--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Terremoto - Donati dalla Cia di Viterbo e quella di Firenze-Prato, insieme alle associazioni degli olivicoltori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Condividi la notizia:

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Un modulo abitativo arredato a una famiglia di allevatori

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Una famiglia di allevatori (due bambini, i genitori e i nonni) del Comune di Montemonaco (Ap) colpiti duramente dal terremoto, che ha distrutto la loro casa di abitazione e la stalla.

La Cia di Viterbo e quella di Firenze-Prato, insieme alle associazioni degli olivicoltori delle due province, hanno consegnato alla famiglia Leonardi un modulo abitativo già arredato e predisposto per i servizi (un bagno, una camera da letto e una cameretta con tre posti letto).

A giorni la Regione Marche provvederà con una tensostruttura per sostituire la stalla distrutta.

Il presidente della Cia Viterbo e il direttore della Cia di Firenze-Prato Sandro Piccini, hanno espresso la loro soddisfazione per questo concreto aiuto alla famiglia Leonardi che, a sua volta, ha ringraziato la Cia per il bel gesto di solidarietà.

Il Presidente Cia Viterbo Pini Fabrizio
Il Direttore Cia Viterbo Coretti Petronio


Condividi la notizia:
16 dicembre, 2016

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR