--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci di fine anno 2016 - Politica - Lazio - Intervista al consigliere regionale Riccardo Valentini (Pd)

“Cobalb, aggiudicato l’appalto e lavori in meno di 30 giorni”

di Paola Pierdomenico

Condividi la notizia:

Riccardo Valentini

Riccardo Valentini

Viterbo – “Cobalb, aggiudicato l’appalto e lavori in 30 giorni”. Riccardo Valentini (Pd) annuncia il provvedimento per le acque del lago di Bolsena. Dice di essere moderatamente soddisfatto del suo lavoro portato avanti nel 2016. Elenca con orgoglio la legge sulle dimore storiche, l’agricoltura a km zero e la rivalutazione di palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino.

Come è andato il 2016?
“E’ stato l’anno della fase due della Regione Lazio – dice Valentini – perché la fase uno è stata quella del risanamento dei conti e del dissesto finanziario. I numeri e le cifre di un disavanzo stratosferico, 23 miliardi di debito, con imprese che non prendevano soldi, fornitori che non venivano pagati e poste di bilancio che non esistevano.

Un processo che è stato completato per rilanciare appunto la fase due, cioè quella degli investimenti, della programmazione dei fondi europei, visto soprattutto che sono usciti i bandi del Por-Fesr sulle imprese. Sono stati fatti partire anche i bandi del Psr. Siamo quindi alla costruzione e il prossimo anno sarà decisivo”.

Cosa ha portato a termine l’amministrazione regionale?
“Per quanto riguarda l’aspetto macro, è stato ridotto il debito nella sanità, che è azzerato, sono iniziate le assunzioni del personale sanitario e abbiamo sbloccato il turn over. Abbiamo abolito il ticket sanitario per le fasce deboli e sono state investite risorse per l’edilizia sanitaria, che coinvolgono, anche Belcolle e Tarquinia.

Sono iniziati i lavori sulla Superstrada e puntiamo all’ultimo tratto su cui, a breve, ci sarà la decisione definitiva sul tracciato. E’ un’opera strategica per il nostro territorio che dobbiamo completare. I tempi ci sono e sono fiducioso”.

Il suo impegno, invece, su cosa si è concentrato?
“Il lago di Bolsena e il Cobalb. Finalmente infatti, è stato aggiudicato l’appalto e la ditta è pronta. Entro trenta giorni inizieranno i lavori. Sembra brutto dire che ci sono voluti due anni per tutto questo, ma la realtà è questa e cioè che quando siamo arrivati i soldi in bilancio non c’erano per ripristinarlo. Con pazienza siamo riusciti a rimettere le risorse necessarie e la prossima estate ci sarà un anello nuovo e funzionante e il lago di Bolsena avrà meno problemi di quelli del passato”.

Che altro?
“Penso abbia funzionato molto bene il programma “Torno subito” e ringrazi l’assessore Smeriglio per il suo sostegno. Sono migliaia gli studenti che abbiamo mandato all’estero o a fare esperienze lavorative fuori regione. Sono anche molto contento delle reti per il commercio dei centri storici. Si è chiuso il bando e Viterbo ha presentato un bellissimo progetto che speriamo possa portare ulteriori risorse per la rivalutazione del centro storico”.

Ha portato avanti anche diverse leggi.
“Sono stato uno dei firmatari, insieme a Cristiana Avenali, di quella del km zero in agricoltura, per cui è possibile avere mercati con questi prodotti alimentari in aree pubbliche, riservando posti alle nostre aziende. C’è, inoltre, la possibilità di avere centri mobili e di trasformazione dei prodotti, per cui chi oggi va fuori regione a fare marmellate e conserve, potrà da ora usare laboratori mobili da trasportare nelle aziende o addirittura usare i fondi regionali per costruire centri specifici. E’ un provvedimento che ci voleva e dà un segnale positivo sull’agricoltura di qualità delle nostre aziende, incentivando il biologico. E la Tuscia, come sappiamo, è un territorio a forte vocazione agricola, su questo settore, possiamo dire di essere i mejo”, scherza.

Poi la legge sulle dimore storiche.
“E’ quella di cui sono primo firmatario e ne vado orgoglioso. E’ la mia legge. Fino a marzo c’è la possibilità di aderire alla rete, sia da parte dei Comuni che dei privati, che hanno beni o giardini storici e che possono fare domanda. Su questa base verrà costruita una valorizzazione turistica e d’immagine. Verranno proposti circuiti su come usare questi luoghi culturali e, nello stesso tempo, ci sono delle risorse anche per il restauro. Purtroppo i piccoli comuni non hanno soldi ed era necessario che la regione ci mettesse delle risorse.

La legge riguarda proprio loro, penso a Celleno, Gradoli e Farnese, che hanno bisogno di fondi per rimettere a posto certi luoghi e incentivare il turismo. Sono riuscito a far parlare di bello e arte nei meandri della regione che dall’esterno appare grigia e burocratica”.

Palazzo Doria Pamphilj a San Martino al Cimino è salvo.
“C’è un emendamento alla finanziaria per cui il palazzo non è tra i beni della Regione in vendita ed è destinato alla comunità. E’ stato anche selezionato tra i beni dell’art bonus e quindi i privati possono defiscalizzare fino al 65% i loro investimenti sul palazzo, contribuendo a valorizzarlo. La Regione si è anche impegnata a renderlo agibile nelle parti fruibili ai visitatori. Il palazzo c’è ed è disponibile alla comunità che deve capire come volerlo utilizzare. Saranno i sammartinesi i primi a doverlo dire e a fornire una progettualità per farlo rivivere a pieno”.

Poi i provvedimenti sulla pesca al lago di Bolsena.
“E’ stato finanziato un milione di euro di fondi europei, grazie al lavoro straordinario coi sindaci del lago di Bolsena, che hanno presentato un progetto valido. Dal canto mio, avevo cercato di dire come le acque interne potevano beneficiare di certe risorse. Per la prima volta, e ringrazio l’assessore Hausmann, abbiamo una legge per la pesca sulle acque interne del lago fondamentale per i nostri pescatori e le comunità del lago che vivono un periodo critico”.

Cosa farà nel 2017?
“La legge di bilancio è in discussione e ci sono interventi soprattutto sulla riduzione del carico fiscale per i cittadini del Lazio e una rivalutazione dell’Irpef in cui cercheremo di aiutare le fasce più deboli. Il Lazio, per la prima volta, riduce le tasse, e anche in controtendenza con altre realtà italiane”.

Quali capitoli vuole chiudere?
“Sicuramente quello della Superstrada, poi dobbiamo usare al massimo le potenzialità dei fondi europei e sviluppare i Psr. Dobbiamo puntare al vino e investire sul museo di Castiglione in Teverina in cui realizzare un centro di formazione e una cantina sperimentale al servizio delle nostre aziende vitivinicole. Creare un consorzio di tutela per il nostro olio, perché sul mercato c’è molta richiesta, e dobbiamo sostenerlo. Sono eccellenze del territorio che vanno valorizzate”.

E’ soddisfatto di quello che ha fatto finora?
“Moderatamente perché potevo fare di più, del resto è il nostro compito. Secondo me, tanto è dipeso dal fatto che non funziona la macchina amministrativa della Regione Lazio, è inutile nasconderci. La politica di Zingaretti ha idea e voglia di fare, ci abbiamo sempre messo l’anima, in tutto, ma le procedure sono lente e siamo ancora troppo burocratici. Non mi piace dire che abbiamo fatto qualcosa di buono, ma voglio dire che abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare. Ora abbiamo un anno per provare ad aggiustarla.

Ci vuole l’aiuto di tutti, tutti dobbiamo crescere in questa cultura della spesa e del bene pubblico, della trasparenza per i diritti dei cittadini. Dobbiamo essere più umili perché siamo qui – conclude Valentini – perché proprio loro ci hanno chiesto di fare questo lavoro visto che pagano le tasse e pretendono certi servizi”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
7 gennaio, 2017

Bilanci di fine anno 2016 ... Gli articoli

  1. "Distretto ceramico, diminuito il ricorso alla cassa integrazione"
  2. Una linea di abbigliamento per Alice Sabatini
  3. "Il crimine c'è, ma la Tuscia sa reagire"
  4. Da Steven Spielberg a Jude Law, Viterbo città del cinema
  5. "Una provincia in crescita e con grandi potenzialità"
  6. "Nel centrodestra basta voler essere i primi dei perdenti"
  7. Tre viterbesi (e mezzo) in serie A
  8. "Quell'abbraccio col papa che non dimenticherò…"
  9. "Il Pd non è un bus da prendere per arrivare in parlamento"
  10. "Corto circuito nella sanità mai superato"
  11. "Pecorino romano e quote latte, dodici mesi di risultati"
  12. "Le province esistono e a Tarquinia vinceremo al primo turno"
  13. "Fuori dal piano di rientro della sanità e tempi di pagamento accorciati"
  14. "Unitus, un ateneo sempre più internazionale"
  15. "Moscherini candidato a Tarquinia? Io aspetterei"
  16. "Pd contro i capibastone? Da che pulpito..."
  17. La cavalcata verso la D e adesso quella per la lega Pro
  18. "Criminalità organizzata dedita al riciclaggio nella Tuscia"
  19. "Per il parlamento? Ci vedrei bene una donna"
  20. "Rigenerazione urbana, efficientamento e sicurezza"
  21. A maggio il nono posto, ora la caccia all'ennesima salvezza
  22. "Crolla il numero dei reati grazie alla prevenzione"
  23. E' stato un 2016 col botto
  24. "La politica non vuole bene alla città"
  25. Ad aprile la seconda salvezza e poi rotta verso la terza
  26. "La Tuscia deve guardare oltre i suoi confini"
  27. "Più circolazione di denaro e microcredito per le nostre aziende"
  28. "Trasversale, polo termale e sanità all'avanguardia"
  29. "Una crisi economica, psicologica e fisica"
  30. La Viterbese e una panchina per tre...
  31. "Il secondo mandato dipende da come va il 2017"
  32. Viterbese, Samuele Neglia è il giocatore dell'anno
  33. Un 2016 da incorniciare per la Viterbese
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR