--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - La ministra alla Salute Lorenzin interviene sulla vicenda furbetti della Asl

“Nella sanità chi ruba lo becchiamo, manderemo gli ispettori”

di Giuseppe Ferlicca
Condividi la notizia:

Beatrice Lorenzin

Beatrice Lorenzin

Beatrice Lorenzi, Giuseppe Fioroni e Mario Brutti

Beatrice Lorenzi, Giuseppe Fioroni e Mario Brutti

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Beatrice Lorenzin

Beatrice Lorenzin

Giuseppe Fioroni

Giuseppe Fioroni

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

 
Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo - Ciambella, Donetti, Michelini

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo – Ciambella, Donetti, Michelini

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Il ministro Beatrice Lorenzin a Viterbo

Viterbo – “Nella sanità oggi chi ruba lo becchiamo, è solo una questione di tempo”. Arriva a Viterbo la ministra alla Salute Beatrice Lorenzin. All’ex mattatoio si parla di modello umano della sanità. Affollata lezione del Centro studi Aldo Moro, ma è inevitabile un riferimento alle ultime vicende che hanno scosso la sanità locale. I furbetti del cartellino a Belcolle.

“Non è nostra competenza – spiega Lorenzin – come ministro ho subito chiesto di capire cosa stava accadendo. Ovviamente noi manderemo gli ispettori, quando ci sono fatti così grandi. È in corso un lavoro della procura che poi accerterà i fatti.

Ma nella nostra mission dobbiamo vigilare tutti perché fenomeni così non accadano.

Se i fatti che abbiamo letto sono veri, sono molto, molto gravi. Occorre che tutti comprendano come non ci sono più margini perché certi episodi accadano. Avvengono sistematicamente in varie parti d’Italia. Non è un caso isolato, purtroppo ce ne sono stati molti altri in Italia. Ce ne saranno ancora, finché non si finirà”.

Accanto alla ministra, Giuseppe Fioroni, introduce l’ospite e inevitabilmente anche lui affronta il tema del giorno. “È un momento particolare – spiega Fioroni – a Viterbo la gente è scioccata da quello che sta leggendo. Sarà la procura a fare chiarezza, ma quando un intero sistema che opera in un reparto è associato non al bene, è un trauma”.

In prima fila, tra gli altri, il direttore generale Donatella Donetti. La ministra Lorenzin ne approfitta per avere lumi sull’eterno cantiere: “L’ospedale di Belcolle – osserva la ministra – si va avanti con i lavori, per finire nel 2018. Ce la faremo”. Donetti fa gli scongiuri. “Ma lei è donna, vedrà che riesce”.

La sua lezione attinge molto dal lavoro portato avanti dal governo a partire dal 2013. “Le assunzioni – continua la ministra – in passato avvenivano non su fabbisogni, ma senza cognizione. Noi ci siamo impegnati sui fabbisogni, regione per regione. Poi abbiamo sbloccato i concorsi, mettendoci i soldi.

Solo da una cosa banale, come la centrale unica d’acquisti, nei primi sei mesi del 2016 abbiamo risparmiato 700 milioni”.

Concorda con Fioroni, che poco prima aveva ribadito come la politica debba allontanarsi dalla sanità. Fare un passo indietro. “Anche perché – osserva Lorenzin – se il primario è raccomandato ma non bravo, poi le elezioni si perdono. Tutti perdono, eccetto dove la sanità funziona bene. Quindi se non lo volete fare per il sistema sanitario, fatelo per i voti”.

In linea col parlamentare viterbese. “Se mi capita di stare male – spiega Fioroni – vorrei che a curarmi ci sia un medico nominato dal direttore perché è bravo, non perché mio compagno di partito. Sarei molto meno tranquillo in quest’ultimo caso”.

Ma Fioroni sa che l’argomento è scivoloso. “Quando parlo di sanità – continua Fioroni – chissà perché qualcuno pensa sempre che io me la voglia prendere con Donetti o con la regione.

Zingaretti, poi, lo si può accusare di tanto, ma non di non averci provato con la sanità”.

Sul tema della lezione, invece: “Umanizzare la sanità – dice la ministra Lorenzin – non è per niente scontato. Il concetto è stato inserito soltanto di recente nel patto di salute”.

Giuseppe Ferlicca

 


Condividi la notizia:
6 febbraio, 2017

Furbetti della Asl ... Gli articoli

  1. Furbetti del cartellino, in undici davanti al gup
  2. Furbetti del cartellino, la caposala chiede di patteggiare
  3. Bocciato il ricorso della dirigente Riscaldati contro il licenziamento in tronco
  4. "La dottoressa Guitarrini è una libera professionista"
  5. Furbetti del cartellino, licenziate due dottoresse
  6. Furbetti del cartellino, l'Asl cerca sostituti
  7. Furbetti del cartellino, licenziata infermiera
  8. Riscaldati licenziata in tronco
  9. Furbetti della Asl, ispettori a Belcolle
  10. Sospensione prorogata, ma il primario continua a prendere lo stipendio
  11. "Riscaldati turba la serenità di colleghi e pazienti"
  12. I furbetti della Asl traditi da un'intercettazione dell'inchiesta Inps
  13. Andavano ovunque tranne che al lavoro...
  14. "I medici rischiano anche la radiazione"
  15. "Furbetti della Asl, provvedimenti anche dall'ordine dei medici"
  16. "Trasfusioni, Riscaldati aveva l'obbligo di controllare"
  17. "Nella Asl di Viterbo radicato e diffuso malcostume"
  18. E c'è pure il danno d'immagine...
  19. "Il primario sospeso continua a prendere lo stipendio pieno"
  20. Nuovo primario per il centro trasfusionale
  21. "Solo qualche ora, non abbiamo ammazzato nessuno"
  22. La Asl ha sospeso il primario di medicina trasfusionale
  23. "Riscaldati non ha mai percepito quei 270mila euro"
  24. "L'infermiera Gemini ha ostacolato le indagini"
  25. "Inchiesta solida e fondata"
  26. Stipendi gonfiati per centinaia di migliaia di euro...
  27. Indagata la dirigente di medicina trasfusionale
  28. "Stiamo facendo le trasfusioni", invece erano in ferie...
  29. "Un evento di gravità assoluta nel nostro territorio"
  30. "Ennesimo caso di malcostume e frode"
  31. Furbetti della Asl, aperta una commissione d'inchiesta
  32. "Siamo arrabbiati e pronti a costituirci parte civile"
  33. "Ora provvedimenti per chi danneggia pazienti e lavoratori onesti"
  34. Facevano spesa e assistevano a recite durante l'orario di lavoro
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR