--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Comune - Oggi la seduta - L'opposizione chiede approfondimenti, la maggioranza modifiche

Paliano, sul progetto termale il consiglio frena

Condividi la notizia:

Viterbo - Consiglio comunale

Viterbo – Consiglio comunale

Viterbo – (g.f.) – Terme al Paliano. Il consiglio comunale ci riprova, ma anche no. Dopo il rinvio della volta scorsa, oggi il futuro impianto sulla Cassia sud torna all’attenzione dei consiglieri. Che si arrivi al voto è tutto da vedere.

Intanto perché nella maggioranza sono previste assenze. Poi perché il centrosinistra sullo stabilimento viaggia in ordine sparso. Pare che il Pd voglia chiedere alcune modifiche. Emendamenti.

Al Paliano è in programma una struttura termale cui si affianca una parte residenziale. Per farlo, occorre una modifica urbanistica.

Se il buongiorno si vede dal mattino, non sembrano esserci i presupposti per un dibattito oggi.

Prima del consiglio comunale è in programma una capigruppo, proprio per discuterne. A ridosso, alle 14.30. Chiesta da Claudio Ubertini (FI), Luigi Maria Buzzi (FdI) e Gianmaria Santucci (Fondazione).

“Si tratta di una pratica importante – spiega Ubertini – meritevole d’attenzione. Siccome ci sono alcuni dubbi, è bene chiarirli prima del consiglio comunale.

La vorrebbero liquidare così, con una sola seduta di commissione, un mese e mezzo fa. In un’amministrazione seria, un simile progetto sarebbe passato almeno cinque o sei volte in commissione prima d’arrivare in consiglio comunale”.

Va discussa, ma con cognizione di causa. “Deve essere sottoposta al lavoro in commissione almeno due o tre volte”.

Il messaggio dall’opposizione è chiaro: “Io chiederò di rimandarla in commissione. Sono passati molti anni da quando se ne parla, è vero. Ma uno o due mesi in più, con l’impegno di tutti ad arrivare fino in fondo, non cambia molto.

Poi, se la maggioranza ritiene di dovere andare avanti speditamente, faccia pure.

Del resto, la pratica in comune è da poco che c’è. La commissione urbanistica c’è stata a maggio 2016.

Ci sono state altre difficoltà nel portare avanti il progetto, fuori da palazzo dei Priori.

Noi siamo per andare avanti. Siamo tutti d’accordo, ma nel modo dovuto. Se si vuole fare in fretta e furia, allora no”.


Condividi la notizia:
6 ottobre, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR