- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Bimbi maltrattati e minacciati, la maestra si difende

Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]

Nepi - L'istituto comprensivo Alessandro Stradella [4]

Nepi – L’istituto comprensivo Alessandro Stradella

Viterbo - Tribunale [5]

Viterbo – Tribunale

Nepi – Ha risposto a tutte le domande, per chiarire la sua posizione.

La maestra della scuola materna Stradella di Nepi accusata di aver minacciato e maltrattato con calci nel sedere e tirate d’orecchio una classe di bimbi dai tre ai cinque anni, si è difesa davanti al gip Stefano Pepe.

Giovedì scorso, dopo aver visionato i filmati registrati dalle telecamere nascoste piazzate nella scuola, il giudice del tribunale di Viterbo ha interrogato l’insegnante. La donna, 40enne calabrese, ha spiegato la sua versione dei fatti.

L’accusa è di aver riempito di calci nel sedere i bambini, di averli presi per le orecchie e messi in punizione con la faccia contro il muro. Poi urla, offese e minacce: “Se non la smetti ti picchio”; “Se fai il cattivo ti lego alla sedia”. Lo avrebbero filmato le telecamere piazzate dai carabinieri nella scuola materna.

Le indagini, coordinate dalla pm Paola Conti, sono scattate a inizio dicembre, dopo la denuncia dei genitori che da tempo notavano comportamenti strani nei bambini: rientravano a casa con le orecchie arrossate e avevano paura di tornare a scuola, erano diventati violenti e si lamentavano in continuazione. Dai racconti ai carabinieri di mamme e papà è emerso che la maestra aveva l’abitudine di rimproverare gli alunni minacciando di picchiarli se non si fossero comportati bene.

Dopo la denuncia, sono state disposte immediate intercettazioni ambientali e nell’aula, composta da ventisei bambini, sono state piazzate anche delle telecamere nascoste. Il lavoro di indagine non è durato che una manciata di giorni: agli inquirenti i fatti sono apparsi subito molto evidenti. Nei filmati si vedrebbe chiaramente l’insegnante intimorire i bimbi, promettere di legarli alla sedia, alzare le mani minacciando di prenderli a schiaffi. La maestra sarebbe arrivata anche al punto di negargli di andare in bagno.

Giovedì il gip Stefano Pepe, visionati i filmati e ascoltate le intercettazioni ambientali, ha prima interrogato la maestra per poi disporre, su richiesta della pm Conti, la misura cautelare della sospensione dall’insegnamento. I carabinieri del nucleo operativo di Civita Castellana, guidati dal maggiore Anna Patrono, hanno notificato il provvedimento, dalla durata di due mesi, venerdì.

La maestra, avuto l’incarico a settembre, è solo da pochi mesi a Nepi. Ancora non la conoscevano in molti, ma di lei se ne parlava da tempo. “In paese – ha raccontato il sindaco Pietro Soldatelli – si vociferava da un po’ su questi presunti maltrattamenti e minacce. I bambini avevano paura di tornare a scuola e negli ultimi giorni la classe da ventisei alunni si è più che dimezzata: otto, nove, al massimo dieci”.


Condividi la notizia:
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]
  • Tweet [1]
  • [2]
  • [3]