Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Bilanci di fine anno 2016 - Politica - Lazio - Intervista alla consigliera regionale Silvia Blasi (M5s)

“Corto circuito nella sanità mai superato”

di Paola Pierdomenico
Condividi la notizia:

Silvia Blasi

Silvia Blasi

Viterbo – “Corto circuito nella sanità mai superato”. E’ proprio la sanità per Silvia Blasi (M5s) la criticità più evidente dell’amministrazione Zingaretti. La consigliera regionale non risparmia critiche per un settore che non funziona e che, per lei, non è l’unico.

Attacca anche sui trasporti e l’arsenico, un problema che non sembra trovare fine.

Un bilancio del 2016?
“Sui temi principali – dice Blasi – a partire dalla sanità, quello che riscontrano tutti, e in particolare i cittadini, è che non ci sono stati miglioramenti. Continuamente in consiglio riceviamo lamentele per una sanità che non funziona.

Il tasso di migrazione nella Tuscia verso altre regioni non è solo tra i più alti del Lazio, ma addirittura d’Italia. Gli ospedali chiudono perché l’offerta sanitaria sta diminuendo per i tagli ai reparti e ai posti letto, pur rimanendo il costo dei posti letto ancora tra i più elevati. Un corto circuito nella sanità che non è affatto superato e che rimane una delle principali criticità di questa amministrazione Pd”.

Sui trasporti?
“La Regione ha messo in campo un importante investimento di risorse pubbliche ma, in realtà, di risultati non se ne vedono. Anzi, i treni continuano a essere affollati con continui disagi per i pendolari, ritardi sulla Roma-Viterbo e lo stesso vale per il trasporto su gomma con disservizi, corse saltate e bus che non funzionano, che si rompono e che non rispettano i requisiti di sicurezza”.

L’amministrazione dice di aver salvato una società in fallimento…
“Cotral, ancora oggi, è sull’orlo del dissesto finanziario ed è certificato dalle rilevazioni fatte dal collegio di revisori dei conti al bilancio della società. E’ difficile dire quindi che sia in attivo. Tante le criticità e i dispendi. Ultimamente, infatti, sono usciti dei bandi di gara per milioni di euro sulla piccola manutenzione, che potrebbe essere fatta dagli autisti, e che, invece, viene affidata all’esterno. Poi gli 80mila euro per ridisegnare il nuovo logo del Cotral e l’ufficio legislativo smantellato per dare consulenze esterne.

Una società che è lontana dal risanamento, ma che mira a tenere posizioni dirigenziali a discapito spesso di autisti che sono costretti a viaggiare al limite della sicurezza, effettuando corse in tempi molto serrati e stretti per rispettare le esigenze aziendali”.

Per la Tuscia cosa è stato fatto?
“Molto c’è da fare. Sanità e trasporti sono critici anche nel nostro territorio. Poi c’è l’emergenza arsenico, che ancora non è stata risolta, a fronte di enormi investimenti fatti dall’amministrazione pubblica. 37 milioni di euro spesi per gli impianti di dearsenificazione e ancora oggi abbiamo cittadini e comuni che non ricevono acqua potabile ma che, però, pagano bollette e tariffe per intero.

La Regione ha rifinanziato Telete per trasferire la gestione dei dersenificatori, ma l’acqua ancora non si può bere. Poi le criticità del lago di Bolsena e di Vico sulla qualità delle acque. E, impossibile da dimenticare, il tema dell’acqua pubblica dove la maggior parte dei sindaci del Viterbese di area Pd ignorano completamente l’esito del referendum del 2011 e siamo ancora alle prese con Talete, un carrozzone creato anni fa che non funziona”.

Quali battaglie porterà avanti nel 2017?
“Continuerò ad ascoltare le criticità che vengono dal territorio, i cittadini, le associazioni e i comitati. Acqua pubblica, gestione virtuosa del ciclo dei rifiuti, lotta contro le centrali a biogas, compostaggio aerobico, trasporti efficienti e una sanità che funzioni. Si fa tanta propaganda elettorale, ed effettivamente in Regione già ci stiamo col bilancio fatto che lo dimostra. Si porta avanti più questo aspetto senza invece dare risposte alle gente”.

Paola Pierdomenico


Condividi la notizia:
5 gennaio, 2017

Bilanci di fine anno 2016 ... Gli articoli

  1. "Distretto ceramico, diminuito il ricorso alla cassa integrazione"
  2. Una linea di abbigliamento per Alice Sabatini
  3. "Il crimine c'è, ma la Tuscia sa reagire"
  4. Da Steven Spielberg a Jude Law, Viterbo città del cinema
  5. "Una provincia in crescita e con grandi potenzialità"
  6. "Nel centrodestra basta voler essere i primi dei perdenti"
  7. Tre viterbesi (e mezzo) in serie A
  8. "Cobalb, aggiudicato l'appalto e lavori in meno di 30 giorni"
  9. "Quell'abbraccio col papa che non dimenticherò…"
  10. "Il Pd non è un bus da prendere per arrivare in parlamento"
  11. "Pecorino romano e quote latte, dodici mesi di risultati"
  12. "Le province esistono e a Tarquinia vinceremo al primo turno"
  13. "Fuori dal piano di rientro della sanità e tempi di pagamento accorciati"
  14. "Unitus, un ateneo sempre più internazionale"
  15. "Moscherini candidato a Tarquinia? Io aspetterei"
  16. "Pd contro i capibastone? Da che pulpito..."
  17. La cavalcata verso la D e adesso quella per la lega Pro
  18. "Criminalità organizzata dedita al riciclaggio nella Tuscia"
  19. "Per il parlamento? Ci vedrei bene una donna"
  20. "Rigenerazione urbana, efficientamento e sicurezza"
  21. A maggio il nono posto, ora la caccia all'ennesima salvezza
  22. "Crolla il numero dei reati grazie alla prevenzione"
  23. E' stato un 2016 col botto
  24. "La politica non vuole bene alla città"
  25. Ad aprile la seconda salvezza e poi rotta verso la terza
  26. "La Tuscia deve guardare oltre i suoi confini"
  27. "Più circolazione di denaro e microcredito per le nostre aziende"
  28. "Trasversale, polo termale e sanità all'avanguardia"
  29. "Una crisi economica, psicologica e fisica"
  30. La Viterbese e una panchina per tre...
  31. "Il secondo mandato dipende da come va il 2017"
  32. Viterbese, Samuele Neglia è il giocatore dell'anno
  33. Un 2016 da incorniciare per la Viterbese
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR