__

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Sport - Handbike - La medaglia d'oro alla Paralimpiadi di Rio, il 13 all'Hotel Salus - Incontro Mauro Cratassa

Il campione Vittorio Podestà a Viterbo

Treta, Ciambella, Ruggiero, Canuzzi e davanti Cratassa

Treta, Ciambella, Ruggiero, Canuzzi e davanti Cratassa

Mauro Cratassa

Mauro Cratassa

Veronica Ruggiero e Marco Canuzzi

Veronica Ruggiero e Marco Canuzzi

Livio Treta e Luisa Ciambella

Livio Treta e Luisa Ciambella

Mauro Cratassa

Mauro Cratassa

Livio Treta

Livio Treta

Viterbo – (g.f.) – Vittorio Podestà, campione nazionale di handbike e medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Rio, a Viterbo.

Il maestro a tutti gli effetti di un altro campione, Alex Zanardi, in un incontro all’hotel Salus il 13 gennaio alle 17. Un incontro speciale.

Molti gli ospiti, compreso Mauro Cratassa, altro campione nazionale handbike. “Con la disabilità – spiega Cratassa – i problemi li abbiamo come ci muoviamo. Stamani ho preso un caffè e uscendo dal bar mi sono guardato intorno per capire dove potevo passare. Da una parte la ghiaia, dall’altra gradini. Come ci alziamo, è un problema”.

Eppure gareggiano, sono atleti e raggiungono traguardi che un normodotato il più delle volte nemmeno sogna di raggiungere.

“Ci facciamo forza – continua Cratassa – per affrontare al meglio la giornata. Nonostante il dolore. Mi sono operato di recente, spero presto di salire sulla mia handbike. Se ci fossero piste ciclabili, sarebbe il massimo. Allenarsi per noi non è facile”.

Un velodromo è un sogno. In comune stamani la conferenza di presentazione dell’incontro. Marco Canuzzi, preparatore atletico, lancia l’idea. L’assessora Luisa Ciambella la rigira al delegato allo sport Livio Treta. Almeno valutarla, si può.

“Le testimonianze di questi atleti – dice Ciambella – sono fondamentali per tante persone con disabilità e le loro famiglie. Cratassa vive a Vitorchiano, Canuzzi è di Montefiascone”.

Livio Treta il campione lo conosce bene. “Con il Coni – ricorda Treta – ho premiato Cratassa tante volte in dodici anni, Marco Canuzzi è un triatleta. A Viterbo abbiamo realtà importanti nel settore, come Viterboport e Eta Beta. Il comune deve stare loro accanto, con un supporto importante, non solo economico”.

All’incontro del 13, oltre a Podestà e Mauro Cratassa, altri personaggi. “Saranno presenti tra gli altri – Massimiliano Lelli, commentatore Rai – dice Veronica Ruggiero, organizzatrice dell’incontro – Massimiliano Magrini, Stefano Colagè. L’ingresso è libero per dare a tutti la possibilità a tutti di partecipare”.

Per l’handbike serve una preparazione particolare. “Si tratta di una realtà importante – spiega Canuzzi – un mondo importante che a me ha dato tanto. Nel ciclismo per disabili ci sono diverse categorie, dipendono dal grado di abilità”.

10 gennaio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564