- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Giornata stupenda, ma non ci fermiamo qui”

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Sport - Calcio - Giuseppe Iacomini con Sergio Pirozzi [3]

Sport – Calcio – Giuseppe Iacomini con Sergio Pirozzi

Sport - Calcio - Giuseppe Iacomini [4]

Sport – Calcio – Giuseppe Iacomini

Sport - Calcio - Sergio Pirozzi, allenatore del Trastevere [5]

Sport – Calcio – Sergio Pirozzi

Rieti – Un calcio al terremoto.

Tornare alla normalità è un percorso difficile, specialmente dopo una tragedia come il sisma che ha colpito il centro Italia.

Beneficenza e ricostruzione sono le parole d’ordine, ma anche se sembra strano la ripresa della quotidianità passa anche da una semplice partita di calcio.

Procedendo su questa strada, sotto l’aspetto sportivo è stato fatto un piccolo passo in avanti, che sabato pomeriggio ha coinvolto migliaia di persone.

Campionato di Terza categoria, stadio Manlio Scopigno di Rieti, location da ben altri palcoscenici ma la più adatta per l’occasione.

Alle 15,30 si sono trovate di fronte Amatrice e Pro calcio Cittaducale, nella gara valevole per il primo turno del girone A.

Presente come invitato speciale il portiere del Ronciglione Giuseppe Iacomini, ideatore dell’iniziativa “Aiutaci ad aiutare” che ha raccolto finora più di 70 bonifici effettuati da squadre in favore di Amatrice.

Com’è andata la giornata?
“E’ stata una bellissima esperienza. Un clima quasi surreale ma in positivo. E’ stato organizzato tutto nei minimi dettagli e la cosa più bella è stata percepire l’emozione che provavano i ragazzi prima di giocare”.

Tra le personalità presenti anche il presidente del Cr Lazio Melchiorre Zarelli.
“Una persona eccezionale, mi sono presentato e non mi ha lasciato solo un attimo. Ha detto di essere orgoglioso per quello che stiamo portando avanti con la nostra iniziativa”.

A proposito, come procede Aiutaci ad aiutare?
“Abbiamo superato i 70 bonifici ma non intendiamo fermarci. Oltre a continuare con le serie maggiori inizieremo con la Terza categoria e col calcio femminile. L’importante è non spegnere le luci su questo dramma, bisogna capire che anche quando tv e giornali non ne parlano più la tragedia rimane”.

Hai avuto modo di rincontrare il mister Sergio Pirozzi?
“Sì, è stato un momento molto toccante. Ha lasciato lo sport per concentrarsi sul lavoro di sindaco ed è una persona fantastica. Si vede che è stato formato nel mondo del calcio perché ti rende forte anche nella vita. Ecco, lui è un vincente sia nel calcio che nella vita. Prima del match ha detto una frase che è rimasta impressa a molti: Non chiamateci terremotati perché chi è terremotato lo è a vita ed è sempre abituato a chiedere. Noi vogliamo essere considerati degli sfrattati a tempo”.

Per la cronaca l’incontro è stato vinto per 3-1 dalla squadra di casa, anche se il successo vero è arrivato ben prima del fischio d’inizio.

Samuele Sansonetti


L’iniziativa “Aiutateci ad aiutare”

“I gagliardetti? Scambiamoci i bonifici”.

Dal momento che il Sindaco di Amatrice Pirozzi è anche uno degli allenatori più vincenti del calcio laziale ho pensato di fare un qualcosa che potesse aiutare in questa situazione drammatica.

Dal momento che sono un portiere ancora in attività ho pensato di lanciare un appello, tramite Facebook, a tutti i capitani invitandoli, il 4 settembre, quando si alzerà il sipario sui campionati di serie D, Eccellenza e Promozione, a scambiarsi, al posto dei gagliardetti le rispettive ricevute dei bonifici a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.

In un attimo il post ha fatto il giro del Lazio grazie a tutte queste fantastiche persone. Per partecipare ogni capitano si adopererà per raccogliere i soldi coinvolgendo anche staff e dirigenti, oltre la squadra.

Si effettua il bonifico al comune di Amatrice, banca di Credito cooperativo di Roma IT 13 W 08327 73470 000000005050 con la casuale#misterpirozzisiamoconte (soluzione condivisa con lo stesso Pirozzi).

Una volta ritirata la ricevuta si fa una foto o un video (sulla falsa riga dell’ Ice bucket challenge, la doccia fredda) e si tagga un componente della squadra avversaria cui si darà appuntamento al campo per lo scambio dei rispettivi cedolini.

Il giorno dell’evento si farà una foto a centrocampo con scritto il campionato di pertinenza, la partita e l’hasthtag #misterpirozzisiamoconte e sarà pubblicata sulla pagina Facebook della Lnd con la speranza che faccia da volano anche per le altre regioni e chissà magari i professionisti.

Aiutateci ad aiutare #misterpirozzisiamoconte.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [6]
  • [1]
  • [2]