--
    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Viterbo - Intervista a don Angelo Gargiuli, parroco di santa Maria Nuova, che ha festeggiato 90 anni

“Il sacerdote è un padre di famiglia”

Bassano-Presepe-19-560x60

Condividi la notizia:

Don Angelo Gargiuli

Don Angelo Gargiuli

Don Angelo Gargiuli

Don Angelo Gargiuli

Don Angelo Gargiuli

Don Angelo Gargiuli

Viterbo – (p.p.) – “Il sacerdote è un padre di famiglia, diamo alla comunità un volto nuovo, un volto cristiano”. Don Angelo Gargiuli è un’istituzione per la città e lui la città la porta nel cuore.

90 anni e 65 anni di sacerdozio nella sua chiesa di santa Maria nuova. E’ lì che ha trascorso e trascorre le sue giornate, ha ascoltato i fedeli e dispensato consigli e parole di conforto.

Ieri la comunità lo ha festeggiato con una messa e un rinfresco. Dice di avere solo ricordi belli di questo lungo periodo e, con tono paterno, sprona i viterbesi a essere più presenti nella comunità.

Come sono stati questi anni di sacerdozio?
“Bisogna chiederlo al Padreterno – scherza don Angelo -, perché è lui che mi ha fatto arrivare fin qui”.

Quando è diventato sacerdote?
“Nel 1952. Sono entrato in seminario molto tardi perché non avevo i soldi per pagare la retta, anche perché c’era pure mio fratello, don Mario, che già lo frequentava. Ho dovuto lavorare e mettere da parte il necessario per poi iscrivermi”.

Dove è stato sacerdote?
“Sempre a Viterbo, prima sono stato per 16 anni assistente nell’Azione cattolica poi con la morte di mio fratello, il vescovo Albanesi quasi mi obbligò a lasciarla per diventare parroco. L’obbedienza è sacra e l’ho fatto”.

La città è cambiata in questi anni?
“Moltissimo, non la riconosco più. Il centro storico sta morendo perché la gente è per lo più anziana, ci sono case poco accoglienti e mancano i servizi. E’ così che moltoi se ne vanno e lo abbandonano. Ho provato a dare il mio contributo per sistemare la chiesa, che era messa male, ma il punto è che bisogna lavorare per la gente più che per le strutture che comunque sono necessarie. La messa era sempre stra piena di persone, ora è spesso vuota”.

Adesso c’è con lei don Mario Brizi…
“Tocca a lui il compito di attirare la gente e richiamare i fedeli”.

Cosa rappresenta il parroco per una comunità?
“Il parroco è tutto, un padre di famiglia che lavora e vuole bene bene ai suoi figli, tenendo sempre a mente le loro esigenze. Si fa presto a farlo per 4 o 5 persone, diventa complicato se poi sono 1200, ma, del resto, è la nostra vocazione. Il problema è che nella comunità di oggi ci sono molti anziani, anche nelle comunioni, pochi giorni fa, abbiamo avuto solo otto ragazzi. Lo sforzo è quello di dare a questa parrocchia un volto cristiano autentico”.

Il ricordo più bello di questi anni?
“Di aver fatto il prete in generale, per cui ogni momento è stato bello… da quelli più difficili, ai funerali, i matrimoni, il battesimo e i discorsi con chi ha bisogno di aiuto”.

Cosa vuole dire ai suoi fedeli?
“Di essere più presenti e vivere di più la comunità – conclude don Angelo -, seguendo le proposte del parroco che sono tante e tutte mirate a risvegliare la vera fede”. 


Condividi la notizia:
29 aprile, 2017

    • Articoli recenti

                               Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564Informativa GDPR