__

    Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
    • Facebook
    • Twitter
    • LinkedIn
    • Google Bookmarks
    • Webnews
    • Wikio IT
    • YahooMyWeb
    • MySpace
    • Y!GG
  • Stampa Articolo
  • Email This Post

Civitavecchia - Finanza - Rinnovato il protocollo operativo

Sorveglianza della riserva naturale statale “Isole di Ventotene”

Rinnovato il protocollo operativo

Rinnovato il protocollo operativo

Finanza

Finanza

Civitavecchia – E’ stato rinnovato il 10 aprile, negli uffici alla sede della sezione operativa navale di Lido di Ostia della guardia di finanza, il protocollo operativo tra la componente aeronavale del corpo rappresentata dal reparto operativo aeronavale di Civitavecchia e l’ente gestore dell’Area Marina protetta – Riserva Naturale Statale “Isole di Ventotene e Santo Stefano”.

Hanno sottoscritto l’accordo il comandante del R.O.An. della G. di F. Col.pil.t.SFP Roberto Bencivenni e il presidente dell’ente gestore dell’Area Marina Protetta – Riserva Naturale Statale 
“Isole di Ventotene e Santo Stefano”, nonché Commissario Straordinario di Ventotene, Maria Laura Mammetti.

All’incontro erano presenti anche Antonio Romano, direttore della citata A.M.P – R.N.S. e il comandante della stazione navale di Civitavecchia, Ten. Col. Mirko Tedeschi ed il Comandante della Sezione Operativa Navale di Gaeta Capitano Alessio Mainieri.

Il nuovo accordo operativo, voluto dal Comando Generale del Corpo, nell’ambito del più ampio “Protocollo d’Intesa” stipulato in Roma il 14 ottobre 2014 con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, nonché dalle Autorità locali, prevede l’impiego delle unità navali in forza al R.O.An. di Civitavecchia per garantire la sorveglianza marittima sulla superficie dell’intera giurisdizione dell’Area Marina Protetta e della Riserva Naturale Statale delle Isole di Ventotene e Santo Stefano.

Il fine della sorveglianza è quello di prevenire i comportamenti, specie dei diportisti durante il periodo estivo, che possano arrecare danni all’ambiente alle caratteristiche naturali, geomorfologiche, fisiche biochimiche, alla flora e alla fauna marina e costiera, e comunque pregiudizio alla sicurezza della navigazione.

11 aprile, 2017

Copyright Tusciaweb srl - 01100 Viterbo - P.I. 01994200564