--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - A giudizio Manlio Cerroni proprietario della discarica di Malagrotta - Legambiente parte civile

Disastro ambientale, partito il processo al re dei rifiuti

Condividi la notizia:

Manlio Cerroni

Manlio Cerroni

Roma – Riceviamo e pubblichiamo – Partito il processo a Manlio Cerroni per disastro ambientale. Legambiente parte civile.

“Mai più Malagrotta e mai più discariche. Siamo costituiti parte civile in nome del popolo inquinato, chi ha inquinato paghi secondo la legge sugli ecoreati”. Si è celebrata ieri, nell’aula bunker di Rebibbia, davanti la terza sezione della corte di assise di Roma, la prima udienza del processo per disastro ambientale e avvelenamento delle acque che vede tra gli imputati Manlio Cerroni, ex signore dei rifiuti di Roma e proprietario della discarica di Malagrotta. Legambiente costituita in giudizio come parte civile.

“Ci siamo costituiti parte civile in nome del popolo inquinato – dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio – perchè per interi decenni il nostro territorio è stato avvelenato dalla malagestione dei rifiuti, con una dittatura delle discariche che ha di fatto impedito l’avvio di una sana raccolta differenziata, lasciando Malagrotta e l’intera valle Galeria devastata superficialmente e nelle falde acquifere sotterranee causato dallo spregiudicato e distruttivo conferimento dei rifiuti tal quale di Roma. Mai più discariche, e perché avvenga la Capitale deve rapidamente abbandonare la raccolta con cassonetti stradali, passare tutta al porta a porta, avviare le logiche della riduzione e del riuso, dotarsi degli impianti necessari a trasformare ogni frazione”.

Nel dibattimento, la corte, tra l’altro, ha rigettato questioni preliminari su presunta nullità delle notificazioni di citazione in giudizio per gli imputati, ha autorizzato la richiesta di riproduzione audiovisiva del processo e ha ammesso le prove richieste dalle parti. Il processo è stato rinviato al 30 marzo per l’audizione di quattro testi.

“Chi inquina deve pagare e oggi questo può e deve avvenire, – dichiara Stefano Ciafani, direttore nazionale di Legambiente – grazie soprattutto all’inserimento nel codice penale dei reati ambientali, dopo una battaglia ventennale che ha visto la nostra associazione in prima linea. Siamo parte civile perchè giustizia sia fatta per il disastro ambientale perpetratosi a Malagrotta negli ultimi decenni. Oggi non dobbiamo aver più bisogno di discariche e il ciclo dei rifiuti nel paese si deve trasformare secondo la logica dell’economia circolare, fondata su prevenzione, riuso e riciclo in impianti di riciclo da costruire, soprattutto nel centro sud, dove tutte le frazioni diventano una risorsa, ma intanto chi ha inquinato paghi, anche in termini di bonifica della valle Galeria, cosa peraltro già pagata dai cittadini con la tariffa rifiuti”.

Legambiente


Condividi la notizia:
9 febbraio, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR