--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Trovati dalla guardia di finanza in capannoni fra Torino e il milanese

350mila giocattoli pericolosi per i bambini, sequestrati

Condividi la notizia:

Guardia di Finanza - I controlli

Guardia di Finanza – I controlli

Viterbo – Oltre 350mila giocattoli pericolosi e materiale elettrico illegale sequestrati.

Questo il primo bilancio di un’operazione della Guardia di Finanza di Torino coordinata dalla Procura della Repubblica sabauda.

L’indagine è partita da un controllo in un magazzino sotterraneo nel quartiere di Porta Palazzo, gestito da un imprenditore di origine cinese, dove i finanzieri del gruppo Torino hanno sequestrato 11mila articoli contraffatti, venduti con certificazioni di conformità totalmente false e sprovvisti delle più elementari indicazioni circa la provenienza, i dati dell’importatore, la presenza di materiali o sostanze pericolose,  con evidenti rischi per la sicurezza degli ignari compratori.

Gli sviluppi delle indagini, proseguite grazie alla documentazione rinvenuta a Torino, hanno condotto i baschi verdi sino in Lombardia, dove a Monza e Agrate è stato individuato l’importatore della merce falsa.

In due maxi capannoni, sede di un grosso importatore cinese, i finanzieri hanno sequestrato centinaia di migliaia di giocattoli pericolosi, cavi elettrici, saldatori, pistole a caldo, lampade al led, insegne e altro materiale elettrico, anche di uso domestico, con false certificazioni sulla sicurezza.

Due i responsabili denunciati a piede libero per frode in commercio, violazione delle norme sulla s icurezza dei giocattoli, e contraffazione.

Oltre alle sanzioni amministrative, rischiano anche fino a quattro anni di carcere.

“Il consumatore – fa sapere la finanza – ha sempre il diritto di sapere come sta spendendo i suoi soldi, quando è in gioco la nostra salute e la sicurezza dei nostri bambini”.


Condividi la notizia:
27 marzo, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR