato sistema criminale
  47. "40 posti di lavoro in pericolo..."
  48. Appalti truccati, confermati i domiciliari
  49. Appalti truccati, si setacciano le intercettazioni
  50. In quattro già indagati in altre inchieste
  51. Appalti truccati, arrestati 2 imprenditori e 3 funzionari
  52. Turbativa d'asta e corruzione, cinque arresti
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR