--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Furbetti della Asl - Ospedale di Belcolle - Nessun taglio alla retribuzione per Tiziana Riscaldati, lo prevede la legge

Sospensione prorogata, ma il primario continua a prendere lo stipendio

Condividi la notizia:

Tiziana Riscaldati

Tiziana Riscaldati

Viterbo - Belcolle - Assenteismo e truffa ai danni dell'Asl

Viterbo – Belcolle – Assenteismo e truffa ai danni dell’Asl

Viterbo - Belcolle - Assenteismo e truffa ai danni dell'Asl

Viterbo – Belcolle – Assenteismo e truffa ai danni dell’Asl

Viterbo - L'ospedale di Belcolle

Viterbo – L’ospedale di Belcolle

Viterbo – La Asl ha prorogato la sospensione di Tiziana Riscaldati, ma il primario di medicina trasfusionale continua a percepire lo stipendio. Pieno. E’ scritto nell’atto con cui la direttrice generale Daniela Donetti delibera “di prorogare il termine di sospensione del 3 febbraio scorso fino all’esito del procedimento disciplinare in corso, e comunque non oltre il 4 aprile. Salva e impregiudicata la corresponsione del trattamento economico complessivo”. Ovvero, nessuno taglio allo stipendio. Perché? Perché è una sospensione cautelativa e, in questo caso, “la legge non prevede la decurtazione della retribuzione”, ha spiegato a suo tempo l’avvocato della Asl Elaine Bolognini.

Riscaldati continuerà a percepire lo stipendio finché l’ufficio procedimenti disciplinari non adotterà nei suoi confronti i provvedimenti e le sanzioni che ritiene opportune. Tempo massimo 120 giorni, quattro mesi.

Al primario, che lunedì scorso è stato ascoltato dalla commissione disciplinare, è stata prorogata la sospensione per “la complessità e la gravità delle contestazioni” a suo carico, “sia sotto il profilo oggettivo che soggettivo, e anche per il ruolo rivestito dalla dipendente”. Contestazioni “che – secondo la Asl – per loro natura ed entità sono idonee a turbare la serenità del contesto lavorativo pubblico, anche rispetto agli altri dipendenti e alla comunità locale”.

Tiziana Riscaldati, 60 anni, è tra i ventitré accusati a vario titolo di falso e truffa. Tra questi anche un’infermiera già sospesa dal servizio, ma senza stipendio: Stefania Gemini, addetta alla predisposizione della liquidazione dell’unità operativa di medicina trasfusionale.

L’indagine della Guardia di finanza, coordinata dalla pm Paola Conti, prende il via a fine 2015. Da alcune intercettazioni dell’inchiesta Inps, gli agenti del nucleo tributario scoprono che nel reparto di medicina trasfusionale c’è chi timbra il cartellino e poi si allontana dall’ospedale di Belcolle. Ma anche chi vidima il badge dei colleghi che restano a casa o si dedicano ad altro: una dipendente è stata sorpresa a fare spese, un’altra ad assistere a una recita di Natale.

I finanzieri li hanno videoripresi per circa tremila ore. Poi pedinamenti e appostamenti, fino ad arrivare alla notifica del 415 bis, l’avviso di conclusione indagini. Nel corso delle indagini è emerso che negli ultimi cinque anni dodici tra medici e infermieri avrebbero anche gonfiato i propri stipendi per un importo complessivo di un milione e 300mila euro. Avrebbero sfruttato una delle caratteristiche del reparto: l’assistenza, a pagamento, in casa dei pazienti. La frode, sempre secondo l’accusa, sarebbe stata posta in essere attraverso false attestazioni relative a trasfusioni di sangue a domicilio in giorni di assenza dal lavoro, in alcuni casi anche mentre erano in ferie. Oppure gonfiate nella quantità del servizio reso, o effettuate ma rendicontate anche a favore di colleghi che in realtà non c’erano.

Riscaldati, dunque, è accusata di truffa per essersi procurata “un ingiusto profitto” pari a centinaia di migliaia di euro. Sospesa e quindi costretta a rimanere a casa, continua però a percepire pienamente lo stipendio.



Condividi la notizia:
8 marzo, 2017

Furbetti della Asl ... Gli articoli

  1. Furbetti del cartellino, in undici davanti al gup
  2. Furbetti del cartellino, la caposala chiede di patteggiare
  3. Bocciato il ricorso della dirigente Riscaldati contro il licenziamento in tronco
  4. "La dottoressa Guitarrini è una libera professionista"
  5. Furbetti del cartellino, licenziate due dottoresse
  6. Furbetti del cartellino, l'Asl cerca sostituti
  7. Furbetti del cartellino, licenziata infermiera
  8. Riscaldati licenziata in tronco
  9. Furbetti della Asl, ispettori a Belcolle
  10. "Riscaldati turba la serenità di colleghi e pazienti"
  11. I furbetti della Asl traditi da un'intercettazione dell'inchiesta Inps
  12. Andavano ovunque tranne che al lavoro...
  13. "I medici rischiano anche la radiazione"
  14. "Furbetti della Asl, provvedimenti anche dall'ordine dei medici"
  15. "Trasfusioni, Riscaldati aveva l'obbligo di controllare"
  16. "Nella Asl di Viterbo radicato e diffuso malcostume"
  17. E c'è pure il danno d'immagine...
  18. "Il primario sospeso continua a prendere lo stipendio pieno"
  19. “Nella sanità chi ruba lo becchiamo, manderemo gli ispettori”
  20. Nuovo primario per il centro trasfusionale
  21. "Solo qualche ora, non abbiamo ammazzato nessuno"
  22. La Asl ha sospeso il primario di medicina trasfusionale
  23. "Riscaldati non ha mai percepito quei 270mila euro"
  24. "L'infermiera Gemini ha ostacolato le indagini"
  25. "Inchiesta solida e fondata"
  26. Stipendi gonfiati per centinaia di migliaia di euro...
  27. Indagata la dirigente di medicina trasfusionale
  28. "Stiamo facendo le trasfusioni", invece erano in ferie...
  29. "Un evento di gravità assoluta nel nostro territorio"
  30. "Ennesimo caso di malcostume e frode"
  31. Furbetti della Asl, aperta una commissione d'inchiesta
  32. "Siamo arrabbiati e pronti a costituirci parte civile"
  33. "Ora provvedimenti per chi danneggia pazienti e lavoratori onesti"
  34. Facevano spesa e assistevano a recite durante l'orario di lavoro
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR