Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Orte - Donna condannata a 4 mesi di reclusione per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale: voleva raggiungere la Capitale senza pagare il biglietto

Capotreno riempito di sputi e graffi in faccia

Condividi la notizia:

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Orte – Voleva raggiungere la Capitale in treno, senza però pagare il biglietto. Ma quando il capotreno si è opposto l’ha riempito di sputi e graffi in faccia. E’ successo alla stazione di Orte, e per quest’episodio una donna è stata condannata a quattro mesi di reclusione.

L’imputata era finita a processo con l’accusa di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Nel procedimento penale si era costituito parte civile lo stesso capotreno a cui ora spettano 500 euro di risarcimento danni, come stabilito dal tribunale di Viterbo.

Prima della sentenza, il giudice Silvia Mattei ha ascoltato l’agente della Polfer intervenuto. “Dopo l’aggressione – dice in aula il poliziotto – la donna si era chiusa nel bagno del treno fermo alla stazione di Orte. Non è uscita per un bel po’ di tempo, finché non è scappata. L’abbiamo rintracciata dopo un’ora, mentre tentava di prendere un altro treno per Roma”.

Per l’imputata il pubblico ministero aveva chiesto sei mesi di reclusione. Il giudice l’ha condannata a quattro mesi e quindici giorni, oltre al risarcimento dei danni nei confronti della parte civile quantificati in 500 euro.


Condividi la notizia:
16 febbraio, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR