--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Cosenza - Ex funzionario pubblico finisce nei guai - Scoperto dalla guardia di finanza

50mila euro di disoccupazione con codici fiscali falsi

Caffeina-Tutankhamon-9-11-18-560x80-ok

Guardia di finanza

Guardia di finanza

Cosenza – Usava codici fiscali falsi per ottenere sussidi di disoccupazione, indennità di malattia e maternità. Nei guai ex funzionario pubblico.

I finanzieri del comando provinciale di Cosenza , coordinati dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, hanno smascherato una truffa ai danni dell’Inps, attraverso la creazione di falsi codici fiscali, per ottenere l’erogazione di indennità di malattia, disoccupazione e maternità.

Un ex funzionario pubblico era riuscito a ottenere false attribuzioni di codice fiscale, che hanno poi consentito la presentazione di domande di liquidazione d’indennità previste a tutela dei lavoratori .

Le fiamme gialle cosentine , dopo avere analizzato falsi documenti presentati all’Inps per il riconoscimento e l’erogazione delle indennità da parte di presunti lavoratori, hanno appurato  con certezza che i soggetti richiedenti erano anagraficamente inesistenti.

Lo sviluppo delle indagini ha consentito di scoprire che l’attribuzione dei falsi codici fiscali era opera , come spiegato dai finanziari, di un ex funzionario pubblico, che seguiva personalmente l ‘iter delle assegnazioni, mettendo in atto artifizi che sono stati comunque smascherati dai finanzieri .

Il loro tempestivo intervento ha consentito l’immediato blocco delle indebite indennità e l’avvio del recupero delle somme già erogate pari a poco meno di 50mila euro.

L’ex funzionario è stato denunciato all’autorità giudiziaria per i reati di truffa ai danni dello Stato, falso materiale commesso dal pubblico ufficiale in atti amministrativi e falso ideologico in atto pubblico e rischia una pena massima della reclusione fino a dieci anni.

27 marzo, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR