--

--

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Caffeina Christmas Village - Presentata la seconda edizione - Si parte da piazza del Teatro e dal 24 novembre

Pista di pattinaggio a piazza del Comune, giostra al duomo

di Giuseppe Ferlicca
Viterbo - La presentazione del Christmas Village 2017

Viterbo – La presentazione del Christmas Village 2017

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

Viterbo - Caffeina Christmas village 2017

Viterbo – Caffeina Christmas village 2017

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

La presentazione del Caffeina Christmas village

Viterbo – Auguri di Buon Natale da Caffeina. Il 6 marzo, giusto per portarsi avanti.

Albero e luci alla sala Gatti per presentare il Christmas Village 2017. Il villaggio d’allarga, nel tempo e nei luoghi.

  • – Fotogallery: Il villaggio 2017 in anteprimaslide
  • Stavolta si parte da piazza del Teatro. Andrea Baffo, presidente Caffeina e Filippo Rossi, direttore artistico, anticipano le sorprese. Oggi non a caso. “Perché – osserva Rossi – abbiamo presentato in comune il nostro progetto”. Impegnativo.

“Sono quindici le attrazioni che abbiamo pensato – osserva Baffo – cinque sono totalmente nuove e otto rivoluzionate”.

Giocando pure d’anticipo. Il villaggio aprirà il 24 novembre. A piazza del Teatro, la porta d’ingresso. “L’idea, è allargarsi alla parte più commerciale della città – spiega Baffo – per fare in modo che il villaggio non sia una parte distaccata rispetto al resto. Saremo anche a corso Italia, pur non invadendolo”.

Il presepe su due piani, Babbo Natale che trasloca a piazza della Morte, giostra storica a piazza San Lorenzo, il cinema delle favole, la pista di pattinaggio a piazza del Comune, il teatro incantato in un teatro vero, il san Leonardo, la fabbrica dei giocattoli nel palazzo ex Tessuti Mastronicola, inizio via San Lorenzo, bosco ed elfi al parco del Paradosso, l’allegra fattoria e poi le conferme, a cominciare dalla fabbrica del cioccolato o lo zecchiere.

“Abbiamo anche pensato – spiega Rossi – ad angeli a piazza San Lorenzo, stilizzati e luminosi. Di grande impatto artistico e spirituale”.

Babbo Natale trasloca, da palazzo degli Alessandri a piazza della Morte. “Un posto meraviglioso – spiega Andrea Baffo – è un chiostro con diversi edifici che si affacciano, a piazza della Morte, fine via dei Pellegrini.

Un luogo grande, con una vera e importante stalla. Sono spazi di qualità da aggiungere, mentre si attende d’entrare. Un luogo al caldo dove leggere un libro o ascoltare fiabe da elfi e fate, prima d’entrare nella casa di Babbo Natale”.

Il presepe resta al palazzo dei Papi, ma su due piani, oltre alle scuderie, anche la sala Alessandro IV, con un nuovo ingresso. “Se vogliamo fare il più grande presepe al mondo – spiega Rossi – lo dobbiamo fare sul serio e chiameremo anche quelli che certificano il Guinness dei Primati”.

Il teatro incantato si sposta al San Leonardo, quello che Caffeina sta recuperando. Teatro, ma anche cinema, delle favole, al chiostro Longobardo a via Zazzera. Nuovo indirizzo pure per le Poste di Babbo Natale, in via san Pellegrino, di fronte alla fontana.

“Uno luogo più bello e ampio – osserva Baffo – rispetto allo scorso anno”. Lo zecchiere resta nella sua bottega, mentre un’altra novità è la Fabbrica dei giocattoli, al palazzo Mastronicola. Su tre piani.

A San Carluccio resta la fabbrica del cioccolato: “Ma con ancora più magia e divertimento”. Promessa di Baffo.

Una giostra di cavalli tradizionale a piazza San Lorenzo e intorno le casette in legno, mentre a piazza San Carluccio restano gli stand, in numero inferiore rispetto alla prima edizione.

Al parco del Paradosso, il Mondo degli elfi e il Bosco che non c’è. Accanto a un’altra novità, L’allegra fattoria di Babbo Natale.

“A piazza del Comune – precisa Rossi – abbiamo pensato alla pista di ghiaccio vero, con l’albero di Natale di cui si farà carico la fondazione. La richiesta l’abbiamo fatta, vediamo se andrà in porto”.

Sala Gatti piena, con commercianti, associazioni Facciamo centro e Centro di gravità, gli operatori del mercatino di Natale e gli organizzatori. Presente anche l’associazione Pensionati Pianoscarano.

“Quest’anno ci affideremo – anticipa Baffo – a un ufficio stampa di Milano, per divulgare la manifestazione a livello nazionale”. Correndo un “rischio”: “Far diventare Viterbo – osserva Rossi – la città del Natale, almeno per l’Italia centrale. Ci aspettiamo il 50 per cento in più di visitatori rispetto alla prima edizione”.

Giuseppe Ferlicca

6 marzo, 2017

 

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564