__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Economia - Una delegazione viterbese di Confimprese alla manifestazione a Roma

“No alla direttiva Bolkestein”

Roma - La manifestazione per il No alla direttiva Bolkestein

Roma – La manifestazione per il No alla direttiva Bolkestein

Roma - La manifestazione per il No alla direttiva Bolkestein

Roma – La manifestazione per il No alla direttiva Bolkestein

Viterbo – Riceviamo e pubblichiamo – Una delegazione viterbese di Confimprese Viterbo guidata dal segretario generale Giancarlo Bandini ha preso parte a Roma alla manifestazione di oltre ventimila ambulanti che si sono radunati in piazza della Repubblica per chiedere al governo l’immediato stop ai bandi o quanto meno avvio in prossimità della data di scadenza indicata dal decreto Milleproroghe e l’esclusione del comparto dalla Direttiva Bolkestein con un provvedimento legislativo.

Molte le delegazioni che si sono concentrate in piazza provenienti da ogni parte d’Italia.

Sul palco si sono avvicendati i presidenti delle associazioni degli ambulanti e esponenti politici di tutti gli schieramenti da destra a sinistra.

La manifestazione si è conclusa nel tardo pomeriggio. Le delegazioni degli ambulanti sono state ricevute dalla presidenza del Consiglio dei ministri e dal ministero degli Affari regionali.

C’è stato un incontro con il senatore Roberto Ruta e con il vicepresidente del gruppo Pd al Senato, Giuseppina Maturani, i quali hanno informato i rappresentanti degli ambulanti che oggi pomeriggio (giovedì) il Governo risponderà alla interrogazione parlamentare contro la direttiva Bolkestein presentata dallo stesso senatore Ruta.

Gli imprenditori del settore sono preoccupati per gli effetti che l’applicazione della Bolkestein avrebbe sul loro futuro, a partire dall’obbligo di partecipazione ai bandi per il rinnovo della concessione alla liberazione dei mercati che dà alle aziende di capitale la facoltà di partecipazione ai bandi stessi con ripercussioni sul piano della concorrenza.

Confimprese Viterbo

16 marzo, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564