Gamboni-infissi-infissi-nov-2017

--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Femminicidio-suicidio a Orte - Parlano il sindaco di Vasanello Antonio Porri e la prima cittadina di Amelia Laura Pernazza:

“Le nostre comunità inorridite da questa tragedia”

Antonio Porri, sindaco di Vasanello

Antonio Porri, sindaco di Vasanello

Laura Pernazza, sindaca di Amelia

Laura Pernazza, sindaca di Amelia

Femminicidio-suicidio a Orte - Silvia Tabacchi e Francesco Marigliani

Femminicidio-suicidio a Orte – Silvia Tabacchi e Francesco Marigliani

Femminicidio-suicidio a Orte - Il volante dell'auto

Femminicidio-suicidio a Orte – Il volante dell’auto

Femminicidio-suicidio a Orte - Il cuscino trovato nell'auto

Femminicidio-suicidio a Orte – Il cuscino trovato nell’auto

Vasanello – Amelia – (r.s.) – Vasanello e Amelia sono due paesi sconvolti e increduli. Inorriditi dal drammatico femminicidio-suicidio di venerdì pomeriggio, quando in uno spiazzo della strada che da Orte va a Vasanello il 28enne amerino Francesco Marigliani ha prima ucciso con un colpo alla tempia Silvia Tabacchi, l’ex fidanzata di Vasanello, per poi spararsi all’addome e alla testa.

“Una tragedia che ha sconvolto Amelia”, dice la sindaca del comune umbro Laura Pernazza che si stringe al dolore delle famiglie dei due giovani. “La famiglia di Francesco – continua la prima cittadina – è ferita doppiamente: sia per la sua perdita, sia perché si sente corresponsabile della morte di Silvia. Tutta Amelia è senza parole difronte a un dramma così brutto ed enorme”.

Nel comune in provincia di Terni in pochi conoscevano Francesco. “Non frequentava molto la piazza – spiega la sindaca Pernazza -. La mamma, che aveva un’attività in centro, si era trasferita dal capoluogo umbro qualche anno fa. Era una ragazza madre e il figlio portava il suo cognome. Alle spalle di Francesco, dunque, una vita familiare movimentata. Il giovane ultimamente era andato a vivere a casa di una zia, sempre ad Amelia”.

La comunità di Vasanello si stringe invece al dolore della famiglia di Silvia, tredicesima vittima italiana di femminicidio dall’inizio dell’anno. La mamma, il papà Antonio – dirigente delle Ferrovie dello stato e consigliere comunale negli anni ’80 -, il fratello Fernando e il nonno – maestro elementare – della 28enne sono dilaniati dal dolore. “Una tragedia immane, impossibile da capire – la definisce il sindaco di Vasanello, Antonio Porri -. L’amministrazione comunale è vicina alla famiglia Tabacchi. Mostrare vicinanza è l’unica cosa che possiamo fare”.

Per il giorno dei funerali di Silvia il comune viterbese ha già indetto il lutto cittadino. Mentre la comunità religiosa sta organizzando per le prossime ore una veglia in memoria della 28enne uccisa.


Multimediavideo – Femminicidio-suicidio a Orte – I vetri rotti dell’auto – slide – L’auto del femminicidio-suicidio e le prime indagini dei carabinieri – slide


19 marzo, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564