- Viterbo News – Viterbo Notizie – Tusciaweb – Tuscia News – Newspaper online Viterbo – Quotidiano on line – Italia Notizie – Roma Notizie – Milano Notizie – Tuscia web - http://www.tusciaweb.eu -

Crack Cev, corsa contro il tempo per la sentenza

Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]

Il processo Cev [3]

Il processo Cev

Viterbo – Crack Cev, è corsa contro il tempo per la sentenza.

Nuova udienza ieri del processo per il fallimento della società partecipata viterbese. Partito con 37 imputati, è stato ridotto a sette dopo l’ultima ondata di prescrizioni. Davanti al tribunale sono tornati una decina di testimoni, già ascoltati da una precedente terna giudicante. Tra questi i dirigenti comunali Stefano Quintarelli ed Emilio Capoccioni, Lorenzo Ciorba e Claudio Londero. Hanno tutti confermato le dichiarazioni rese; solo Ciorba si è trattenuto qualche minuto in più per rispondere alle domande del difensore di Amedeo Orsolini.

L’imprenditore Orsolini è a giudizio insieme all’ex sindaco di Viterbo Giancarlo Gabbianelli, all’ex city manager Armando Balducci, Maurizio Guerrini, Attilio Moretti, Mauro Di Stefano e Claudio Ciucciarelli. Per i pm Paola Conti e Franco Pacifici, l’ingegnere ed ex presidente di Federimprese Viterbo avrebbe spinto il subappaltatore Londero a farsi saldare una fattura fasulla dalla Isofoton srl – fornitrice dei pannelli fotovoltaici per tre edifici comunali – per 32mila euro. I soldi, a detta degli inquirenti, se li sarebbe presi lo stesso Ciucciarelli. Almeno una parte del denaro sarebbe servita per “far andare in vacanza i politici”, secondo il capo di imputazione.

L’inchiesta Cev, per reati contro la pubblica amministrazione, inizia nel 2007, con un’indagine della Finanza. Era attraverso la società partecipata che, secondo l’accusa, gli appalti del comune di Viterbo diventavano appannaggio di un consorzio di aziende altamente selezionato: palazzo dei Priori affidava i servizi al Cev che risubappaltava agli imprenditori. Affidamenti diretti, e nessuna gara per la scelta dei soci privati della società.


Condividi la notizia:
  • [1]
  • [2]
  • Tweet [4]
  • [1]
  • [2]