--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Corte d'assise - Feto nel cassonetto - L'uomo, accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere, ha rilasciato spontanee dichiarazioni in aula

L’infermiere ammette di aver scritto la ricetta falsa per la pillola abortiva

Condividi la notizia:

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

Il cassonetto di via Solieri dove è stato ritrovato il feto

Viterbo – Feto nel cassonetto, il Cytotec (pillola abortiva, ndr) con cui Elisaveta Alina Ambrus si sarebbe procurata l’aborto al settimo mese di gravidanza fu comprato in una farmacia del centro dalla coinquilina con una ricetta a nome dell’infermiere. Che però ha ammesso di averla scritta di suo pugno. 

La piccola, nata viva, secondo l’accusa avrebbe potuto salvarsi se non fosse stata partorita nel bagno di casa dopo avere assunto il medicinale anti-ulcera che ha tra gli effetti collaterali quello di provocare le contrazioni uterine.

L’imputato è Graziano Rappuoli, il 56enne di Tuscania finito sotto processo davanti alla corte d’assise con l’accusa di omicidio volontario e occultamento di cadavere in concorso, nonché di esercizio abusivo della professione medica. Sarebbe stato lui a procurare alla donna, conosciuta nel night club dove lavorava, la ricetta falsa per il Cytotec.

Il processo è entrato nel vivo ieri davanti alla corte composta da sei giurati popolari e due giudici togati, presidente Ettore Capizzi, Rita Cialoni a latere. Difensori Maria Antonietta Russo e Samuele De Santis. Pm Franco Pacifici. Presente l’imputato, che ha preso la parola per dire di avere falsificato lui la ricetta. La madre è stata condannata a 10 anni, ma la difesa ha fatto appello, sostenendo che si sia trattato di un parto precipitoso.

Tra i testi anche la titolare del locale notturno dove la madre, ballerina 27enne romena, faceva la “figurante di sala”. “In pratica faceva compagnia agli avventori, se ordinavano due drink – ha spiegato la donna, imprenditrice d’origine russa –  lavorava dalle 22 alle 4 del mattino per 60 euro a serata, senza percentuali sulle consumazioni”. Ha negato di essersi accorta che fosse incinta, nonostante la gravidanza al settimo mese e gli abiti succinti. “Semmai ho pensato che fosse leggermente ingrassata”. ha detto.

Sulla macchina di Rappuoli, infermiere anestesista in forza a Belcolle, fu sequestrato un intero blocco di ricette in bianco, tutte col timbro dello stesso medico, un dottore del reparto di rianimazione dell’ospedale provinciale.

L’infermiere, rilasciando spontanee dichiarazioni, ha ammesso di avere scritto di proprio pugno sia la ricetta del Cytotec, sia un post-it col solo nome del medicinale, sottolineato a penna, con cui una donna – rimasta ignota – avrebbe tentato di procurarselo pochi giorni prima nella stessa farmacia, Fortini di via Cairoli. 

E’ successo due-tre giorni prima del 2 maggio 2013, quando la madre in preda a un’emorragia gettò la bambina settimina in un cassonetto del Salamaro, mentre l’infermiere l’accompagnava in auto a Belcolle dove la Ambrus fu arrestata dopo il ritrovamento del cadavere. 

“Venne una donna mostrandomi un foglietto con la scritta Cytotec, ma le dissi che serviva la ricetta. Non saprei descriverla, ma non ricordo che fosse incinta”, ha spiegato una commessa della farmacia, senza ricordare altro. Il 30 aprile una delle farmaciste ha venduto una confezione di Cytotec a una donna: “Ricordo che era piccola di statura, scura di carnagione e di capelli, con una coda spettinata, sui 25-30 anni. Non era apparentemente incinta”.

Un ritratto non corrispondente alla Ambrus. E qui il colpo di scena del difensore De Santis che, a sorpresa, ha mostrato alla dottoressa due foto di una donna, risolvendo in pochi istanti il “giallo”. “E’ lei”, ha detto la farmacista. E’ così emerso che si trattava di foto scattate dalla polizia sulla presunta scena del crimine, la casa della Ambrus, in cui si vede la coinquilina. Anch’essa “figurante di sala” nello stesso night club, non risulta tra gli indagati dell’inchiesta. E non si è presentata a testimoniare, per cui sarà citata un’altra volta. 

Regolare per la farmacia la ricetta, di quelle in bianco, col nome, la firma e il timbro del dottore, a nome di Graziano Rappuoli. Il medico, sentito come testimone, ha detto di conoscere l’imputato da quando faceva l’anestesista in sala operatoria: “Ora sono in rianimazione e il timbro può averlo usato chiunque, lo tengo sul bancone quando sono in servizio per compilare i certificati di morte o disporre trasferimenti di pazienti. Ci passa tanta gente, è un reparto aperto e c’è l’unico eco-gas dell’ospedale”. 

Si torna in aula il 29 settembre.

 


Condividi la notizia:
29 aprile, 2017

Feto nel cassonetto ... Gli articoli

  1. Estradizione in Italia o interrogatorio in videoconferenza dal carcere di Londra per la Ambrus
  2. Feto nel cassonetto, la madre è stata rintracciata in un carcere di Londra
  3. Ennesimo stop del processo all'infermiere, svanita nel nulla la madre della bimba
  4. Arrestata sei mesi fa a Londra dall'Interpol, è nuovamente sparita la Ambrus
  5. I professori Mauro Bacci e Massimo Lancia: "Non fu un parto precipitoso"
  6. "Non ci sono prove che l'infermiere sapesse che la Ambrus era incinta"
  7. Feto nel cassonetto, Londra decide sull'estradizione della madre
  8. Feto nel cassonetto, madre rintracciata dall'interpol a Londra
  9. Ha gettato la figlia nel cassonetto, diserta l'aula per l'ennesima volta
  10. "Ho fatto una grande cavolata, mi sono sentita persa"
  11. Feticidio, pena dimezzata e revocato il carcere alla madre
  12. Non fu omicidio ma feticidio, pena dimezzata in appello
  13. Madre condannata a 10 anni per omicidio, processo d'appello al via
  14. "Dammi mille euro per andarmene, è meglio per te e per me"
  15. Feto nel cassonetto, parla infermiere del pronto soccorso
  16. "Quando ho aperto la busta speravo che la bimba fosse ancora viva"
  17. Processo all'infermiere, sfilano i primi testi dell'accusa
  18. Bimba nel cassonetto, al via il processo all'infermiere
  19. "Non fu omicidio ma parto precipitoso"
  20. Feto nel cassonetto, si va in appello
  21. "Ha gettato il feto nel cassonetto senza ripensamenti"
  22. "Feto nel cassonetto, faremo appello"
  23. Feto nel cassonetto, mamma condannata a 10 anni
  24. Feto nel cassonetto, venerdì la discussione
  25. Feto nel cassonetto, i periti: "Parto precipitoso"
  26. Neonata uccisa e gettata tra i rifiuti, parola ai periti
  27. Neonata nel cassonetto, affidata la perizia a tre specialisti
  28. Feto nel cassonetto, niente carcere per la giovane madre
  29. Feto tra i rifiuti, difesa contro il carcere per la madre
  30. Feto tra i rifiuti, rito abbreviato per la madre
  31. "Totale assenza di valore per la vita umana"
  32. Feto tra i rifiuti, carcere per la madre
  33. Feto tra i rifiuti, è scontro sul mandato di arresto europeo
  34. Feto nel cassonetto, l'infermiere torna libero
  35. Feto nel cassonetto, a gennaio l'udienza preliminare
  36. Feto nel cassonetto, arrestato l'infermiere
  37. Feto tra i rifiuti, l'avvocato: "La madre voleva venire in aula"
  38. Stop alle indagini sul feto gettato tra i rifiuti
  39. Feto tra i rifiuti, è scontro sulla proroga delle indagini
  40. Feto nel cassonetto, il Riesame dà ragione alla procura
  41. Feto nel cassonetto, il Riesame si riserva
  42. Feto nel cassonetto, libera la ragazza madre
  43. Feto nel cassonetto, la procura la spunta in Cassazione
  44. Feto nel cassonetto, la Cassazione prende tempo
  45. Feto nel cassonetto, oggi l'udienza in Cassazione
  46. Feto abbandonato nel cassonetto, fissata l'udienza
  47. Feto nel cassonetto, la madre resta in carcere
  48. Feto nel cassonetto, sarà ricorso in Cassazione
  49. Feto nel cassonetto, respinto l'appello della Procura
  50. Feto nel cassonetto, il Riesame prende tempo
  51. Feto nel cassonetto, fissata l'udienza
  52. Madre arrestata, la procura insiste sull'omicidio
  53. Feto nel cassonetto, la madre non risponde
  54. Madre arrestata, la procura pronta a impugnare
  55. Feto nel cassonetto, arrestata la madre
  56. Feto nel cassonetto, si indaga per omicidio
  57. Feto nel cassonetto, la madre scossa e provata
  58. Feto nel cassonetto, Mancini (Pd): Siamo tutti colpevoli
  59. Feto nel cassonetto, c'è un video
  60. "Subito uno sportello di ascolto per le donne"
  61. "La vita umana è sacra e inviolabile"
  62. Feto nel cassonetto, la ragazza rischia l'accusa di infanticidio
  63. "Il gesto disperato di una mamma"
  64. Feto nel cassonetto, si sospetta l'esistenza di un complice
  65. Trovato feto morto in un secchione dell'immondizia, identificata la madre
    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR