- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

“Tra Attilio e Monique un fitto scambio di telefonate…”

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Attilio Manca con la madre Angela [3]

Attilio Manca con la madre Angela

Gioacchino Manca [4]

Gioacchino Manca

Viterbo – Non si è presentato in aula neanche ieri mattina il padre di Attilio Manca, l’urologo di Barcellona Pozzo di Gotto trovato morto nella sua casa alla Grotticella l’11 febbraio 2004. Ucciso a soli 35 anni, secondo la procura, da un mix di farmaci e droga. Il procuratore capo Paolo Auriemma, nelle vesti di pm, aveva chiesto al giudice Silvia Mattei di fissare per ieri un’udienza straordinaria proprio per sentire Gino Manca, il papà del medico, che la volta scorsa non era venuto a Viterbo dalla Sicilia.

I familiari di Attilio sono da sempre convinti che il figlio non sia morto di overdose, ma ucciso dalla mafia per aver operato il boss Bernardo Provenzano. Ma Gino Manca, anziano e malato, non se la deve essere sentita neanche stavolta, rinunciando anche alla seconda convocazione in aula al processo contro la presunta pusher che avrebbe ceduto l’eroina fatale al figlio. La madre Angela, sentita tra i primi testimoni, uscì dal tribunale scoraggiata: “Non mi hanno neanche fatto parlare”. In pochi minuti aveva detto con tutte le sue forze che “Attilio non faceva uso di sostanze stupefacenti”.

Sul banco degli imputati, dal 3 ottobre 2014, quando il processo è iniziato, la cinquantenne romana Monica Mileti, che gli avrebbe ceduto la dose fatale di eroina. Monique per Attilio.

Assente Gino Manca, ieri il procuratore ha sentito l’ispettore Maurizio Galati, che ha acquisito i tabulati delle telefonate dell’urologo. L’investigatore ha confermato come fossero frequenti le telefonate tra Manca e Mileti: “Un fitto scambio. Anche su un’utenza non a lei direttamente riconducibile, ma per la quale era lei a effettuare sistematicamente le ricariche”. 

Si torna in aula a febbraio. Per quella data, a 13 anni dalla morte e a due anni mezzo dall’inizio del processo per Monica Mileti, è prevista la discussione.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [5]
  • [1]
  • [2]