--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Erano accusati di aver venduto un'auto usata taroccandone il contachilometri

Frode in commercio, assolti i fratelli Marchetti

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Catia Marchetti

Catia Marchetti

Elio Marchetti

Elio Marchetti

Viterbo – Frode in commercio, assolti Catia ed Elio Marchetti.

Vennero rinviati a giudizio con l’accusa di aver venduto un’auto usata taroccandone il contachilometri; il tutto per aumentare il valore del mezzo. Per l’accusa si trattava di frode in commercio e falsità materiale.

Ieri il giudice Silvia Mattei ha assolto Catia ed Elio Marchetti, fratelli e noti imprenditori viterbesi del settore automobilistico.

I fatti risalgono al 2010. Della presunta frode ne avrebbe pagato le spese un ignaro cliente della concessionaria, costituitosi parte civile nel processo insieme al figlio. Solamente dopo aver acquistato l’auto, i due si sarebbero accorti che il veicolo aveva avuto una vita su strada più lunga di quella che i Marchetti gli avrebbero fatto credere.

Prima la denuncia e poi il rinvio a giudizio per i due fratelli. Un nuovo processo davanti al tribunale di Viterbo, che si affianca a quello sulla presunta maxievasione fiscale da 6 milioni di euro (il tribunale del Riesame l’ha fatta scendere a 4,5 milioni).

Ieri l’assoluzione, per frode in commercio e falsità materiale.


Condividi la notizia:
22 dicembre, 2016

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR