Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Riqualificazione delle periferie - In comune presentati i 12 progetti - C'è pure il sottopasso ferroviario

Una pista ciclabile da due milioni e mezzo di euro

Viterbo - L'incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo – L’incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo - L'incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo – L’incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo - L'incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo – L’incontro sulle periferie a Palazzo dei Priori

Viterbo – (g.f.) – Riqualificazione urbana delle periferie, ci sono 17 milioni per i progetti da parte del comune di Viterbo, che in graduatoria è arrivato 91esimo.

In sala del consiglio, incontro con le associazioni di categoria e imprenditori, con cui l’amministrazione intende realizzare i progetti. “La riqualificazione delle periferie – spiega l’assessora all’Urbanistica Raffaela Saraconi – riguarda in particolare il Poggino, passando per Santa Barbara. Dodici gli interventi individuati e che avranno effetto moltiplicatore”.

Si va da una pista ciclabile per due milioni e mezzo di euro che parte dalla zona Santa Barbara, e che non si limita alla pista vera e propria, ma comprende una riqualificazione di tutto quello che c’è intorno, dai parcheggi alle strade.

Poi il trasferimento di Francigena da San Biele, il collegamento tra Poggino ed ex fiera per due chilometri, un centro di ricerca applicata, cui Unitus è interessata.

Inoltre, l’ex inceneritore, centro di trasformazione del rifiuto, il trasferimento di asilo nido e materna. Quindi una piscina realizzata con la partecipazione di privati che investono e poi gestiscono la struttura, un’area parcheggi in collaborazione con Ferrovie e due milioni per il sottopassaggio ferroviario.

C’è pure il recupero di tutta l’area sportiva con relativi impianti in zona. Tranne che il campo scuola, già in fase di recupero, come ci tiene a precisare il sindaco Michelini, con fondi dell’amministrazione.

“L’obiettivo è superare la separazione a zone – osserva Saraconi – in modo che il Poggino, area d’attività produttive, sia cucito con la città, integrato con il resto del tessuto urbano”.

Al momento il Governo ha stanziato 500 milioni con cui finanziare i primi 24 comuni in graduatoria.

“La seconda tranche – osserva Saraconi – da 800 milioni coprirà fino al 74esimo posto. Ma entro l’estate sarà finanziata anche la parte che ci interessa e quindi dovremo darci da fare. Non avendo progetti definitivi, ci sarà da mettere in campo un impegno notevole.

Intendiamo partecipare al concorso insieme alle associazioni di categoria e imprenditoriali”.

Il Poggino è argomento caro al sindaco Leonardo Michelini: “Un impegno che io mi sono preso in campagna elettorale – ricorda il sindaco – non so se ce ne sarà un’altra, ma è un progetto che intendo portare avanti”.

16 febbraio, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564