Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - L'investimento per la prima edizione del Caffeina Christmas Village - Inaugurazione il 2 dicembre

Un villaggio di Natale da 700mila euro

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Andrea Baffo e Filippo rossi

Andrea Baffo e Filippo rossi

Viterbo - Caffeina Christmas village - Lavori alla pista di pattinaggio

Viterbo – Caffeina Christmas village – Lavori alla pista di pattinaggio

Giovanni Filigi e Andrea Baffo

Giovanni Filigi e Andrea Baffo

Viterbo - Caffeina Christmas village - Lavori alla pista di pattinaggio

Viterbo – Caffeina Christmas village – Lavori alla pista di pattinaggio

Don Luigi Fabbri e Andrea Baffo

Don Luigi Fabbri e Andrea Baffo

Filippo Rossi

Filippo Rossi

Dino Passeri

Dino Passeri

Viterbo - Caffeina Christmas village - Lavori alla pista di pattinaggio

Viterbo – Caffeina Christmas village – Lavori alla pista di pattinaggio

Giovanni Filigi

Giovanni Filigi

Giacomo Barelli

Giacomo Barelli

Viterbo – Natale per 38 giorni. Ne mancano due all’inaugurazione del Caffeina Christmas Village, in programma dal 2 dicembre all’8 gennaio e mentre il centro storico di Viterbo è un grande cantiere tra un allestimento e l’altro, in Fondazione Caffeina si svelano gli ultimi dettagli della prima edizione. Che a conti fatti, costerà qualcosa come 700mila euro. Di cui, come spiegano dalla fondazione, solo 15mila arrivano dalla regione. Il resto sono investimenti diretti.

“Un grande allestimento – osserva Andrea Baffo, direttore esecutivo del Village – con molte attrazioni lungo il centro storico. Piazze e vie che ospitano un mercato natalizio il più possibile di qualità, abbiamo lavorato sull’offerta merceologica. Avremo un numero importante d’installazioni luminose ed effetti di colore lungo la passeggiata”.

Compresa un’enorme orsa luminosa, alta cinque metri a piazza del Gesù.

Una delle tante piazze e strade, da via san Lorenzo a san Pellegrino. Il percorso è lungo e i luoghi da visitare molti. A cominciare dal presepe al coperto più grande al mondo.

“C’è il teatro incantato al palazzo dei Papi – spiega Filippo Rossi, direttore artistico – con spettacoli dalle 9 del mattino alle 22. A piazza del Duomo la pista di pattinaggio, il lago ghiacciato. A piazza della Morte la biblioteca delle favole, poi la casa degli elfi, una chicca che ci siamo inventati sei mesi fa.

A San Carluccio la fabbrica di cioccolato e quella dei giocattoli, con artigiani viterbesi.

Il cortile della Zaffera si trasforma nel bosco che non c’è, un percorso favolistico. A via san Pellegrino la locanda dei giochi, la banca dello zecchiere Marco Guglielmi, dove si potrà coniare il soldino.

A palazzo degli Alessandri, le poste dei bambini e il centro della festa, la casa di Babbo Natale che sta diventando una meraviglia. Con la stalla, la slitta e altre sorprese”.

L’investimento è importante: “Cinquecentomila euro – ricorda Rossi – di cui 125mila euro arrivano da sponsor e 15mila euro dalla regione per il teatro. Tutto il resto deve rientrare dai biglietti. Minimo 40mila persone, per il pareggio di bilancio. A oggi abbiamo 4800 bambini che arrivano da gite scolastiche”. Il villaggio aspetta visitatori da tutta la Tuscia e anche oltre. C’è interesse. 

Mezzo milione le spese conteggiate dalla fondazione, ma poi ci sono i privati che intervengono economicamente in modo diretto alle alle loro iniziative. “La cifra – precisa Baffo – sale a 700mila euro”.

Ieri 87 ragazzi, saranno gli elfi del villaggio, hanno firmato il contratto per il mese e mezzo di lavoro, ma almeno 200 persone girano attorno al Village. Per consentire l’accesso a tutti, in palazzi storici con barriere, sono stati previsti monta scale.

“Il Village è possibile – osserva Baffo – grazie a investitori come Giovanni Bettini, Tonino Ragonesi e Stefano Perelli di Cose e Sogni, che hanno creduto nel progetto”. Il comune dà solo il patrocinio, niente contributi. Coop, Ipercoop e Incoop hanno sponsorizzato la manifestazione

“Abbiamo stampato – osserva Giovanni Filigi della Coop – un milione e mezzo di buoni scontro di tre euro che saranno distribuiti nei nostri centri nel Lazio e in Umbria”. Per Filippo Rossi: “Si tratta della più grossa campagna promozionale mai fatta per Viterbo”.

Ci sono anche gli imprenditori di Via Saffi Cantieri. “Durante il village – spiega Dino Passeri – parteciperemo con iniziative, degustazioni. Abbiamo già aperto tre negozi e proprio in concomitanza con le iniziative natalizie ne apriranno altri”.

L’assessore al Turismo Giacomo Barelli punta sull’aspetto sociale e culturale della manifestazione. “Tra l’altro – ricorda Barelli – con il Sodalizio dei Facchini di santa Rosa sarà possibile lasciare al museo che si trova accanto alla casa di Babbo Natale, regali ch saranno destinati a bambini meno fortunati”.

La curia partecipa attivamente, avendo concesso diversi spazi, a partire dal palazzo dei Papi. “Quando oltre un anno fa – ricorda don Luigi Fabbri – ci hanno proposto l’iniziativa, non immaginavamo di certo una cosa del genere”.

La lista dei ringraziamenti da parte dei responsabili è lunga. In particolare, per il presepe più grande al mondo, gli architetti Carlo Marini e Annalisa Laurenti.

C’è il depliant del Christmas Village, c’è l’app e il villaggio non si ferma. Nemmeno a Capodanno. Resterà aperto. Inaugurazione il 2 dicembre alle 17 con il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti.

Giuseppe Ferlicca


Caffeina Christmas Village – Le attrazioni e i biglietti

Il presepe
Alle scuderie del palazzo papale, il presepe al chiuso più grande al mondo, con case riprodotte a grandezza naturale e personaggi immersi nelle loro attività, con giochi di luci e colori.

La casa di Babbo Natale
Porte aperte per incontrare tutti i bambini che vorranno conoscerlo e curiosare in cucina, dove ogni giorno si preparano biscotti, nello studio e nella stalla, dove si possono vedere e accarezzare le renne. E poi, ovviamente, si può parlare e ascoltare le favole direttamente da Babbo Natale.

Le poste dei bambini
Il posto dove gli elfi raccolgono e smistano le letterine spedite a Babbo Natale. È possibile portare la propria o magari scrivere direttamente. Carta e penna non mancano.

Il lago ghiacciato
La pista per mille piroette a piazza san Lorenzo. Dal Village fanno sapere che si è formata da una bufera di neve che per sette giorni è imperversata sul villaggio, trasformando lo specchio d’acqua in lago ghiacciato.

La banca dello zecchiere
Un elfo mostrerà come si coniano vere monete di metallo, è anche possibile aiutarlo.

Il bosco che non c’è
Una passeggiata tra alberi popolati da spiriti della natura, folletti in girotondo intorno a funghi giganti. Lungo il percorso, fate organizzano feste per i più piccoli, facendoli sedere con loro per raccontare storie segrete del bosco.

Il museo dei presepi
I presepi di Giulio Bernabucci riproducono fedelmente angoli più rappresentativi del centro storico di Viterbo. Ricostruzioni in miniatura degli scorci più caratteristici, da piazza san Lorenzo a piazza san Carluccio, a san Pellegrino o San Martino al Cimino.

La fabbrica del cioccolato
Gli elfi pasticceri alle prese con sculture dolci e sgranocchiabili di gustoso cioccolato.

La biblioteca delle favole
Tantissimi libri di favole e racconti per bambini e ragazzi da sfogliare con mamma e papà.

Il teatro incantato
Tutti i giorni vanno in scena fiabe, filastrocche, clowneries e canzoni, ogni ora, dalle 9 alle 21 e dal venerdì alla domenica e nei festivi, fino alle 22.

La taverna del gioco
Alla scoperta di giochi d’un tempo, quando erano di legno, cuoio e vetro o terracotta. Ci sono tutti i passatempi d’una volta, addirittura sumeri o egizi, greci ed etruschi, romani e medievali.

Le terme del Bagnaccio
Una sorgente termale fedelmente riprodotta in ogni particolare, con acqua fumante a cura del Parco termale Bagnaccio proprio sotto il palazzo papale.

I biglietti
Dal 2 dicembre all’8 gennaio dalle 10.30 alle 23.30, l’ingresso al Caffeina Christmas Village e al mercato di Natale è gratuito. Con i buoni Coop, sconto di tre euro. Inaugurazione il 2 dicembre alle 17 con il presidente della regione Nicola Zingaretti.

Con il biglietto di sette euro si possono visitare la casa di Babbo Natale, il teatro incantato, la casa degli elfi, la fabbrica dei giocattoli, il bosco che non c’è, le poste dei bambini, la taverna del gioco.

Costa, invece, cinque euro la visita al presepe al coperto più grande al mondo. Si può anche acquistare un unico biglietto di 12 euro per tutte le attrazioni.

Chi, invece, è interessato solo agli spettacoli del teatro incantato, il biglietto è di tre euro.

Alla pista di pattinaggio, il lago ghiacciato, il costo è di nove euro un’ora e sette euro mezz’ora. Ma sono previsti anche pacchetti a un prezzo agevolato.

Ingresso libero, invece, a fabbrica del cioccolato, banca dello zecchiere, museo dei presepi e biblioteca delle favole.

Sono previste riduzioni e tariffe agevolate per gruppi, gite scolastiche, mentre bambini al di sotto del metro d’altezza entrano gratis, altrettanto, disabili con accompagnatore.


Condividi la notizia:
30 novembre, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR