--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Tribunale - Tuscania - Ma nella macchina lascia il cappello e il cellulare - Condannato per furto

Ruba auto, si schianta e poi scappa a piedi

Condividi la notizia:

Tuscania

Tuscania

Viterbo - Il tribunale

Viterbo – Il tribunale

Tuscania – Si schianta con l’auto che ha appena rubato, ma dopo aver provocato l’incidente continua la fuga. A piedi. I carabinieri lo hanno rintracciato poco dopo: il ladro aveva lasciato nella macchina – un’Opel Corsa – il cappello bianco e rosso e il suo cellulare, un Nokia. E’ successo a Tuscania.

Finito a processo per il furto dell’auto, ieri l’uomo si è difeso in aula davanti al giudice Giacomo Autizi. “Il berretto e il telefonino – dice – sono i miei. Ma mi trovavo su quella macchina per caso: avevo chiesto un passaggio a un amico e non sapevo che l’Opel fosse stata rubata. Me l’ha detto solo quando abbiamo fatto l’incidente e così spaventato è scappato. Rimasto solo, sono entrato nel panico. L’auto era distrutta e non sapevo cosa fare. Così sono fuggito anche io”.

I carabinieri, contattato il proprietario della macchina che ha confermato il furto, rintracciano l’imputato poco dopo. Nell’Opel, infatti, aveva lasciato il suo cappello e il telefonino. Fermato il 27 dicembre di quattro anni fa, è poi finito a processo. Nonostante il suo racconto in tribunale, il giudice lo ha condannato a quattro mesi di carcere più 104 euro di multa.

La procura aveva chiesto per l’uomo, detenuto per altra causa, un pena più alta: un anno di reclusione e trecento euro di multa.


Condividi la notizia:
10 marzo, 2017

    • Altri articoli

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR