Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - In arrivo il terzo modulo del master Dibaf per “Narratori di comunità” - Pronti a “far fuoco”, da venerdì 10 a domenica 12 marzo, gli uomini di Banda del racconto coi docenti dell’Unitus

Caso urbanistico di San Martino, Tarquinia e Celleno vecchio

Condividi la notizia:

Il master per Narratori di comunità a Ferento

Il master per Narratori di comunità a Ferento

Viterbo – In arrivo il terzo modulo del master Dibaf per “Narratori di comunità”.

Pronti a “far fuoco” congiunto, da venerdì 10 a domenica 12 marzo, gli uomini di Banda del racconto insieme con i docenti dell’Università degli studi della Tuscia.

Si parlerà del caso urbanistico di San Martino, del lavoro a Tarquinia a cavallo tra prima e seconda metà del secolo XX nonché del borgo “fantasma” di Celleno Vecchio. Anche stavolta il verbo “parlare” andrà inteso per difetto: a parte la consueta lezione frontale infatti, sono previste una visione “parlata” dei docufilm prodotti dalla Banda e un’uscita sul campo a San Martino in compagnia dell’attore e regista Pietro Benedetti.

Si parte venerdì pomeriggio, appuntamento alle 15, in aula blu di Agraria (al Riello), con la lezione di Ida Catalano, docente Unitus di Storia del restauro e della critica d’arte: che proporrà un’intrigante lettura dello sviluppo urbanistico di San Martino al Cimino come “riscrittura” di segno borrominiano.

A seguire, gli apprendisti narratori parteciperanno a un workshop di dibattito e approfondimento sui temi trattati. Chiuderà i lavori il consueto “Sugo co’ le rigaje”.

Sabato mattina invece, a partire dalle 9 (sempre in aula blu), proiezione di due docufilm targati Banda del racconto 2015-‘16: “Tarquinia ‘900 – Una comunità allo specchio dei racconti” e “La memoria in scena – Vite ricordi racconti di Celleno vecchio” prodotti da Banda per conto rispettivamente dell’Università agraria della cittadina maremmana e per il Comune della Teverina.

Approfondimenti su questioni, “poetiche” e metodiche dell’intervista video saranno proposti da Marco D’Aureli e Antonello Ricci.

Nel pomeriggio (a partire dalle 14.00) gli apprendisti narratori passeggeranno per strade e piazze di San Martino: a ritrovare i luoghi della lezione di Ida Catalano, ma anche – e soprattutto – per esplorare en plein air il delizioso borgo e iniziarsi al contempo ai primi rudimenti pratici di una “liturgia” della parola pubblica itinerante.

In compagnia del maestro Pietro Benedetti: echi rimbalzi ridondanze tra parola e voce, tra corpo e spazio urbano. Chi per l’occasione volesse raggiungere il gruppo e partecipare ai lavori sarà il benvenuto (appuntamento sul sagrato dell’abbazia).


Condividi la notizia:
9 marzo, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR