Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Progetto Horizon2020 - L'assessore Ricci: "Il comune chiede fondi diretti, è la prima volta"

Aree termali collegate tra loro e acque riutilizzate per orti urbani

Alvaro Ricci

Alvaro Ricci

Viterbo - La sorgente del Bullicame

Viterbo – La sorgente del Bullicame

Viterbo – (g.f.) – Le diverse aree termali collegate tra loro, magari anche con sistemi di trasporto alternativi, a cominciare dalle biciclette elettriche e le acque reflue, depurate e utilizzate in agricoltura, per orti urbani.

È quanto prevede il programma europeo Horizon2020, sottoscritto dalla giunta comunale, su proposta degli assessori Alvaro Ricci (Lavori pubblici) e Antonio Delli Iaconi (Termalismo).

Viterbo è inclusa nel progetto, insieme alla città di Caldes de Montbui in Spagna. Nei due centri sarà analizzato il bacino termale, valorizzandolo, attraverso la suddivisione in zone. Priorità in caso di finanziamento europeo.

Gli interventi prevedono collegamenti tra le diverse zone e il centro storico, pure con percorsi ciclo pedonali e l’uso di bici elettriche. Inoltre, sviluppando orti urbani in zone limitrofe a quelle termali, si favorirà, come riporta la delibera di giunta: “La produzione di primizie agricole con l’uso d’acque reflue termali convogliate in apposite vasche di fitodepurazione per abbassare la temperatura e deturparle. Quindi saranno impiegate a fini agricoli”.

Si tratta di un esperimento portato avanti dall’Università di Barcellona a Caldas de Monboi in Spagna e che ha ricevuto due premi europei per l’agricoltura nel 2016.

Un progetto con possibilità interessanti. “Per il riuso delle acque termali – osserva l’assessore Ricci – la realizzazione d’orti e un sistema di mobilità urbana innovativo. È la prima volta che il comune chiede fondi diretti, in collaborazione con l’università, la cooperativa Alice e la Cna”.

20 marzo, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564