--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Ambiente - Bengasi Battisti scrive una lettera aperta agli abitanti di Corchiano

“Abbiamo il dovere di custodire l’acqua, l’aria e la terra”

Bengasi Battisti, sindaco di Corchiano e presidente Comuni vistuosi

Bengasi Battisti, sindaco di Corchiano e presidente Comuni virtuosi

Corchiano – Riceviamo e pubblichiamo – A Corchiano, nonostante le elezioni siano trascorse da sei mesi, le conflittualità prevalgono ancora sulle idee di città.

E così, come accade in tante altre realtà, si perdono di vista le priorità della comunità e si lascia spazio agli egoismi e agli interessi particolari.

Il rischio è che in questo clima possano trovare spazio quelle culture che non hanno a cuore il bene comune e che solo una comunità coesa può arginare.

Per questo ho ritenuto opportuno scrivere una lettera aperta agli abitanti di Corchiano perché il futuro è soprattutto nelle loro mani, il futuro è nelle mani delle comunità.

Bengasi Battisti


Lettera aperta agli abitanti del mio paese
 
Come abitanti e membri di una comunità abbiamo il dovere di conservare e custodire i beni comuni.

L’acqua, l’aria e la terra sono indispensabili per la vita di ogni essere vivente e coloro che ne minacciano l’integrità sono nemici del futuro e predatori di speranze. 

Ho tenuto sempre ben presenti questi principi e ho misurato la correttezza dell’attività amministrativa  e professionale guardando costantemente agli effetti su quegli elementi della natura dai quali dipende la nostra salute. 

Ho contrastato quelle attività che inquinano, avvelenano e sottraggono salute, bellezze e paesaggio. 
Non ho mai tradito il fondamentale diritto all’integrità dei beni comuni perché, so bene, che da essi dipende la salute degli esseri viventi. 

È stato assolutamente naturale essere dalla parte dei tanti cittadini che costruiscono quotidiane buone prassi e oppormi con fermezza a quelle pratiche che illegalmente compromettevano il bene comune. 

La mia professione di medico ha fortemente sostenuto questa certezza: in ogni polmone auscultato, in ogni fegato palpato, in ogni viscere scrutato mi è stato facile comprendere la grande importanza dell’aria e dell’acqua di cui gli organi del nostro corpo si nutrono. 

Ogni egoistico e illegale delitto ai nostri beni l’ho vissuto come un attentato a quelle indispensabili funzioni vitali per ogni essere vivente.
Con la coraggiosa collaborazione di onesti funzionari e amministratori abbiamo, pertanto, affermato legalità impedendo la triturazione di migliaia di metri cubi di rocce da scavo e materiali di risulta, la cui emissione di polveri avrebbe inquinato l’ambiente , della nostra zona commerciale e artigianale , in cui vivono tante famiglie con i loro bambini. 

Abbiamo fermato la coltivazione di cave abusive che avevano perfino esposto le falde acquifere profonde, compromettendo la qualità di importanti fonti di approvvigionamento idrico. 

Abbiamo contribuito a arrestare l’uso di ex cave come discariche mascherate da recuperi, impedendo quel facile arricchimento di pochi che avrebbe irrimediabilmente compromesso il territorio e le produzioni agricole di qualità. 

I sentieri delle forre sono stati sottratti alla prepotenza di pochi e restituiti alla comunità per l’utilizzo di tutti. 
Abbiamo interrotto lo sversamento delle terre del ciclo produttivo dell’Ilva di Taranto che giungevano indisturbate nei territori dei comuni a noi vicini.

Abbiamo edificato un presidio di legalità e sostenuto pratiche agricole di qualità che hanno dato più valore ai nostri prodotti e maggiore speranze ai giovani.

Oggi, di fronte al chiaro tentativo di demolire questo argine agli interessi illegittimi, mi è tornato in mente un antico detto indiano, che invitava i giovani a volare alto fino a sfidare le aquile e, nello stesso tempo, essere puntualmente e efficacemente presenti quando il fiume in piena avrebbe demolito “il ponte del tuo villaggio”.

Le vostre molteplici affermazioni di stima e la diffusa solidarietà mi danno e ci danno tanto coraggio e alimentano un rinnovato e più energico impegno. 

Non mi arrenderò, non ci arrenderemo e continueremo a essere pezzi di quella resistente barriera di consapevolezza e protagonismo che ha reso la nostra città impenetrabile a quelle pratiche che compromettono il futuro dei nostri figli.

Dobbiamo restituire integre la Terra che calpestiamo, l’aria che respiriamo e l’acqua che beviamo. Insieme possiamo ancora farcela, non ci arrendiamo. 

Il nostro viaggio continua e molte saranno le belle storie che potremo ancora raccontare. 
 
Bengasi Battisti

11 gennaio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564