Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - A dichiararlo è Bruna Rossetti, presidente di Confcooperative Lazio Nord

“Cooperazione, l’impresa più amata dalle italiane”

Bruna Rossetti

Bruna Rossetti

Viterbo – “La cooperazione resta la formula imprenditoriale più amata dalle imprenditrici italiane”.

A dichiararlo è Bruna Rossetti, presidente di Confcooperative Lazio Nord.

“Registra, infatti – prosegue – il maggior numero di donne nelle posizioni apicali: il 26% contro il 16% degli altri modelli. Inoltre, anche l’occupazione è a predominanza rosa: su 1,3 milioni di occupati delle cooperative italiane il 53,8% sono donne. Questo perché le cooperative favoriscono la conciliazione vita – lavoro. 

Il tutto – prosegue la Rossetti – in un Paese come l’Italia dove, negli ultimi 10 anni, la crescita dell’occupazione femminile é stata inferiore all’1%. In Europa, solo Malta ha fatto peggio di noi. Inoltre 1 donna su 4, vale a dire 2 milioni di persone, non cercano o perdono il lavoro, perché impossibilitate a conciliare vita privata e lavoro”.

“Continueremo a rappresentare presso le istituzioni – spiega Maurizio Gardini, presidente Alleanza Cooperative Italiane – la necessità di promuovere misure di conciliazione per rimuovere gli ostacoli all’inclusione lavorativa delle donne, premiando le buone pratiche diffuse nella cooperazione, incentivando le imprese che fanno più fatica ad attivarle. Perché la competitività passa attraverso anche attraverso un modello di sviluppo realmente inclusivo che offra una nuova prospettiva di partecipazione femminile al mondo del lavoro.

Questa stessa sensibilità e cultura – sottolinea Gardini – la portiamo anche in Europa perché sia più coesa, più unita, tanto che stiamo lavorando attivamente per la costruzione di un network di donne cooperatrici all’interno di Cooperatives Europe, fortemente voluto dalla Commissione Donne e Parità dell’Alleanza Cooperative”.

“È nostro dovere, infine, impegnarci anche per la buona accoglienza delle donne immigrate e dei loro nuclei familiari, per la loro inclusione sociale e lavorativa, contrastando – conclude Bruna Rossetti – con in ogni modo e con tutte le nostre forze il fenomeno della tratta e della violenza”.

16 marzo, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564