Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Omicidio e soppressione di cadavere - Le motivazioni del gup che ha condannato a 10 anni la 27enne che ha abbandonato la sua bimba nata al settimo mese - Falsa partenza del processo in corte d'assise per l'infermiere complice

“Ha gettato il feto nel cassonetto senza ripensamenti”

Condividi la notizia:

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

L'aula della Corte d'Assise di Viterbo

L’aula della Corte d’Assise di Viterbo

Viterbo – (r.s.) – “Ha strappato con le proprie mani il cordone ombelicale. Ha avvolto il feto in un asciugamano, l’ha chiuso in una busta per poi buttarlo in un cassonetto”. E’ tornata a casa e “ha ripulito l’appartamento”. Poi “è andata in ospedale”. Il gup Savina Poli ricostruisce i drammatici momenti del 2 maggio 2013. Lo fa nelle trentasei pagine in cui spiega perché ha condannato a dieci anni di reclusione Elisaveta Alina Ambrus, la 27enne che poco più di tre anni fa ha gettato sua figlia, fatta nascere prematuramente, in un cassonetto in via Solieri, al quartiere Carmine.

Per il giudice del tribunale di Viterbo, Ambrus con “consapevolezza e volontà ha omesso i comportamenti necessari a far sopravvivere la neonata”, nata al settimo mese. Da qui la condanna, in primo grado, per omicidio volontario. “E’ evidente – è scritto nelle motivazioni arrivate in cancelleria il 28 dicembre scorso – che se Ambrus non avesse assunto il Cytotec (farmaco utilizzato per indurre le contrazioni prima del tempo e far nascere la bambina, ndr) in ambiente non protetto, il feto, sano e privo di malformazioni, non sarebbe nato di sette mesi e di conseguenza non sarebbe morto per la sua immaturità”. Dopo aver assunto il farmaco e inducendo il travaglio, la 27enne “è rimasta in casa non recandosi in ospedale per consentire che il parto indotto avvenisse in un ambiente che potesse garantire la sopravvivenza del feto”, continua il gup.

Ambrus, “ha accettato il rischio che il feto potesse nascere vivo e morire. L’evento, previsto e accettato – sottolinea il giudice – si è poi verificato, senza che nella donna ci sia mai stato un mutamento dell’animus. Dopo la nascita del feto, infatti, ha strappato con le proprie mani il cordone ombelicale, ha avvolto il feto in un asciugamano, l’ha chiuso in una busta per poi buttarlo in un cassonetto”. E’ tornata a casa e “ha ripulito l’appartamento”. Poi “è andata in ospedale per fermare l’emorragia”. La condanna è anche per soppressione di cadavere.

Ambrus, conclude il giudice, “ha portato a termine il proprio disegno di disfarsi illegalmente della bambina, senza mai avere alcun ripensamento”.

La 27enne era accusata di aver abbandonato la sua bimba in un cassonetto, con la complicità di Graziano Rappuoli, infermiere viterbese di 56 anni. Per lui, questa mattina, sarebbe dovuto iniziare il processo davanti alla corte d’assise del tribunale di Viterbo. Falsa partenza, rinviata a febbraio. Per l’infermiere le accuse sono pesantissime: omicidio volontario, occultamento di cadavere ed esercizio abusivo della professione. Secondo il pm Franco Pacifici, sarebbe stato Rappuoli a procurare alla giovane madre l’ossitocina con una ricetta falsa. Il farmaco sarebbe servito per provocare le contrazioni e far nascere prematuramente la bimba.


