Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Si dovrà andare a un nuovo appalto - Opera terminata solo a metà

Scuola materna, rescisso contratto con la ditta

Condividi la notizia:

Viterbo - Lavori a Santa Barbara per la costruzione della scuola dell'infanzia Boat - L'assessore Alvaro Ricci

Viterbo – Scuola dell’infanzia Boat – L’assessore Alvaro Ricci

Viterbo - La scuola dell'infanzia Boat a santa Barbara

Viterbo – La scuola dell’infanzia Boat a santa Barbara

Viterbo – Boat, la scuola affonda. Rescisso il contratto con la ditta appaltatrice.

Era nell’aria, adesso una delibera di giunta lo mette nero su bianco. Per la scuola materna a santa Barbara, il progetto denominato boat per la somiglianza a una nave, si ricomincia non da zero, ma da metà. La struttura è stata realizzata solo al 50 per cento.

Nonostante dovesse essere completata entro febbraio 2015, termine prorogato ad agosto dello stesso anno.

Costo tre milioni e 700mila euro. Approvazione del progetto a novembre 2010, lavori consegnati a febbraio 2012. A fine 2016 la rescissione e in mezzo una serie di vicissitudini che hanno coinvolto l’impresa, con cambi, cessione di ramo d’azienda, difficoltà e soprattutto un ritardo nella consegna dell’opera che ha portato i tecnici comunali a chiudere la pratica.

Opera non proprio fortunata. “Procederemo con la massima urgenza – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Alvaro Ricci – adesso il responsabile dovrà redigere un verbale per determinare la consistenza dei lavori e il cantiere torna formalmente al comune.

Serve riprogettare e ricomputare le opere mancanti e fare un nuovo appalto”. Si capisce che non saranno tempi brevissimi.

“Doveva essere completata ad agosto 2015 – continua Ricci – ci sono stati ritardi consistenti, sono state applicate penali, abbiamo sperato che comunque riuscissero ad andare avanti. Ma poi, il direttore dei lavori ha dovuto concludere che non c’erano altre strade se non questa, la rescissione”.

Siamo a metà dell’opera. “Il comune sta subendo un danno – sottolinea Ricci – che non è solo quello derivante dal ritardo, ma anche perché per la materna si paga un canone d’affitto. Che sarebbe cessato se l’opera fosse stata ultimata nei tempi”.

L’impresa ha pagato penali, c’è la polizza fideiussoria. “Vedremo, se non basta, come muoverci. Ma al di là di possibili azioni legali, all’atto pratico il cantiere rientra in possesso del cantiere”.


Condividi la notizia:
17 dicembre, 2016

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR