- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Genio e sregolatezza, è guerra sulle intercettazioni

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Appaltopoli in aula, il processo Genio e sregolatezza [4]

Appaltopoli in aula, il processo Genio e sregolatezza

Genio e sregolatezza, un'intercettazione ambientale [5]

Genio e sregolatezza, un’intercettazione ambientale

Genio e sregolatezza, i forestali setacciano gli uffici [6]

Genio e sregolatezza, i forestali setacciano gli uffici

Genio e sregolatezza, la perquisizione dei forestali al Genio civile di Viterbo [7]

Genio e sregolatezza, la perquisizione dei forestali al Genio civile di Viterbo

Viterbo – L’accusa da una parte, le difese dall’altra. Al centro le intercettazioni.

Continua, in aula, la guerra sulle intercettazioni di Genio e sregolatezza, l’indagine del Nipaf della forestale che scoperchiò un presunto giro di appalti truccati in cambio di tangenti.

Dopo la testimonianza [8] del novembre scorso di un tecnico della difesa, ieri il collegio di giudici ha ascoltato i consulenti nominati dal tribunale e un assistente capo della forestale che durante le indagini si è occupato delle intercettazioni.

A differenza di quanto sostenuto dal consulente nominato dalla difesa di Luca Amedeo Girotti (l’imprenditore di Tarquinia tra gli otto imputati del processo), per l’assistente capo le “intercettazioni di Genio e sregolatezza tornano” eccome. E punto su punto smonta le conclusioni del tecnico della difesa.

Il collegio ha anche ascoltato i consulenti nominati dal tribunale e incaricati di trascrivere le conversazioni. Gli avvocati difensori li ‘accusano’ di aver fatto “solo una mera trascrizione e non una perizia, non entrando nel merito delle intercettazioni”. Il legale Angelo di Silvio (difensore dell’imprenditore Fabrizio Giraldo) ha così chiesto un’ulteriore perizia: “E’ indispensabile”, ha aggiunto in aula. Per il pm Stefano d’Arma, invece, “è un’inutile perdita di tempo”. Il tribunale di Viterbo si è riservato di decidere entro la prossima udienza, prevista a febbraio 2017.

Genio e sregolatezza esplode quattro anni fa. L’indagine del Nipaf della forestale per corruzione e turbativa d’asta fa finire in manette tredici persone nel doppio blitz tra l’ottobre e il novembre 2012. Gli indagati di punta sono i funzionari del Genio civile Roberto Lanzi e Gabriela Annesi, accusati di intascare tangenti in cambio della distribuzione di appalti a un gruppo ristretto di imprenditori. Un’oligarchia delle gare da cui molti restavano esclusi ma che trascina mezza imprenditoria viterbese nel registro degli indagati, per un totale di 63 inquisiti.

In otto sono attualmente a giudizio, in quello che è stato definito il filone portante: oltre ai funzionari Lanzi e Annesi, l’ex sindaco di Graffignano Adriano Santori e l’ex assessore Luciano Cardoni. Gli imprenditori Luca Amedeo Girotti, Angelo Anselmi, Giuliano Bilancini e Fabrizio Giraldo. Dei 63 indagati iniziali, tolta una decina di archiviazioni, altri 32 vanno verso il processo.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]