Condividi la notizia:
20 gennaio, 2017

Feto nel cassonetto ... Gli articoli

  1. L'accusa: "Bimba nata viva" - La difesa: "Potrebbe avere sbattuto sul water"
  2. Riprende dopo un lungo stop il processo all'infermiere accusato di omicidio volontario
  3. Feto nel cassonetto, tre superesperti per chiarire gli effetti del farmaco abortivo
  4. Estradizione in Italia o interrogatorio in videoconferenza dal carcere di Londra per la Ambrus
  5. Feto nel cassonetto, la madre è stata rintracciata in un carcere di Londra
  6. Ennesimo stop del processo all'infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba
  7. Arrestata sei mesi fa a Londra dall'Interpol, è nuovamente sparita la Ambrus
  8. I professori Mauro Bacci e Massimo Lancia: "Non fu un parto precipitoso"
  9. "Non ci sono prove che l'infermiere sapesse che la Ambrus era incinta"
  10. Feto nel cassonetto, Londra decide sull'estradizione della madre
  11. Feto nel cassonetto, madre rintracciata dall'interpol a Londra
  12. Ha gettato la figlia nel cassonetto, diserta l'aula per l'ennesima volta
  13. "Ho fatto una grande cavolata, mi sono sentita persa"
  14. Feticidio, pena dimezzata e revocato il carcere alla madre
  15. Non fu omicidio ma feticidio, pena dimezzata in appello
  16. Madre condannata a 10 anni per omicidio, processo d'appello al via
  17. "Dammi mille euro per andarmene, è meglio per te e per me"
  18. Feto nel cassonetto, parla infermiere del pronto soccorso
  19. "Quando ho aperto la busta speravo che la bimba fosse ancora viva"
  20. L'infermiere ammette di aver scritto la ricetta falsa per la pillola abortiva
  21. Processo all'infermiere, sfilano i primi testi dell'accusa
  22. Bimba nel cassonetto, al via il processo all'infermiere
  23. "Non fu omicidio ma parto precipitoso"
  24. Feto nel cassonetto, si va in appello
  25. "Feto nel cassonetto, faremo appello"
  26. Feto nel cassonetto, mamma condannata a 10 anni
  27. Feto nel cassonetto, venerdì la discussione
  28. Feto nel cassonetto, i periti: "Parto precipitoso"
  29. Neonata uccisa e gettata tra i rifiuti, parola ai periti
  30. Neonata nel cassonetto, affidata la perizia a tre specialisti
  31. Feto nel cassonetto, niente carcere per la giovane madre
  32. Feto tra i rifiuti, difesa contro il carcere per la madre
  33. Feto tra i rifiuti, rito abbreviato per la madre
  34. "Totale assenza di valore per la vita umana"
  35. Feto tra i rifiuti, carcere per la madre
  36. Feto tra i rifiuti, è scontro sul mandato di arresto europeo
  37. Feto nel cassonetto, l'infermiere torna libero
  38. Feto nel cassonetto, a gennaio l'udienza preliminare
  39. Feto nel cassonetto, arrestato l'infermiere
  40. Feto tra i rifiuti, l'avvocato: "La madre voleva venire in aula"
  41. Stop alle indagini sul feto gettato tra i rifiuti
  42. Feto tra i rifiuti, è scontro sulla proroga delle indagini
  43. Feto nel cassonetto, il Riesame dà ragione alla procura
  44. Feto nel cassonetto, il Riesame si riserva
  45. Feto nel cassonetto, libera la ragazza madre
  46. Feto nel cassonetto, la procura la spunta in Cassazione
  47. Feto nel cassonetto, la Cassazione prende tempo
  48. Feto nel cassonetto, oggi l'udienza in Cassazione
  49. Feto abbandonato nel cassonetto, fissata l'udienza
  50. Feto nel cassonetto, la madre resta in carcere
  51. Feto nel cassonetto, sarà ricorso in Cassazione
  52. Feto nel cassonetto, respinto l'appello della Procura
  53. Feto nel cassonetto, il Riesame prende tempo
  54. Feto nel cassonetto, fissata l'udienza
  55. Madre arrestata, la procura insiste sull'omicidio
  56. Feto nel cassonetto, la madre non risponde
  57. Madre arrestata, la procura pronta a impugnare
  58. Feto nel cassonetto, arrestata la madre
  59. Feto nel cassonetto, si indaga per omicidio
  60. Feto nel cassonetto, la madre scossa e provata
  61. Feto nel cassonetto, Mancini (Pd): Siamo tutti colpevoli
  62. Feto nel cassonetto, c'è un video
  63. "Subito uno sportello di ascolto per le donne"
  64. "La vita umana è sacra e inviolabile"
  65. Feto nel cassonetto, la ragazza rischia l'accusa di infanticidio
  66. "Il gesto disperato di una mamma"
  67. Feto nel cassonetto, si sospetta l'esistenza di un complice
  68. Trovato feto morto in un secchione dell'immondizia, identificata la madre

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR