Tusciaweb-150x200-luglio-20-b

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Genio e sregolatezza - In aula le intercettazioni e i filmati proiettati su maxischermo per dimostrare la corruzione

“Pochi, maledetti e subito…”

Condividi la notizia:

Genio e sregolatezza - Filmati e intercettazioni in aula

Genio e sregolatezza – Filmati e intercettazioni in aula

Genio e sregolatezza - Filmati e intercettazioni in aula

Genio e sregolatezza – Filmati e intercettazioni in aula

Viterbo – Genio e sregolatezza, filmati e intercettazioni in aula per dimostrare appalti truccati, rivelazione di segreti d’ufficio e corruzione. “Pochi, maledetti e subito”, dicevano ad esempio tra loro, senza sapere di essere intercettati, i funzionari del genio civile Roberto Lanzi e Gabriela Annesi, decidendo per un giro di vite nei confronti degli imprenditori restii a versare le tangenti concordate per vincere le gare. Ieri le voci della coppia di pubblici ufficiali sono rimbombate in aula. 

I pubblici ministeri Fabrizio Tucci e Stefano D’Arma non si sono fatti mancare niente nel giorno della requisitoria più lunga. Due ore e mezza al termine della quale  hanno chiesto oltre 25 anni complessivi di condanne per gli otto imputati del filone principale della maxinchiesta sul presunto giro di un centinaio di appalti truccati da una cordata di imprenditori con la complicità di due funzionari del genio civile. 

Sul maxischermo posizionato ad hoc nell’aula di corte d’assise le immagini “live” della corruzione. In versione integrale – per il collegio presieduto dal giudice Maria Luparelli – il filmato girato grazie all’utilizzo di microcamere nascoste sul soffitto nell’ufficio del funzionario del genio civile. Si vede Lanzi – il deus ex machina per l’accusa – con l’imprenditore Luca Amedeo Girotti. Sono alle prese con la sostituzione della busta del ribasso. Un lavoro certosino, che si conclude all’insegna di colla e taglierino, abilmente usati dal funzionario per non lasciare traccia della nuova offerta col trucco. Per non lasciare nulla alla libera interpretazione, lo stesso pm D’Arma descrive al microfono i vari passaggi, come fosse un telecronista e il filmato un documentario.

Tra le intercettazioni fatte ascoltare in aula, una lite tra Daniela Chiavarino (che ha patteggiato una pena sotto i due anni con il padre Gianfranco e l’imprenditore Roberto Tomassetti) e un imprenditore di Orte, estraneo al processo, sulla spartizione degli appalti. E ancora. Le strategie di Lanzi e della collega Annesi per riscuotere le tangenti prima e non dopo la vincita della gara. “Gli dobbiamo dire che altrimenti non se ne fa niente – risuona in aula – che per rischiare dobbiamo avere i soldi in tasca, altrimenti leggiamo il giornale” (per i pm è il “manifesto” dello stile Lanzi-Annesi).

C’è poi un’intercettazione in cui un imprenditore del Cost si lamenta di Gianfranco Chiavarino che non spartisce le gare con Lanzi, che oltre a lavorare part-time per il genio era il direttore del consorzio. “Se ognuno va per cazzi suoi – dice l’imprenditore infervorato – che consorzio è? Hanno da pagà, punto e basta, con gli interessi pure”. Lanzi gli risponde: “Con me sfondi una porta aperta”.

Nessuno sconto agli imputati. Ed ecco spuntare la famosa “cartolina dal lago” di Fabrizio Giraldo a un collega per dirgli che non deve partecipare a una gara. “Ho fatto mandare una cartolina dal lago a quell’altro, perché a te non ti tocca”, spiega Giraldo, pensando di parlare in codice. Infine un audio “folcloristico”, come l’ha definito D’Arma, tra Daniela Chiavarino e Roberto Tomassetti, in cui ironizzano sull’apertura da parte di Lanzi di un secondo negozio di abbigliamento a Civita Castellana, oltre a quello di Viterbo: “Lo sai ‘ndo sta Roberto? Hai da vedè che negozio. Non c’ho capito niente, le so’ bamboccio. Hai capito? Maremma svergognata, non c’emo capito un cazzo”. 

Nel complesso, i pm Tucci e D’Arma hanno chiesto venticinque anni e un mese di carcere, con pene da due anni a sei anni e nove mesi. Per Lanzi la richiesta di pena più severa: sei anni e nove mesi, oltre la confisca di 51mila euro di beni. Per le parti civili, la Regione ha chiesto 260mila euro di danni (riservandosi di chiedere il resto, ancora da quantificare, in sede civile),  la Provincia 183mila 940 euro, il comune di Vignanello 600mila euro e l’impresa 200mila euro. A fine maggio la prossima udienza, quando la parola passerà ai difensori degli otto imputati. Per la sentenza, però, bisognerà aspettare l’autunno.


Le pene chieste dai pm per gli imputati

1) Roberto Lanzi, funzionario del Genio civile: 6 anni e 9 mesi, più una confisca di 51mila euro di beni

2) Adriano Santori, ex sindaco di Graffignano: 3 anni e 6 mesi

3) Gabriela Annesi, funzionario del Genio civile: 3 anni e 4 mesi

4) Luca Amedeo Girotti, imprenditore: 3 anni

5) Fabrizio Giraldo, imprenditore: 2 anni e 6 mesi

6) Luciano Cardoni, ex assessore di Graffignano: 2 anni

7) Angelo Anselmi, imprenditore: 2 anni

8) Giuliano Bilancini, imprenditore: 2 anni

 


Condividi la notizia:
29 marzo, 2017

Genio e sregolatezza ... Gli articoli

  1. Lottizzazione Acquabianca, caso chiuso per i sette imputati
  2. Lottizzazione Acquabianca, verso la prescrizione l'accusa di corruzione per sette imputati
  3. "Tordi e cacciatori" nelle intercettazioni, per la procura si trattava di una soffiata
  4. Genio e sregolatezza, al via il filone "Bomarzo" della maxinchiesta
  5. Lottizzazione Acquabianca, sfilano i primi sei testimoni dell'accusa
  6. Appalti truccati, verso la prescrizione altri due processi
  7. Appalti truccati, Annesi e Lanzi fanno appello contro la condanna
  8. "Un preoccupante sistema di gestione degli appalti pubblici nel Viterbese"
  9. Appalti truccati, la maxinchiesta fa tappa anche a Bomarzo
  10. Appalti truccati e tangenti, al via due nuovi processi falcidiati dalle prescrizioni
  11. Truffa e corruzione, sì alle intercettazioni
  12. Appaltopoli bis, pioggia di prescrizioni a raffica
  13. Pista rossa, prescrizione anche per Scapigliati
  14. Al via il processo ai sette imputati del filone Acquabianca
  15. Appalti pubblici truccati, giudice incompatibile stop al processo
  16. "Sono sollevato, anche se ho sempre saputo di essere innocente"
  17. Appaltopoli, inflitti oltre dieci anni di carcere
  18. Ponte del primo maggio col fiato sospeso per otto imputati
  19. "Nessuna prova, solo suggestioni..."
  20. Appalti truccati, processo prescritto prima di cominciare per due imputati
  21. "Nessuno scambio di buste, solo una sonora cantonata"
  22. "La Annesi non ha mai confessato..."
  23. Appaltopoli bis, maxiprocesso per 31 imputati e 17 parti offese
  24. Funzionari del genio civile accusati di corruzione, tutta per loro l'ultima udienza
  25. Lottizzazione Acquabianca, il comune parte civile al processo
  26. "Genio e sregolatezza, il Comune si costiuirà parte civile?"
  27. "Hanno pescato un pesce che non c'entrava niente... "
  28. Lottizzazione Acquabianca, sei imprenditori e l'ex city manager a processo
  29. Appaltopoli bis, sarà maxiprocesso per trentuno imputati
  30. Villette invece di condomini all'Aquabianca, slitta l'udienza preliminare
  31. "Le accuse dei pm? Solo teorie..."
  32. "L'inchiesta Appaltopoli? Come Alice nel paese delle meraviglie"
  33. Genio e sregolatezza, parola alle difese
  34. Genio e sregolatezza, nuovo processo per sei indagati
  35. Nuovo processo per Genio e sregolatezza
  36. "Ecco come si spartivano gli appalti"
  37. Appaltopoli, chiesti oltre 25 anni di carcere
  38. Genio e sregolatezza, processo al rush finale
  39. Giudice incompatibile, salta appaltopoli bis
  40. Villette invece di condomini, in sette davanti al gup
  41. Genio e sregolatezza bis, incombe la prescrizione
  42. "Impossibile pilotare la gara"
  43. Appalti truccati, slitta l'udienza preliminare
  44. Genio e sregolatezza, in sei rischiano un nuovo processo
  45. Genio e sregolatezza, è guerra sulle intercettazioni
  46. "Le intercettazioni non tornano..."
  47. "Da Lanzi? Mai ricevuto pressioni"
  48. Pista rossa e lavori a scuola, tutti a processo
  49. Pista rossa e lavori a scuola, in 7 rischiano il processo
  50. "Normale chiedere delucidazioni sui bandi..."
  51. Genio e sregolatezza, verso il processo altri 32
  52. "Rifiuti in discarica? Pagava il comune"
  53. Appalti truccati, ex assessore parla per due ore
  54. Genio e sregolatezza, 'processo' alle indagini
  55. "Genio e sregolatezza", tutto da rifare
  56. Pista rossa e lavori a scuola, in sette davanti al gup
  57. Brivido appaltopoli, processo appeso a un filo
  58. Venti giorni per farsi interrogare
  59. "Facevamo tutto da soli"
  60. Balducci e Amedeo Orsolini, chiusa l'inchiesta per corruzione
  61. "Tutte queste ditte a braccetto non ce le vedo..."
  62. "Nessuna pressione per aggiudicare gli appalti"
  63. Un pezzo dell'ex giunta sul banco dei testimoni
  64. "Bilancini non doveva essere arrestato"
  65. Appalto differenziata, Santori scarica tutto su Curti
  66. "Ho chiesto aiuto per non licenziare gli operai"
  67. E alla fine l'appalto va alla Gesta...
  68. Giudice incompatibile, salta l'udienza preliminare
  69. Stralci di appaltopoli, rinviate le due udienze preliminari
  70. Genio e sregolatezza, altri 32 a rischio processo
  71. Appalti e tangenti, chiusa l'inchiesta
  72. Appalti truccati, un imprenditore: "Offerte anomale"
  73. "Appalti pilotati, nell'ambiente si sapeva..."
  74. Appalti truccati, difese all'attacco
  75. "Soldi per il consorzio, non per Lanzi"
  76. Appalti truccati, Chiavarino e Tomassetti supertestimoni
  77. "La gara s'ha da piglia'..."
  78. "Metti nel vaso un fiore da 3 euro e 10..."
  79. Appaltopoli slitta a dicembre
  80. Appaltopoli ricomincia da capo
  81. Appaltopoli, processo al palo
  82. "Contro Lanzi nessuna prova"
  83. "Pochi, maledetti e subito"
  84. Appaltopoli, ok alle intercettazioni
  85. Indagini e intercettazioni, è scontro tra accusa e difesa
  86. Due processi per appaltopoli
  87. Appaltopoli, si torna in aula
  88. Appaltopoli, raffica di eccezioni contro il giudizio immediato
  89. Appaltopoli, il processo non decolla
  90. Appaltopoli, patteggiano i Chiavarino e Tomassetti
  91. Giudice in causa col comune di Graffignano, salta il processo
  92. Appaltopoli, riparte il processo
  93. Appalti truccati, patteggiamenti rinviati a settembre
  94. Giudici incompatibili, salta il processo
  95. Appalti truccati, parte il processo
  96. Ore contate per la decisione sul destino dei 13 arrestati
  97. Daniela Chiavarino per sei ore in procura
  98. Appalti truccati, parla solo Anselmi
  99. Appalti truccati, nuovi interrogatori in vista
  100. Appalti truccati, i funzionari del Genio non rispondono
  101. Appalti truccati, Lanzi non risponderà
  102. Anselmi: "C'erano due cordate..."
  103. Bilancini "recuperatore di tangenti"...
  104. Interrogatori fiume in tribunale e in carcere
  105. Appalti truccati, Santori e Giraldo rispondono
  106. "Gente forte, abituata a cadere e rialzarsi"
  107. Settanta uomini impegnati nel blitz
  108. Nove in carcere e quattro ai domiciliari
  109. Scattano di nuovo le manette
  110. "Contestiamo qualsiasi coinvolgimento"
  111. "Balducci sempre leale e trasparente"
  112. Balducci e Amedeo Orsolini indagati per corruzione
  113. Forestale in comune, sequestrati documenti
  114. "Indagato? Non ho ricevuto avvisi di garanzia..."
  115. Appalti truccati, inchiesta al rush finale
  116. Santori ritira le sue dimissioni
  117. Appalti truccati, liberi tutti
  118. Appalti truccati, il giorno della verità
  119. Battisti: "Ci costituiremo parte civile"
  120. Chiesta la scarcerazione immediata
  121. Otto tangenti in due anni al funzionario del Genio
  122. Appalti truccati, liberi in quattro
  123. Rifiuti e appalti, 12 arrestati - Le immagini dell'operazione

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR