--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Maggioranza assente e consiglio comunale saltato - Michelini replica all'opposizione e rilancia con terme e legge su trasporto Macchina di santa Rosa

“Non sono sconfitto e non mi dimetto”

di Giuseppe Ferlicca

Condividi la notizia:

Leonardo Michelini

Leonardo Michelini

Viterbo – “Non so di quale sconfitta parla l’opposizione…”. Il consiglio comunale va deserto per l’ennesima volta, il centrodestra parla di sconfitta e chiede a gran voce le dimissioni di Leonardo Michelini. Ma per il sindaco la proposta è irricevibile.

“Non so a quale sconfitta facciano riferimento – si domanda il primo cittadino – la mancanza del numero legale, semmai, è una battaglietta persa. Del resto le interrogazioni, per quanto importanti, a volte non sono argomento che richiama tanti consiglieri”.

La prova del nove con la sua maggioranza Michelini l’avrà a breve. “Non mi dimetto. I numeri – continua il sindaco – li valuteremo al momento del bilancio. Se dovessero mancare lì, è chiaro che allora ne prenderò atto e non ci sarebbe più storia”.

Nel frattempo, magari un richiamo ai suoi arriverà. “Un richiamo a un senso di responsabilità, certamente. L’ho già fatto e lo farò ancora, ma non certamente per la mancanza del numero legale.

Ci sono il bilancio e altri argomenti importanti all’ordine del giorno. Su questi dobbiamo lavorare”. Alle assenze la soluzione c’è e si chiama consigli comunali in seconda convocazione.

“Se il problema è il numero legale – anticipa Michelini – si possono convocare sedute in seconda. Uno strumento che è bene usare il meno possibile, ma se necessario, è consentito farlo. Del resto in passato in quest’aula è stato più volte utilizzato”.

La seduta è saltata, ma il primo cittadino si consola. Se la sua maggioranza l’ha deluso, ha due ragioni per consolarsi.

“La regione – sottolinea Michelini – ha approvato il piano Piscopo per le risorse termali. Adesso possiamo dare il via alle iniziative in programma, compreso il rilancio delle ex Terme Inps”.

C’è pure la legge per il trasporto della Macchina di santa Rosa, patrimonio immateriale dell’umanità.

“Sono ottocentomila euro, un riconoscimento per la Rete delle Macchine a spalla come patrimonio Unesco che consente d’avere benefici di legge. Un bel risultato per la città. Sono molto soddisfatto”.

Se la sua maggioranza fosse stata presente in consiglio comunale, sarebbe stata una giornata perfetta. Ma non si può avere tutto, evidentemente.

Giuseppe Ferlicca


Articoli: L’opposizione: “Michelini dimettiti!” – In consiglio non c’è un cane, in piazza sì


Condividi la notizia:
24 febbraio, 2017

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR