--
Caffeina-Stagione-Teatrale-580x60
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Processo Cev - Lo ha confermato in aula il superteste dell'accusa Giovanni Rubini, consulente tecnico di Palazzo dei Priori per le partecipate

“No all’affidamento di lavori ai soci privati senza gara”

I pm Paola Conti e Franco Pacifici

I pm Paola Conti e Franco Pacifici

Viterbo – “Non dovevano essere affidati servizi ai soci privati senza gara”, ha ribadito a distanza di quattro anni dalla prima volta il superteste dell’accusa parlando della gestione del Cev finita nel mirino della procura. Si parla degli anni tra il 2004 e il 2008. In tribunale è tornato di scena quel che resta del maxiprocesso Cev, partito con 37 imputati e ridotto a un processo per soli 7 imputati dopo l’ultima ondata di prescrizioni.

Udienza (quasi) piatta quella di ieri, durante la quale sono stati riascoltati sette testimoni, che si sono limitati a confermare quanto dichiarato in passato. Qualche sussulto quando è stato sentito l’ex dg del Comune di Pesaro, Giovanni Rubini, considerato un teste chiave dall’accusa in quanto consulente tecnico di Palazzo dei Priori nella riorganizzazione dei servizi pubblici attraverso le società partecipate. La prima volta fu sentito nel marzo 2013.

Un teste pesante. “L’obiettivo della società partecipata era ottenere un vantaggio economico e una gestione più efficiente dei servizi”, ha spiegato.  Ha confermato che erano ammesse società miste anche con soci operativi. Poi però ha ribadito: “Erano soci portatori di know how, per dare un contributo tecnico alla società. La parte privata nelle società miste non è per l’esecuzione di lavori affidati direttamente. Per gli affidamenti , i soci privati dovevano partecipare a gare ad evidenza pubblica come tutti gli altri”. Al centro gli appalti pubblici affidati senza gara agli imprenditori in società col Cev. Secondo i pm Conti e Pacifici un escamotage per favorire le ditte amiche, annullando la concorrenza. Al manager spetta un piccolo record. Quando fu convocato la prima volta, nel 2013, preferì l’insediamento del nuovo pontefice al processo e il collegio lo multò.

La novità è la bocciatura da parte del collegio della richiesta dei pm Paola Conti e Franco Pacifici. I pm, approfittando dell’azzeramento del processo e della riammissione delle prove, hanno chiesto di integrare le proprie liste testimoniali con gli ex coimputati dei sette rimasti a giudizio. Una mossa strategica dopo il passaggio in giudicato delle rispettive prescrizioni, per poterli sentire in aula, come testi assistiti, ma senza potersi avvalere della facoltà di non rispondere. Obiettivo, dimostrare che ci fu l’associazione per delinquere. Il collegio, per motivi squisitamente tecnici, ha però rigettato la richiesta, contro la quale si erano opposte strenuamente le difese. Ma per l’accusa il bicchiere resta mezzo pieno. Il collegio, infatti, si è riservato di citare gli eventuali coimputati ex articolo 507 al termine dell’istruttoria, se lo riterrà necessario. 

Davanti al collegio presieduto dal giudice Silvia Mattei restano l’ex sindaco Giancarlo Gabbianelli, l’ex supermanager Armando Balducci, il big dell’imprenditoria Amedeo Orsolini, Attilio Moretti, Mauro Di Stefano, accusati di essere i promotori della presunta associazione per delinquere. E l’ingegnere Claudio Ciucciarelli, da ieri accusato solo di concussione ai danni dell’imprenditore Claudio Londero, dopo che è stata dichiarata estinta per prescrizione l’accusa di corruzione in concorso per la vicenda dei pannelli fotovoltaici delle scuole comunali. Londero è l’unico privato che si sia costituito parte civile. Le altre sono lo stesso Cev e il Comune di Viterbo. 

Fu proprio Londero a dire che Ciucciarelli, obbligandolo a un lavoro a perdere”, gli avrebbe fatto installare pannelli fotovoltaici sulle scuole comunali, lanciando accuse pesantissime: “Dovetti emettere alla ditta fornitrice una fattura falsa da 38.400 euro: a me lasciò l’Iva, per sé tenne 32mila euro, che si fece dare in più tranche in contanti. Quando gli diedi l’ultima parte mi disse che erano per le ferie dei politici”. 

 

22 febbraio, 2017

Cev ... Gli articoli

  1. Processo Cev, Claudio Ciucciarelli assolto con formula piena
  2. Caso della piscina comunale, è il giorno dell'unico imputato rimasto
  3. Processo Cev, rimane solo un imputato
  4. Processo Cev, Giancarlo Gabbianelli: "Accetto la prescrizione"
  5. Rotelli e Arena testimoni d'accusa contro l'ex sindaco Gabbianelli...
  6. "Cantiere per la piscina, mai visti contrasti tra Londero e Ciucciarelli"
  7. "Il presidente Moretti non si è mai interessato all'appalto"
  8. Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza
  9. Processo Cev, alla sbarra restano in sette
  10. No alla sentenza subito per Gabbianelli
  11. Processo Cev, per Gabbianelli sarà sentenza subito?
  12. Gabbianelli: "No alla prescrizione, si vada a sentenza"
  13. Processo Cev, parola ai testimoni delle difese
  14. Trenta accuse prescritte, quel che resta del Cev
  15. Processo Cev, battaglia sui testimoni
  16. Soldi "per mandare in vacanza i politici", Ciucciarelli si difende
  17. "Nessuna cena con i politici di An"
  18. Processo Cev, tocca alle difese
  19. Cev, il comune batte cassa ma gli imputati fanno ricorso
  20. Gabbianelli si difende per più di quattro ore
  21. Fatture false al Cev, prosciolti in quattro
  22. "Costretto ad andare a cena coi politici di An"
  23. "Duemila euro per mandare in vacanza i politici"
  24. Balducci non aveva precisi obblighi di controllo
  25. "Una sentenza che mi ha restituito il sorriso"
  26. Cev, assolto Armando Balducci
  27. "C'abbiamo in azione il macchinario che fa i coriandoli..."
  28. "Trasferiti perché davamo fastidio"
  29. Crack Cev, parlano i dirigenti comunali
  30. Un buco tra i due e i tre milioni di euro sulle spalle del Comune
  31. "Lavoravamo per la città"
  32. C'era una volta il crack Cev...
  33. Processo Cev, via all'ascolto dei testimoni
  34. Gabbianelli: "Rinuncio alla prescrizione per tutti i reati"
  35. Fuori dal processo: Rotelli, Arena, Muroni, Fracassini, Tofani e Zucchi
  36. Scandalo Cev, centinaia di testimoni
  37. Processo Cev, slitta l'udienza
  38. Cev e Comune parti civili
  39. Muroni e Zucchi non fanno un passo indietro
  40. Scandalo Cev, parte il processo
  41. Cev, il Comune si costituirà parte civile
  42. Muroni condannato a pagare 190mila euro
  43. Dimettersi? E perché mai...
  44. "Valuteremo se costituirci parte civile"
  45. Bartoletti: Il comune si costituisca parte civile
  46. Il comune si costituisca parte civile e gli assessori si dimettano
  47. Cev, in 34 a processo
  48. Solo fango, e ingiuste e preannunciate decisioni...
  49. Cev, Gabbianelli & Co. rinviati a giudizio
  50. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  51. Cev, parlano le difese
  52. Cev, salta l'udienza
  53. Cev, si decide sul rinvio a giudizio
  54. "E' tutto regolare"
  55. Inchiesta Cev, tocca alle difese
  56. Cev, chiesto il rinvio a giudizio per Gabbianelli e gli altri indagati
  57. Cev, una notifica fa saltare l'udienza
  58. Sentenza Cev, tutti pronti a fare ricorso
  59. Gabbianelli attacca magistratura e Finanza
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR