Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Polizia Squadra mobile - Divieto di avvicinamento per un 45enne

Perseguita e pedina la ex

Condividi la notizia:

La polizia

La polizia

Viterbo – Perseguita e pedina la ex, allontanato.

Ieri, gli uomini di Polizia della squadra mobile di Viterbo, insieme ai Carabinieri del Roni, hanno notificato a un 45enne, residente nel capoluogo, un’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

Tutto nell’ambito dell’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Viterbo e attuata dal pool investigativo istituito di recente nell’ufficio, per fronteggiare i reati contro la libertà sessuale e la famiglia.

Il provvedimento restrittivo è nato da una indagine iniziata a seguito di una denuncia presentata dalla ex convivente dell’uomo, che, si legge in una nota della questura, metteva in atto appostamenti, pedinamenti e continue ricerche della donna per tentare di riprendere, contro la sua volontà, una relazione sentimentale.

Queste condotte sono state poste in essere dal 45enne in modo ossessivo, fino a pedinare la vittima in ogni suo spostamento: Comportamenti che venivano messi in pratica anche quando la donna era in compagnia di terze persone.

“L’uomo – continua la nota -, dall’aprile del 2015, aveva tenuto comportamenti molesti e persecutori nei confronti della ex compagna, cercando con lei continui approcci, facendosi trovare per più di una volta sotto casa di lei o nei luoghi da lei frequentati, come bar e ristoranti”.

Per questo, il gip di Viterbo ha emesso a carico dell’uomo il provvedimento restrittivo che gli impedisce di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima a una distanza inferiore a 300 metri e gli vieta di comunicare con la donna con qualsiasi mezzo.


Condividi la notizia:
16 novembre, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR